Articolo aggiornato il 31 Marzo 2021 da Nicola Di Masi

Assegno per i figli da Luglio 2021: a chi conviene veramente?

L’assegno unico universale 2021, per i figli con un’età inferiore a 21 anni, conviene davvero? Dopo l’approvazione del provvedimento di legge al Senato si aspetta, il debutto dal 1° Luglio 2021, per un importo massimo di 250 euro.

Il nuovo assegno unico per i figli, eliminerà tutti i sostegni economici alle famiglie, comprese le detrazioni fiscali e potranno beneficiarne anche i lavoratori autonomi ed i figli con un’età inferiore a 21 anni, che frequentano percorsi di formazione, anche per l’inserimento lavorativo.

A chi spetta?

L’assegno universale per i figli è un contributo economico per un importo massimo di 250 euro a figlio, spettante:

  • ai cittadini italiani, comunitari oppure per i titolari di permesso di soggiorno di lungo periodo UE o per coloro che sono in possesso di un permesso di soggiorno almeno annuale per lavoro o in attesa occupazione,
  • convivenza con i figli,
  • il genitore richiedente deve essere domiciliato fiscale. (ossia paga le imposte in Italia)

L’assegno unico ed universale è riconosciuto dal 1° Luglio 2021:

  • ai lavoratori dipendenti pubblici e privati,
  • ai lavoratori autonomi,
  • ai disoccupati (da confermare) per chi non ha alcun reddito o per coloro non percepiscono nessuna indennità INPS,
  • ai professionisti (vedremo nel dettaglio quali).

Questi lavoratori devono essere residenti in Italia, avere i figli a carico fiscalmente durante la percezione del beneficio economico, convivere nello stesso nucleo familiare.

Requisiti

L’assegno sarà possibile richiederlo:

  • dal settimo mese di gravidanza fino a 18 anni del bambino, con una maggiorazione a partire dal terzo figlio;
  • dal diciottesimo anno di età sino a 21 anni, a determinate condizioni. Solo se il figlio frequenta un corso di laurea o di un tirocinio formativo, o svolge il servizio civile universale. Lo stesso assegno potrà essere corrisposto direttamente al figlio, anche quando sia registrato come disoccupato e in cerca di lavoro presso un centro per l’impiego o un’agenzia per il lavoro;
  • ai figli con una disabilità è riconosciuto un assegno maggiorato, secondo la classificazione del grado di disabilità, sino all’età di 21 anni e corrisposto anche dopo i 21 di età senza maggiorazione.

Assegno unico universale 2021 conviene davvero?

L’assegno unico dal 1° Luglio 2021 è compatibile con il reddito di cittadinanza, (anche se la quota spettante al figlio dovrebbe essere sottratta) e non è soggetto a tassazione Irpef. Il calcolo dipenderà dall’età dei figli e dal valore Isee del nucleo familiare, in corso di validità.

Potrà essere richiesto, in alternativa da uno dei due genitori, o chi esercita la potestà genitoriale. L’assegno può essere ripartito tra entrambi i genitori, o in caso di mancato accordo (se i genitori sono separati), viene diviso in parti uguali.

In sostituzione dell’assegno unico per i figli, i genitori non riceveranno:

  • l’assegno al nucleo familiare con almeno tre figli minori,
  • l’assegno di natalità o bonus bebè,
  • bonus mamma di 800 euro,
  • fondo di sostegno alla natalità,
  • l’assegno familiare in busta paga,
  • le detrazioni per figli a carico.

Lo stesso importo è maggiorato del:

  • 20%, per i figli successivi al primo o al secondo (un decreto definirà il tutto),
  • 30% e sino al 50%, per i figli con disabilità.

Assegno unico figli 2021 come richiederlo?

Per richiedere l’assegno unico, prima di tutto bisogna attendere l’approvazione del disegno di legge in maniera definitiva ed i decreti del Ministero del lavoro. Come già detto, entrerà in vigore dal 1° Luglio 2021, e per richiederlo è necessario essere in possesso di un Isee 2021 in corso di validità e la convivenza con i figli.

In conclusione rispondiamo alla domanda se conviene davvero il nuovo assegno unico figli a carico. Sicuramente è una novità assoluta per i lavoratori autonomi e per le famiglie con figli maggiori di 18 anni.

Inoltre, per verificare la convenienza, sarà necessario controllare le tabelle degli importi, dell’assegno 2021, in relazione al valore Isee 2021. Non converrà invece per coloro che percepiscono il bonus bebè, delle detrazioni fiscali e dell’assegno familiare, in quanto il rimborso è maggiore di 250 euro mensili

Leggi gli ultimi articoli pubblicati sul nostro sito:

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui