Inps quando paga la CIG di Aprile 2020?

Con il nuovo decreto Legge Rilancio, il governo, ha richiesto uno sforzo all’Inps ed alle Regioni, per velocizzare i pagamenti della CIG. Mentre tantissimi lavoratori sono ancora in attesa della CIG di Marzo, a molti, a breve, sarà pagato il mese di Aprile.

Come abbiamo visto nel nostro ordinamento, ci sono diversi tipi di cassa integrazione. I beneficiari di tutte le tipologie di cassa integrazione al 25 Maggio 2020, sono quasi 8 milioni, per 1.107.734 domande inviate dalle aziende.

Su 1.001.056 domande ricevute dall’Inps, 706.620 sono state pagate per circa 2 milioni di lavoratori e 4.119.904, dei benefici potenziali, sono stati già anticipati dal datore di lavoro, con conguaglio da parte dell’Inps.

Cassa integrazione di Aprile quando sarà pagata?

Per tutti coloro che sono ancora in attesa del pagamento della cassa integrazione del mese di Marzo 2020, consigliamo di richiedere al datore di lavoro o all’Amministrazione del personale:

  • le ore o i giorni sospesi dal mese di Marzo 2020,
  • il tipo di cassa integrazione richiesto,
  • la modalità di pagamento (diretto o tramite busta paga),
  • quando è stato inviato il modello SR41 dall’Inps.

I pagamenti della cassa integrazione, sopratutto in deroga, sono partiti il 24/04/2020 ed anche il giorno 05 Maggio 2020. Altri invece, hanno ricevuto i pagamenti del mese di Marzo 2020 ed Aprile 2020, in un’unica soluzione.

Pagamenti CIG Aprile e Maggio 2020

Quando sarà pagata la cassa integrazione? Per chi ha ricevuto la cassa integrazione del solo mese di Marzo 2020, riceverà il secondo pagamento CIG, del mese di Aprile, a partire dal 29 Maggio 2020 ed entro il mese di Giugno 2020.

Cassa integrazione covid 19 quanto spetta?

Purtroppo la cassa integrazione non è l’80% della retribuzione, delle ore sospese in busta paga. Infatti, molti lavoratori, hanno visto un importo inferiore, rispetto al 80%, indicato dai vari quotidiani. Questo perché ogni anno l’Inps, stabilisce dei valori massimali della cassa integrazione, in relazione a due fasce di reddito:

  • retribuzione lorda mensile del lavoratore fino a 2159,48, (I° massimale)
  • retribuzione lorda superiore a 2159,48. (II° massimale)

Se la retribuzione lorda del lavoratore rientra nel primo massimale, l’importo della cassa integrazione, è pari a 5,34 euro orari, per il mese di Aprile 2020 (939,89 diviso 176), da moltiplicare per ore sospese. A questo importo si sommano gli assegni familiari e gli elementi accessori e si sottraggono le ritenute irpef (l’Inps il prossimo anno rilascerà il Cu 2021) e l’aliquota del 5,84%, prevista dalla legge 41/86.

Mentre se rientra nel secondo massimale, l’importo della cassa integrazione è pari a 6,42 euro orari, per il mese di Aprile 2020 (1129,66 diviso 176), da moltiplicare per ore sospese. Anche a questo importo, si aggiungono gli assegni per il nucleo familiare e gli elementi di retribuzione accessori e si detraggono le imposte irpef e l’aliquota prevista dalla legge, per la cassa integrazione.

Ai lavoratori in cassa integrazione, spetta il bonus Renzi, con pagamento sulla busta paga o da parte dell’Inps.

Il calcolo della CIG, con i due massimali, vale per tutte le casse integrazioni previste dalla legge.

Consulenza telefonica insindacabili.it
Per una consulenza online sulla CIG, con i nostri esperti previdenziale, clicca la nostra area dedicata di consulenza online.