Articolo aggiornato il 8 Luglio 2021 da Nicola Di Masi

Bonus luce e gas 2021: ecco come funziona

Dal 1° Gennaio 2021 il bonus luce, gas e acqua sarà riconosciuto in automatico senza che il nucleo familiare presenti nessuna domanda, ai sensi del decreto legge 124 del 26 ottobre 2019.

Che cos’è il bonus sociale luce, gas e acqua? Il bonus luce, gas, idrico 2021, è uno sconto alle famiglie a basso reddito (valore Isee), per diminuire il costo delle fatture delle utenze domestiche.

Il comunicato stampa dell’ARERA specifica che: nella fase di prima applicazione, le verifiche funzionali all’ammissione alle agevolazioni (bonus 2021) saranno avviate a luglio, con il recupero dei mesi precedenti.

Come si richiede il bonus luce, gas e acqua dal 2021?

Per ottenere lo sconto sulle bollette luce, gas e acqua, il nucleo familiare, prima di tutto, deve presentare il modello Isee 2021, agli inizi di Gennaio 2021.

Il valore ISEE non deve essere superiore:

  • a 8265,00 euro,
  • a 20.000,00 euro, per i nuclei familiari numerosi, con almeno 4 figli a carico,
  • può essere anche superiore a 8265,00 euro per i percettori di Reddito di cittadinanza e pensione di cittadinanza.

Inoltre uno dei componenti indicati sul modello Isee 2021 deve essere intestatario di un contratto:

  • di energia elettrica per uso domestico,
  • del gas, per uso domestico o condominiale,
  • di fornitura idrica, per suo domestico attivo o condominiale.

Quindi, dal 2021, i titolari dei Bonus sociali luce, gas ed acqua non devono più presentare domanda al Caf o al Comune di residenza. Sarà solo necessario presentare o aggiornare il modello Isee ed in seguito sarà l’Inps a comunicare al Sistema informativo integrato (SII), le sole famiglie, con un valore Isee inferiore ai limiti.

Qualsiasi domanda cartacea o online, presentata al Comune, non sarà più accettata e valida.

Dal 2021, resta invece, per il momento, la presentazione del modulo cartaceo del bonus per disagio fisico.

Cos’è il bonus disagio fisico?

Lo sconto sulla bolletta per disagio fisico, è possibile richiederlo quando all’interno del nucleo, vi sono componenti con malattie gravi, che necessitato il collegamento costante a macchine elettromedicali. In questo caso non è necessario presentare il modello Isee, in quanto lo sconto non è collegato al reddito.

I requisiti per ottenere il bonus sociale per disagio fisico sono:

  • aver installato nella propria abitazione principale di residenza le apparecchiature elettromedicali, indispensabili per il mantenimento in vita;
  • possedere una certificazione medica dove è indicata: la grave malattia del beneficiario, il tipo di apparecchiatura utilizzata, la data di installazione e la data di accensione, rilasciata dalla Asl di competenza. In più è necessario, un certificato medico che attesti la necessità di utilizzare l’apparecchiatura elettromedicale.

Nel 2021, per ottenere il bonus sociale per disagio fisico, bisognerà inviare una domanda tramite il Caf o al Comune di residenza.

Modulo Bonus sociale disagio fisico

Per richiedere il bonus, bisogna consegnare il modulo B disagio fisico:

  • direttamente al CAF, che compilerà la domanda e la invierà al Comune,
  • o al protocollo del Comune di residenza, compilato in tutte le sue parti.

E’ importante indicare nel modulo:

  • i dati anagrafici dell’intestatario delle bollette,
  • l’ammissione al bonus o il rinnovo,
  • i contatti (numero di telefono e email)
  • il POD della bolletta della luce,
  • la potenza impegnata o disponibile.
Bonus sociale disagio fisico
Bonus sociale disagio fisico

Alla domanda bisogna allegare:

  • il documento d’identità e codice fiscale del richiedete e del malato in corso di validità;
  • il modulo B compilato correttamente,
  • un certificato della Asl che attesti il disagio fisico e la necessità di utilizzare particolari apparecchiature.

Quanto si risparmia sulla bolletta?

Lo sconto del bonus sociale è visibile, nei due mesi successivi, dalla data di presentazione della domanda, sulla fattura dell’energia e del gas, con la voce bonus sociale. Il risparmio sulla bolletta è di:

  • euro 128,00 per le famiglie con 1 o 2 componenti;
  • 151 euro per 3 o 4 componenti;
  • 177,00 euro per famiglie numerose con più di 4 persone all’interno del nucleo.

Per chiedere informazioni o conoscere lo stato di avanzamento della pratica, è necessario:

  • contattare il numero verde 800.166.654,
  • controllare la pratica online, con le proprie credenziali (riportate sulle ricevute del bonus) collegandosi al sito www.bonusenergia.anci.it.

Consulenza online insindacabili.it
Per una consulenza online sul bonus luce, gas o idrico 2021, visita la nostra area dedicata e scopri tutti i nostri servizi di consulenza!

2 Commenti

  1. Salve, usufruisco del bonus elettrico ,che è momentaneamente sospeso in attesa di essere riattivato dal 1 luglio 2021. Nell’ultima bolletta oltre all’assenza del bonus,mi è stato aumentato il deposito cauzionale da 15,60 Euro a 34,50 Euro, vorrei sapere se con la riattivazione del bonus elettrico nella prossima bolletta, mi verranno rimborsati anche i 18,90 euro accreditati per la momentanea sospensione del bonus. Grazie

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui