Articolo aggiornato il 20 Novembre 2019 da Stefano Mastrangelo

Estratto conto Inps: cos’è e dove  richiederlo

Cos’è e come richiedere l‘estratto conto previdenziale o l’estratto contributivo Inps o ex Inpdap, dei lavoratori dipendenti ed autonomi.

Contribuiti Inps lavoratori dipendenti e parasubordinati

Nel nostro ordinamento esistono 4 tipi di contribuzione:

  • contributi obbligatori a carico del datore di lavoro, per la copertura di particolari eventi: disoccupazione, malattia e maternità;
  • i contributi obbligatori del lavoratore, per l’ottenimento della pensione;
  • da riscatto, ad esempio laurea ed altro;
  • i contributi ricongiunti o totalizzati, da altre gestioni pensionistiche;

La contribuzione obbligatoria è  divisa in due gestioni:

  • l’Assicurazione Generale Obbligatoria (AGO), dove sono iscritti il maggior numero dei lavoratori dipendenti;
  • la gestione separata dove sono iscritti i lavoratori parasubordinati (co.co.co ed ex co.co.pro, amministratori di società e altri tipologie di lavoratori)

L’estratto conto contributivo identifica la nostra posizione previdenziale, per accedere ad alcune indennità, come la Naspi, e per verificare i requisiti contributivi per raggiungere l’amata pensione.

Estratto conto Inps online: dati Inps?

L’Estratto contributivo Inps riporta alcuni dati:

  • i dati anagrafici del lavoratore, correggerli in caso di errori;
  • il periodo di riferimento da quando hai iniziato a versare i contributi;
  • tipologia di contributi: lavoro dipendente, lavoro dipendente agricolo, artigiano, commerciale, accredito servizio militare, maternità obbligatoria e facoltativa, malattia e periodi di disoccupazione e cigs;
  • contributi utili espressi in giorni (nel caso di lavoratori agricoli) settimane (per i lavoratori dipendenti) o mesi (per i lavoratori autonomi).
  • I giorni, le settimane e i mesi vengono visualizzati sia in relazione al raggiungimento del diritto e sia per il calcolo (misura) della pensione;
  • retribuzione o reddito imponibile ai fine Inps utile per la misura della pensione;
  • riferimenti del datore di lavoro: denominazione sociale;
  • Note: importantissime per verificare problematiche sull’estratto contributivo;

Estratto conto Inps come si legge?

Per conteggiare gli anni utili per il raggiungimento della pensione, devi sommare i mesi o le settimane della prima colonna (valida per il raggiungimento del diritto), differenziando tutti i periodi di maternità facoltativa, malattia, disoccupazione, cassa integrazione, lsu o altre contribuzioni diverse da lavoro dipendente o autonomo.

Per i lavoratori dipendenti, un anno intero equivale a 52 settimane, mentre per i lavoratori autonomi un anno intero equivale a 12 mesi.

Attento e guarda tutti periodi e controlla se il tuo datore di lavoro sta versando i tuo contributi. Ovviamente l’accredito dei contributi avviene in ritardo e non ti preoccupare se ad oggi non risultano ancora gli ultimi contributi.

Se non c’è l’accredito contributivo del militare o della maternità, fai ancora in tempo ad accreditarli, anche dopo il raggiungimento della pensione.

Puoi accreditare anche periodi di contribuzione che sull’estratto contributivo non visualizzi e chiedere all’Inps telematicamente l’accredito, dimostrando tutti i documenti necessari: buste paga, cud e contributi versati.

Come richiedere l’estratto contributivo Inps?

Controlla il tuo estratto conto previdenziale e scaricalo seguendo le istruzioni del nostro video.

Consulenza Online
Hai bisogno di una consulenza online su questo tema? Visita subito la nostra area dedicata e scopri tutti i nostri servizi di consulenza!

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui