Bonus nido di 1000 euro: ecco come richiederlo

Sei pronta? Dalle ore 10.00 del 17 luglio partono le domande Inps per accedere al bonus nido di 1000 euro

Il bonus asilo nido di 1000 euro è una tantum annuale riconosciuta direttamente dall’Inps per i genitori di figli nati o adottati dal primo gennaio 2016. Tale premio è riconosciuto al genitore che sostiene le spese del bambino/a per:

  • il pagamento di rette per la frequenza di asili nido pubblici e privati;
  • per forme di assistenza domiciliare in favore di bambini con meno di tre anni affetti da gravi patologie croniche.

I requisiti per ottenere il bonus asilo nido 2017?

Il genitore del minore, che sostiene le spese per l’asilo nido o per l’assistenza domiciliare deve avere i seguenti requisiti:

  • cittadino italiano, comunitario, straniero titolari di permesso di soggiorno di lungo periodo Ce;
  • il genitore deve essere residente in Italia.
  • viene assegnato il bonus al genitore che sostiene effettivamente il pagamento dell’asilo nido o dell’assistenza domiciliare;
  • il richiedente genitore deve avere la stessa residenza con il figlio ed avere anche la dimora abituale nello stesso Comune;

Ti consigliamo di leggere il nostro articolo cliccando qui.

Come richiedere il bonus di 1000 euro?

Per richiedere il bonus di mille euro devi trasmettere una domanda telematica all’Inps attraverso:

  • il codice Pin dispositivo del genitore richiedente;
  • tramite gli uffici di patronato, che dovranno presentare la pratica gratuitamente;
  • tramite il Contact Center dell’Inps al numero 803.164 da telefono fisso.

Prima di compilare la tua domanda telematica attrezzati di questi documenti:

  • il modello SR163 Inps, per compilare correttamente questo modello clicca qui sul nostro articolo.
  • se richiedi il bonus per le rette dell’asilo da gennaio a luglio 2017, dovrai attestare l’avvenuto pagamento delle rette e successivamente allegare tutte le ricevute di pagamento rilasciate dall’asilo nido;
  • mentre se lo richiedi da settembre a dicembre 2017,dovrai dimostrare l’avvenuta iscrizione ed il pagamento della prima retta di frequenza; se l’asilo nido è pubblico l’Inps ti chiederà di allegare un documento che attesti l’iscrizione del bambino e la presenza in graduatoria e successivamente dovrai allegare le ricevute di pagamento delle rette di frequenza.

Sulle ricevute dell’asilo nido deve essere indicato, necessariamente, il codice fiscale del richiedente (ossia del genitore) e sia il codice fiscale del minore.

Per ricevere l’intero pagamento dovrai allegare, successivamente alla domanda telematica, tutte le ricevute.

Per richiedere il bonus per il sostegno domiciliare per bambini di età inferiore a tre anni con gravi patologie, dovrai allegare alla domanda telematica Inps, un certificato rilasciato dal pediatra che attesti per l’intero anno di riferimento “l’impossibilità del bambino a frequentare gli asili nido in ragione di una grave patologia cronica.

La procedura per richiedere il premio di 1000 euro?

Se sei in possesso del codice Pin Inps dispositivo, potrai compilare autonomamente la domanda.

Clicca su www.inps.it.

Scrivi sulla barra Cerchi Servizi: bonus asilo nido e clicca su Bonus asilo nido e forme di supporto presso la propria abitazione.

Clicca su Accedi al servizio.

Clicca su Bonus asilo nido e forme di supporto presso la propria abitazione.

Visualizzerai questo riquadro. Clicca su Inserimento Domanda.

Controlla i tuoi dati anagrafici e clicca si o no se vuoi hai un altro domicilio che vuoi utilizzare per ricevere comunicazioni. In seguito clicca su Avanti.

Inserisci il tuo cellulare ed il tuo indirizzo email. Clicca su avanti.

Seleziona la sede di competenza Inps, il tipo di beneficio e l’evento. In seguita dichiara di essere il genitore del minore. Clicca su avanti.

Inserisci i dati del minore. Clicca su avanti.

Inserisci i dati dell’asilo nido, i mesi goduti o da richiedere e compilare tutti i dati del riquadro. Clicca su avanti e completa la procedura.

Successivamente ricordati di allegare le ricevute dell’asilo o il certificato del pediatra.

Affrettati perché i fondi sono limitati.

Valuta l'articolo
[Totali: 2 Media: 5]

Hai trovato utile il nostro articolo? Hai chiarito qualche dubbio in merito ad un argomento? Effettua una Donazione ed aiutarai il nostro Team ad aggiornarti sempre con le ultime Novità 😉


Posted by Nicola Di Masi

Nicola Di Masi, ideatore e creatore di contenuti per il sito insindacabili.it. Abilitato Consulente del Lavoro e responsabile Caf da Maggio 2008 a tutt'oggi. Ha lavorato come Consulente del Lavoro, come operatore di Patronato e ha coordinato le attività formative di un Organismo Formativo Accreditato.

Invia il tuo Commento