Carta famiglia 2018 per tre figli minori a carico: cos’è e come funziona

Nella gazzetta ufficiale del 9 gennaio 2018 è stato pubblicato il decreto ministeriale 27 maggio 2017, con il quale si indicano i criteri e le modalità per il rilascio della carta famiglia. Carta famiglia 2018

Chi sono i destinatari della carta famiglia?

I destinatari della carta famiglia sono i componenti familiari:

  • residenti nel territorio italiano con almeno tre componenti minorenni a carico fiscalmente; (ossia che non superano un reddito di 2840,51 euro cadauno)
  • possessori di un Isee non superiore a 30.000,00 euro.

Per nucleo familiare si intende quello definito ai sensi dell’articolo 3 del decreto del Presidente del consiglio dei ministri n. 159 del 2013.

Come posso presentare la domanda della carta famiglia 2018?

La richiesta della carta può essere presentata da uno dei genitori, il quale sarà intestatario della stessa e responsabile del suo utilizzo.

Importante è la residenza nel territorio dello Stato Italiano sia del genitore e sia per i tre componenti minorenni. Nel caso in cui i minorenni sono in affidamento, la richiesta può essere presentata dagli affidatari per il periodo di permanenza dei minori in famiglia. Anche i minorenni in affidamento sono considerati nel conteggio fino al raggiunto dei tre componenti.

La carta viene emessa ogni due anni su richiesta dell’interessato. Prima di presentare la domanda, devi elaborare la dichiarazione sostitutiva unica, insieme all’attestazione Isee dal Tuo Caf o con il tuo codice Pin Inps personale, accedendo al servizio online dell’Inps: Isee post-riforma 2015. In seguito dovrai presentarla al Tuo Comune di residenza, il quale dovrà rilasciarti una carta, previo pagamento di alcuni costi di emissione come richiesto dallo stesso Comune.

A che cosa serve la carta famiglia?

La Carta famiglia consente di avere degli sconti sull’acquisto di beni e servizi, con un vera riduzione delle tariffe concessi dei soggetti pubblici e privati che intendono convenzionarsi con tale iniziativa. Potrai consultare i soggetti pubblici e privati convenzionati sul sito del ministero del lavoro e delle politiche sociali.

Per ottenere le riduzioni tariffarie, devi presentare la carta famiglia al negozio convenzionato e la carta non può essere ceduta a terzi. Coloro che partecipano a questa iniziativa possono valorizzare e pubblicizzare la loro convenzione con un bollino associato al logo della carta.

Ci sono due misure:

  • “Amico della famiglia” quando ci sono sconti e riduzioni pari o superiori al 5% rispetto al normale prezzo di listino;
  • “Sostenitore della famiglia” qualora siano concessi sconti o riduzioni pari o superiore al 20% rispetto al prezzo di listino.

Quali sono le categorie merceologiche dei beni di servizi ai quali possono essere applicate le riduzioni?

Le categorie merceologiche che rientrano nel programma della carta famiglia 2018 sono elencati nell’allegato B del decreto ministeriale:

Carta famiglia 2018 Allegato B

Carta famiglia 2018 Allegato B

E’ in fase di pubblicazione il modulo di domanda per la richiesta della carta famiglia 2018.

Riferimento normativo: D.M. 20 settembre 2017

Consulenza online

Hai bisogno di una consulenza Professionale dedicata? Visita la nostra sezione di Consulenza Online

Valuta l'articolo
[Totali: 5 Media: 4.2]

Posted by Nicola Di Masi

Nicola Di Masi, ideatore e creatore di contenuti per il sito insindacabili.it. Abilitato Consulente del Lavoro e responsabile Caf da Maggio 2008 a tutt'oggi. Ha lavorato come Consulente del Lavoro, come operatore di Patronato e ha coordinato le attività formative di un Organismo Formativo Accreditato.

Invia il tuo Commento