Chi deve presentare la dichiarazione dei redditi nel 2024?
Quando è obbligatorio dare la dichiarazione del redditi nel 2024?

Articolo aggiornato il 23 Maggio 2024 da Stefano Mastrangelo

Quando c’è l’obbligo di presentare la dichiarazione dei redditi?

Quando è obbligatorio fare il modello 730 2024? Quali sono i soggetti obbligati a presentare la dichiarazione dei redditi nell’anno 2024? E perché molte volte conviene presentarla?

Dal 30 Aprile 2024 e sicuramente il 2 Maggio 2024, sarà possibile consultare la dichiarazione dei redditi semplificata 2024, con le proprie credenziali e quindi visualizzare i dati predisposti dell’Agenzia delle Entrate del 730 precompilato 2024.

Per poter accedere alla dichiarazione precompilata 2024, bisogna essere in possesso dello Spid, oppure della carta di identità elettronica o della carta nazionale dei servizi.

Chi è obbligato a presentare la dichiarazione dei redditi 2024?

I cittadini che hanno percepito dei redditi nell’anno 2023, di qualsiasi genere, ossia dal primo gennaio 2023 al 31 dicembre 2023 (questo vale anche per le colf e badanti), sono obbligati a controllare tramite un Caf, un professionista abilitato o l’applicazione web infoprecompilata dell’Agenzia delle Entrate, se devono, conviene o non devono presentare la dichiarazione dei redditi 2024.

Le persone fisiche obbligate ad inviare la dichiarazione dei redditi sono:

  • i contribuenti che hanno più Certificazioni Cu 2024 (ex Cud) con riferimento ai redditi conseguiti nell’anno 2023, ossia per tutti coloro che hanno lavorato per più datori di lavoro nell’anno di imposta 2023 o che sono stati pagati sia dall’Inps (con la cassa integrazione o la Naspi), dall’Inail o da altri Enti.
  • I titolari di contratti di locazione (che percepiscono il canone di un contratto di affitto), dal quale scaturisce anche solo il reddito di locazioni di fabbricati, anche con la sola opzione della cedolare secca;
  • le persone fisiche che, in base ai redditi del 2023, non hanno pagato le ritenute fiscali, le addizionali regionali e comunali o le hanno versate in misura inferiore;
  • i contribuenti che se anche, sono esonerati dalla presentazione della dichiarazione dei redditi, hanno spese, detrazioni o acconti di imposta da recuperare dall’anno 2023; in questo caso conviene presentare la dichiarazione dei redditi;
  • i lavoratori ed i disoccupati che hanno percepito il nuovo trattamento integrativo della retribuzione e lo devono restituire,
  • chi è proprietario di più immobili in determinati casi.

In tutti i casi, è sempre meglio farsi consigliare da un professionista o verificare con il 730 precompilato, l’obbligatorietà dell’invio della dichiarazione dei redditi, per non rischiare di ricevere sanzioni o cartelle di pagamento negli anni successivi.

730 2024 precompilato come funziona?

Possono utilizzare il 730 2024 ordinario o precompilato, i contribuenti che hanno percepito i seguenti redditi, nell’anno 2023:

  • reddito di lavoro dipendente ed assimilato (co.co.co e contratti a progetto);
  • redditi di terreni e fabbricati;
  • reddito di capitale;
  • redditi di lavoro autonomo senza partita iva (prestazioni di compenso occasionale);
  • redditi diversi, ad esempio i redditi posseduti all’estero;
  • una tipologia di redditi soggetti a tassazione separata indicati nel quadro D;
  • redditi di capitale di fonte estera, diversi da quelli che concorrono a formare il reddito complessivo, percepiti direttamente dal contribuente senza l’intervento di intermediari residenti indicati nella sezione III del quadro L.

Per consultare tutti i contribuenti che hanno la possibilità di compilare il modello 730 precompilato, consigliamo di leggere il nostro articolo: chi può presentare il 730 precompilato?

Quando non si è obbligati a presentre il 730?

Sono esonerati dalla presentazione della dichiarazione dei redditi 730 ordinario o precompilato o modello dei redditi persone fisiche, i contribuenti possessori:

  • di solo reddito derivante dalla proprietà o usufrutto dell’abitazione principale e delle pertinenze, per i quali non è dovuta l’Imu e per altri fabbricati non locati che non sono situati nello stesso Comune dell’abitazione principale;
  • da soli redditi di lavoro dipendenti, di pensione o assimilati, percepiti da un unico datore di lavoro o sostituto d’imposta, purché siano stati applicati correttamente le imposte da pagare (ritenute fiscali e addizionali regionali e comunali) e le detrazioni fiscali per coniuge e figli a carico;
  • di interessi sui Bot o su altri titoli, già assoggettati ad un’imposta sostitutiva;
  • interessi sui conti correnti bancari o postali o da redditi derivanti da lavoratori socialmente utili;
  • di rendite erogate dall’Inail, di pensioni da guerra o privilegiate, di alcune borse di studio o di indennità non assoggettabili ad irpef.

Chi è esonerato dalla dichiarazione dei redditi 2024?

Anche per quest’anno sono diversi i contribuenti, che sono esonerati dalla presentazione della dichiarazione dei redditi. Queste persone, non devono superare determinati redditi.

L’esonero si applica a tutti i contribuenti che non superano i seguenti redditi nell’anno di imposta 2023:

  • euro 500,00 di terreni e/o fabbricati compresa la casa di abitazione principale e le relative pertinenze;
  • 8176,00 euro di lavoro dipendente o assimilato con giorni di detrazioni non inferiori a 365, solo se sono state indicate correttamente le detrazioni fiscali per coniuge e figli a carico e se sono state applicate correttamente tutte le ritenute ed addizionali Irpef;
  • euro 7500 da reddito da pensione ed 185,92 da terreni, compreso la casa di abitazione principale e pertinenze;
  • 8500,00 euro derivante da reddito di pensione e altri tipologie di reddito, per periodi non inferiori a 365 giorni, se le detrazioni e le imposte sul Cu 2024 sono state calcolate correttamente. Tale reddito complessivo deve essere determinato senza tener conto del reddito dell’abitazione principale e delle pertinenze;
  • euro 30.658,28 per compensi derivanti da attività sportive dilettantistiche;
  • 5.500 euro per redditi assimilati ed altri redditi, come compensi per attività commerciali occasionali, redditi di lavoro autonomo occasionale o compensi per attività intramuraria del personale dipendente della sanità pubblica;
  • coloro che percepiscono compensi da attività sportive inferiore o pari a 15.000 euro, derivanti da attività sportive del settore dilettantistico o del professionismo (under 13) dal 1 Luglio 2023 al 31 dicembre 2023.

Tutti i contribuenti, anche se solo in possesso di questi redditi elencati precedentemente, devono controllare, se sono obbligati o se conviene inviare la dichiarazione dei redditi nel 2024.

Ad esempio, i pensionati potrebbero presentare il modello 730, in alternativa al RED, per comunicare all’Inps i redditi percepiti.

Consulenza del Team di insindacabili.it
Per qualsiasi consulenza personalizza sulla dichiarazione dei redditi 2024, puoi accedere alla nostra area riservata di consulenza online.

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui