Aliquote contributive 2021 braccianti agricoli

La circolare Inps numero 52 del 1° aprile 2021, ha indicato le aliquote contributive Inps per l’anno 2021, applicate alle aziende agricole per i lavoratori operanti in agricoltura con contratto a tempo determinato o indeterminato. 

L’articolo 3 comma 1 del decreto legislativo 146 del 1997, prevede l’aumento dell’aliquota contributiva a carico del datore di lavoro, nella misura dello 0,20 punti percentuali annuale, sino al raggiungimento dell’aliquota del 32%.

Per il mese di gennaio 2021 si rinnova l’esonero dei versamenti dei contributivi INPS, ad esclusione dei premi e contributi INAIL, per la parte a carico degli imprenditori agricoli e per le aziende a appartenenti alla filiera agricola, dell’acquacoltura e della pesca.

Contributi Inps 2021 lavoratori in agricoltura

Dal 2021, per la maggior parte delle aziende agricole, l’aliquota contributiva Inps, per l’assunzione di lavoratori agricoli a tempo determinato e indeterminato, è pari al 29,50%, costituita:

  • dall’aliquota base dello 0,11% pagata dall’azienda,
  • dall’aliquota 20,55% a carico dell’azienda agricola,
  • dal 8,84% a carico del lavoratore, sottratta dalla retribuzione lorda sulla busta paga.

Al contrario, l’aliquota contributiva dovuta al fondo per i lavoratori dipendenti, dalle aziende:

  • singole o associate di trasformazione,
  • di manipolazione di prodotti agricoli zootecnici,
  • di lavorazione di prodotti alimentari con processi produttivi di tipo industriale,

è pari al 32,30% di cui l’8.84% a carico del lavoratore.

La retribuzione di riferimento per il calcolo dei contributi, è pari al salario contrattuale, rispettando il minimale giornaliero previsto ogni anno dall’Inps. (48,98 euro per l’anno 2021)

Contributi Inail lavoratori agricoli 2021

Le aliquote Inail per l’assicurazione dei lavoratori agricoli a tempo determinato o indeterminato, contro gli infortuni sul lavoro, non sono cambiate. Infatti i contributi dovuti per gli infortuni sul lavoro nell’anno 2021 sono:

  1. 10,1250% per l’assistenza Infortuni sul Lavoro,
  2. 3,1185% come contributo addizionale Infortuni sul Lavoro.

In particolare zone del territorio italiano, sono previste particolari riduzioni del:

  • 75% nelle zone ex montane, (aliquota applicata: 25%)
  • 68% nelle zone svantaggiate, (aliquota applicata: 32%)

del contributo Inps complessivo dovuto dal datore di lavoro.

Riferimento normativo: Circolare Inps numero 52 del 1° aprile 2021

Consulenza online del Team di insindacabili.it

Per qualsiasi consulenza fiscale e previdenziale, accedi alla nostra area dedicata di Consulenza online.