Nuovi voucher lavoro Inps: il libretto di famiglia

Dal 10 luglio 2017 sono online i nuovi voucher lavoro dell’Inps!

Conosci le prestazioni di lavoro occasionali? Sono delle vere e prestazioni lavorative svolte in maniera sporadica o saltuaria.

Lo Stato italiano dopo aver eliminato l’acquisto dei famosi voucher, ha introdotto dei nuovi strumenti per rendere “regolare” i lavori occasionali. Infatti la legge numero 96 del 21 giugno 2017,  ha introdotto nuove modalità sia per i datori di lavoro persone fisiche che non svolgono attività professionale ed imprenditoriale e sia per le imprese e per le pubbliche amministrazioni e sono:

  • il libretto di famiglia;
  • il contratto di prestazione occasionale.

Chi sono i destinatari del libretto di famiglia?

Il libretto famiglia è destinato alle persone fisiche che non esercitano attività professionale o d’impresa, ossia i datori di lavoro persone fisiche che hanno bisogno delle seguenti attività lavorative:

  • piccoli lavori domestici, inclusi i lavori di giardinaggio, di pulizia o di manutenzione;
  • assistenza domiciliare ai bambini e alle persone anziane, ammalate o con disabilità;
  • insegnamento privato supplementare.

I prestatori di lavoro che possono essere “utilizzati” dai datori di lavoro appartengono a queste categorie:

  • titolari di pensione di vecchiaia o di invalidità;
  • giovani con meno di venticinque anni di età, se regolarmente iscritti a un ciclo di studi presso un istituto scolastico di qualsiasi ordine e grado ovvero a un ciclo di studi presso l’università;
  • persone disoccupate, ai sensi dell’articolo 19, decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 150;
  • percettori di prestazioni integrative del salario, di reddito di inclusione (REI o SIA, che costituisce la prestazione di sostegno all’inclusione attualmente vigente e destinata ad essere sostituita dal REI), ovvero di altre prestazioni di sostegno del reddito.

Quanto vale un titolo di pagamento?

Il libretto di famiglia è costituito da titoli di pagamento, il cui valore è fissato in 10 euro cadauno, per attività lavorative di durata non superiore ad un’ora. Di questi 10 euro, 8 euro sono il compenso del lavoratore, mentre 1,65 vengono accreditati come contributi presso la gestione separata Inps e 0.25 euro è il premio assicurativo Inail in caso di infortuni sul lavoro. La differenza di 0,10 euro è un finanziamento allo Stato per i vari oneri gestionali dei titoli di pagamento.

Non è possibile utilizzare prestazioni di lavoro occasionali da parte di lavoratori con i quali l’utilizzatore del libretto di famiglia abbia in corso, o abbia avuto negli ultimi sei mesi, un rapporto di lavoro:

  • subordinato o di parasubordinazione (co.co.pro).

Il datore di lavoro persone fisica viene denominato dalla circolare Inps utilizzatore. Per poter usufruire del libretto di famiglia sia il datore di lavoro e sia il lavoratore devono iscriversi alla piattaforma Inps con il proprio codice Pin Inps personale o contattando il Contact Center Inps al numero 803.164.

Il servizio telematico Inps

Prima di tutto devi accedere al sito www.inps.it. Scrivi su cerchi servizi: Prestazioni di lavoro occasionale: libretto famiglia.

www.inps.it

www.inps.it

Clicca su Accedi al servizio.

Prestazioni di lavoro occasionale: libretto famiglia

Prestazioni di lavoro occasionale: libretto famiglia

Clicca su Prestazioni di Lavoro Occasionale ed inserisci il tuo codice fiscale ed il tuo codice Pin Inps dispositivo.

Prestazioni di lavoro occasionale: libretto famiglia

Prestazioni di lavoro occasionale: libretto famiglia

Se sei un datore di lavoro clicca su Libretto famiglia e registra i tuoi dati ed alla fine clicca su salva. Anche il tuo prestatore dovrà registrarsi ed indicare le modalità di pagamento per ricevere i titoli di pagamento.

Dopo esserti registrato sia come datore di lavoro e dopo aver registrato il tuo prestatore di lavoro devi comunicare al termine della prestazione lavorativa e entro il terzo giorno del mese successivo allo svolgimento dell’attività lavorativa i seguenti dati:

  • i dati identificativi del prestatore;
  • il compenso pattuito;
  • il luogo di svolgimento della prestazione;
  • la durata;
  • l’ambito di svolgimento;
  • altre informazioni per la gestione del rapporto.

Dopo aver comunicato tutti i dati, il lavoratore riceve una notifica con tutti i dati che ha indicato il datore di lavoro nella piattaforma.

Potrai ricaricare il tuo portafoglio elettronico pagando il modello F24 o attraverso la procedura Aigid PagoPa in fase di lavorazione presso il portale dei pagamenti Inps.

La procedura di pagamento

L’Inps, entro il 15 del mese successivo a quello in cui la prestazione si è svolta, corrisponde direttamente i compensi registrati al lavoratore a seconda della modalità prescelta dal prestatore durante la fase di registrazione sulla piattaforma Inps.

Le prestazioni di lavoro occasionale prevedono determinati limiti economici.

Riferimento normativo: Circolare Inps n. 107 del 05/07/2017

Hai bisogno di aiuto ed assistenza?
Se hai bisogno di una consulenza personalizzata per utilizzare il libretto di famiglia, puoi vistare la nostra area dedicata.
Il nostro Team metterà al tuo servizio tutta la Sua competenza professionale.

Hai trovato utile il nostro articolo? Hai chiarito qualche dubbio in merito ad un argomento? Effettua una Donazione ed aiutarai il nostro Team ad aggiornarti sempre con le ultime Novità 😉


Valuta l'articolo
[Totali: 1 Media: 5]

Posted byNicola Di Masi

Nicola Di Masi, ideatore e creatore di contenuti per il sito insindacabili.it. Abilitato Consulente del Lavoro e responsabile Caf da Maggio 2008 a tutt'oggi. Ha lavorato come Consulente del Lavoro, come operatore di Patronato e ha coordinato le attività formative di un Organismo Formativo Accreditato.

Invia il tuo Commento