Articolo aggiornato il 25 Aprile 2020 da Nicola Di Masi

Domanda bonus 600 euro Inps negativa

E’ allo studio il nuovo decreto legge di Aprile del Governo Conte, il quale stabilirà nuove misure economiche per le famiglie, mentre tantissimi beneficiari, sono ancora in attesa del pagamento del bonus di 600 euro, da parte dell’Inps.

I richiedenti dell’indennità Covid19 sono stati pagati a partire dal 15 aprile 2020, mentre molti atri il 18 Aprile e moltissimi lavoratori stanno attendendo la lettera al proprio domicilio, in quanto hanno indicato nella domanda: bonifico domiciliato, per riscuotere in contanti i 600 euro alla Posta.

Altri beneficiari, invece, visualizzano esito domanda accolta ed il pagamento non arriva.

Domanda Bonus 600 euro in attesa di esito

Cosa fare se la domanda risulta accolta e sul fascicolo previdenziale non risulta nessuna data di pagamento? Se all’interno del servizio online del cittadino, Indennità Covid19, la domanda del bonus Inps risulta accolta, bisogna:

  1. controllare i dati anagrafici del richiedente ed il codice IBAN inserito, se è intestato al richiedente della prestazione. Per chi ha indicato bonifico domiciliato, bisogna attendere una lettera all’indirizzo di residenza in possesso dell’Inps.
  2. Se i dati della domanda sono corretti, è il momento di fare diversi solleciti.

Nel primo caso, ossia se l’Iban risulta errato e sino all’attivazione del nuovo servizio online dell’Istituto, bisogna contattare immediatamente l’Inps, inviando una mail o un pec (posta elettronica certificata) all’indirizzo email dell’Inps provinciale di competenza, con il seguente testo:
Ill.ma Inps, io sottoscritto………. nato il….a……..e residente…….in Via…….., codice fiscale……, identificato con carta di identità numero…., con la presente chiedo la variazione del codice IBAN della domanda indennità Covid19 di 600 euro, numero identificativo……presentata ad esempio il 1° aprile 2020. Il nuovo codice IBAN è il seguente…….intestato al sottoscritto……..Vi ringrazio. Cordiali saluti”

Attenzione! Finalmente l’Inps ha attivato una procedura online per modificare il codice Iban. Basta cliccare sul servizio Inps – Indennità 600 euro, e su esiti. In basso bisogna premere modifica.

Modifica codice IBAN bonus 600 euro

Nella sezione successiva bisogna inserire il numero del codice Iban intestato al richiedente o la modalità di pagamento bonifico domiciliato. Cliccando su avanti sino al termine della procedura, sarà modificato il codice Iban errato sulla domanda bonus 600 euro. Consigliamo a tutti di eseguire questa procedura, sopratutto per chi non ha ricevuto il pagamento ed ha inviato solo la mail alla sede Provinciale Inps.

Gli indirizzi di posta elettronica dell’Inps sono indicati sul sito dell’Istituto, in cerca Sedi Inps. Basta inserire il CAP della nostra residenza ed il sistema ci dirà la nostra sede di competenza Inps e gli indirizzi di posta elettronica.

Se la domanda risulta accetta e non ci risulta nessun pagamento, dobbiamo fare un bel sollecito, tramite il servizio online Inps risponde, selezionando la gestione di corrispondenza, l’argomento: stato di una pratica/richieste e scrivendo il seguente testo:

Domanda Bonus 600 euro respinta: cosa fare?

Cosa bisogna fare se la domanda bonus 600 euro risulta respinta? Se la domanda è in stato respinta, reiezione o negativa, la richiesta del bonus non è stata accettata. In questo caso il richiedente deve controllare i dati inseriti, nel sevizio online Indennità 600 euro, in visualizzazione esiti:

  1. Il riepilogo dei dati del richiedente, se coincidono con i dati del lavoratore beneficiario,
  2. la categoria e la qualifica indicata, ad esempio è un errore aver indicato stagionale invece di lavoratore agricolo,
  3. i dati dei pagamenti.

La domanda dei bonus dei 600 € può essere respinta:

  • per mancanza dei requisiti previsti dal decreto legge Cura Italia, ad esempio un lavoratore agricolo con 40 giornate nel 2019, un professionista iscritto alla cassa di previdenziale obbligatoria privata oppure i lavoratori stagionali non appartenenti al settore produttivo indicato dalla circolare Inps,
  • per aver errato la categoria e la qualifica, ad esempio professionista, invece di lavoratore autonomo artigiano e commerciante,
  • aver comunicato erroneamente il codice Iban e non aver comunicato immediatamente la variazione, oppure per aver dato il codice Iban del conto aziendale della società e non quello del singolo richiedente,
  • per errori di coincidenza data anagrafici, dopo il blocco del sito Inps.

Nel caso in cui la domanda viene respinta per i requisiti, il beneficiario deve controllare attentamente le condizioni previste dal decreto Cura Italia. Mentre se la domanda è negativa per errore codice iban o errore categoria o qualifica, bisogna presentare un riesame della domanda alla sede provinciale Inps, con pec o raccomanda con ricevuta di ritorno, con il seguente testo:

Oggetto: Riesame domanda Indennità Covid19 di 600 euro numero….

Ill.ma Inps, io sottoscritto………. nato il….a……..e residente…….in Via…….., codice fiscale……, identificato con carta di identità numero…., premesso che in data…. ho presentato la domanda online Indennità Covid19 di 600 euro, numero identificativo……, con la presente si chiede a Codesto spett.le Istituto, la liquidazione della domanda di Indennità Covid19 numero, presentata in data… , in quanto è stata erroneamente indicata la categoria e la qualifica/codice Iban. Pertanto si chiede l’accoglimento della domanda in oggetto. In attesa di ricevere riscontro positivo, Vi porgo distinti saluti. Il riesame bisogna datarlo e firmarlo ed alla pec o alla raccomandata, è necessario inserire i documenti giustificativi, che possano far riconoscere il requisito, come il contratto di lavoro e la carta di identità.

Prima di presentare il riesame, dobbiamo attendere l’esito negativo della domanda e controllare se è attiva una nuova procedura per modificare la domanda. Se il riesame non viene accettato, si può valutare se ripresentare la domanda o presentare un ricorso online Inps.

Il Presidente dell’Inps ha dichiarato che saranno respinte 400.000 richieste, per mancanza dei requisiti previsti.

Consulenza online Professionale
Per qualsiasi consulenza previdenziale online con i nostri esperti di insindacabili.it, accedi alla nostra pagina dedicata.

Gli ultimi articoli pubblicati sul nostro portale

34 Commenti

  1. Nell anno 2019 o effettuato 51 giorni in agricoltura, ma mi è stato negato il bonus delle 600 euro, forse perché ad Aprile o percepito il reddito di cittadinanza da 107 euro, se qualcuno mi può dare qualche notizia se mi spetta il bonus.

  2. Buongiorno Nicola….e noi quelli delle aziende del terziario rientriamo o pure no ? Io sul contratto sono stagionale a tempo pieno ma non corisponde il codice Ateco della ditta dove lavoro! grazie

  3. La mia dopo essere stata tanto tempo in attesa di esito da ieri mi esce nella schermata esiti nessuna domanda covid 19 in corso . Perché mi sapete dare una spiegazione?? grazie

    • Nei giorni festivi l’Inps provvede ad alcuni aggiornamenti tecnici. Riprovi a vedere la sua domanda nel pomeriggio.

  4. Salve. Ma io ristoratore con p iva ditta individuale. Devo mettere sulla domanda lavoratore autonomo iscritto ago. Sez commercianti?
    Grazie

  5. Salve Sig. NICOLA auguri anche a te volevo chiederti mio figlio deve modificare liban poiché essendo minore aveva inserito il mio per il pagamento la domanda è accolta ma deve modificare il pagamento ora da oggi prova a cambiare mettendo il bonifico domiciliato ma alla fine pur selezionando conferma poi nella verifica non risulta la variazione, può essere che avendola fatta tramite un patronato questa modifica la possono fare solo loro che mi hanno inviato la domanda,,,,, perché ad un mio amico stessa cosa è riuscito a farla ma aveva fatto lui autonomamente la domanda,, grazie

    • Sì, dovrebbe chiedere al suo patronato. Anche se ritengo che si possa fare anche come cittadino, anche se la domanda è stata inviata dal patronato.

  6. Buongiorno ,ho inoltrato la domanda indennità covid 19 il 2 aprile.Sono stata lavoratrice stagionale per tre mesi estivi nel 2019,poi disoccupazione e verso metà gennaio 2020 avevo un contratto di lavoro subordinato , intermittente a tempo determinato con scadenza a fine maggio. Mi sono accorta che in fase di compilazione della domanda ,alla voce categoria è venuto fuori “lavoratori stagionali di stabilinenti balneari”…la mia domanda è tuttora “IN ATTESA DI ESITO”. Ho inoltrato la richiesta di modifica come: LAVORATORE STAGIONALE DEL TURISMO su Inps risponde.Loro mi hanno gentilmente liquidato dicendo che potevo cambiare la voce categoria solo ricompilando di nuovo la stessa domanda ,e che,a domanda inoltrata quella precedente sarebbe decaduta e valida così solamente l ‘ultima emessa.Ora io ho fatto tutto questo ,ma poi sul sito mi dice che la domanda non può essere accettata perche’ già stata inviata e che devo controllare lo stato dell ‘esito. A questo punto non so come muovermi,cosa mi consigliate di fare??Avrò diritto a questa idennita?Grazie x la vostra attenzione

  7. Bellissimo articolo,ma io voglio capire quando si saprà se la domanda è stata accolta o respinta visto che sono 20 giorni che è sempre in attesa di esito grazie

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui