Articolo aggiornato il 15 Marzo 2023 da Nicola Di Masi

Assegni familiari pensionati ex lavoratori autonomi

Come cambiano nel 2023 gli importi mensili degli assegni familiari per i pensionati autonomi? Anche i pensionati ex lavoratori autonomi possono percepire gli assegni familiari sulla propria pensione.

Chi sono i soggetti interessati?

I soggetti interessati sono quelli esclusi dalla normativa sull’assegno unico universale, quindi:

  • i coltivatori diretti, coloni e mezzadri e piccoli coltivatori diretti (ai quali continua ad applicarsi la normativa sugli assegni familiari);
  • i pensionati delle gestioni speciali, cioè gli artigiani e i commercianti (ai quali continuano ad applicarsi le norme delle quote di maggiorazione).

Quali sono gli importi per il 2023?

Gli importi degli assegni familiari per il 2023 sono i seguenti:

  • 8,18 euro mensili spettanti ai coltivatori diretti, coloni, mezzadri, per fratelli, sorelle e nipoti;
  • 10,21 euro mensili spettanti ai pensionati ex lavoratori autonomi e ai piccoli coltivatori diretti, per coniuge, fratelli, sorelle e nipoti.
  • 1,21 euro mensili spettanti ai piccoli coltivatori diretti per i genitori ed equiparati.

Quali sono i limiti di reddito mensili per il 2023 per gli assegni familiari?

I limiti di reddito familiare da considerare ai fini della corresponsione degli assegni familiari, sono rivalutati ogni anno in base al tasso d’inflazione, che è stato programmato dai competenti Ministeri per il 2022 all’1,5%.

Perciò per tutto il 2023 i limiti di reddito mensili al di sopra dei quali non si è considerati a carico del pensionato richiedente, sono i seguenti:

  • 793,93 euro (anno di riferimento 2022) per il coniuge, per un genitore, per fratelli, sorelle e nipoti;
  • 1389,38 euro (anno di riferimento 2022) per due genitori ed equiparati.

Come fare domanda?

Per queste categorie di pensionati, la domanda va inoltrata sul sito Inps a cui si accede con le proprie credenziali Spid, o tramite la CNS (carta nazionale dei servizi) o la carta d’identità elettronica.

Si procede entrando nel servizio online Inps ed in seguito bisogna selezionare nel Menù: Pensioni-Ricostituzioni-Ratei-Certificazioni e nuova domanda. Si inseriscono tutti i dati anagrafici e si seleziona il prodotto ricostituzione per trattamento di famiglia.

In alternativa si può presentare la domanda tramite un Patronato che presterà gratuitamente il servizio.

Riferimento normativo: Circolare Inps numero 28 del 14 marzo 2023

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui