assegno unico sospeso come fare
Assegno Unico sospeso: quando e perché accade? Cosa fare?

Articolo aggiornato il 23 Maggio 2024 da Stefano Mastrangelo

Come mai viene sospeso l’Assegno Unico?

L’Assegno Unico è una misura di sostegno economico rivolta ai nuclei familiari con figli a carico. Istituito da marzo 2022, è un aiuto concreto per tutte le famiglie con figli minori d’età e fino a 21 anni che ricevono direttamente da Inps la prestazione, sul proprio conto corrente.

Esaminiamo insieme i casi in cui l’assegno unico può essere in istruttoria, sospeso, decadere, o in “evidenza alla sede”, o in “evidenza al cittadino”.

Assegno unico sospeso in riesame

Premesso che nel 2023, per continuare a percepire l’assegno unico, non è necessario presentare una nuova domanda, ma basta solo aggiornare il modello Isee.

Nel caso in cui, invece, si dovesse inviare ad Inps una nuova richiesta, si dovrà prestare attenzione a verificare lo stato della domanda. Monitorare anche le domande presentate l’anno scorso è sempre una buona abitudine per evitare spiacevoli sorprese.

Lo stato della domanda di assegno unico può presentare queste casistiche:

  • Domanda in istruttoria, quando la piattaforma Inps ha ricevuto la domanda ma la pratica non è stata ancora lavorata. Se la fase istruttoria si protrae per lungo tempo, è molto probabile, che durante la lavorazione siano emerse problematiche che ne impediscono la conclusione.
  • Accolta, quando la domanda è stata accettata ma non è stata ancora pagata la prestazione:
  • In evidenza alla sede, vuol dire che l’Inps sta effettuando d’ufficio dei controlli sulla stessa e che può sistemare autonomamente le anomalie;
  • In evidenza al cittadino, quando è necessario da parte del cittadino fornire all’Inps competente, ulteriori documenti o chiarimenti;
  • Respinta, quando non sussistono i requisiti e la domanda viene rigettata;
  • Bloccata quando diverse criticità, che ora affronteremo, impediscono il proseguo dei pagamenti.

Come sbloccare assegno unico sospeso?

I motivi più frequenti per cui l’assegno unico viene sospeso possono essere:

  • si è indicato nella domanda un codice Iban errato o non valido per l’accredito;
  • necessità di integrare i requisiti (di studio, tirocini, ecc.) per i figli diventati maggiorenni dopo la presentazione della domanda;
  • discordanza dello status di disabilità con quanto indicato sul modello Isee;
  • quando nel nucleo familiare vi è un percettore di reddito di cittadinanza (l’assegno unico spetta su Rdc);
  • nel caso in cui si deve fornire per il diritto o la misura dell’assegno, ulteriore documentazione.

Una volta individuato il problema che blocca la pratica, si può procedere a riattivare il pagamento, utilizzando la funzione “modifica” disponibile nella sezione “consulta e gestisci le domande che hai presentato“.

Per ulteriori dettagli sulla correzione degli errori che bloccano la domanda di assegno unico, si può consultare il messaggio Inps n. 1962 del 09 Maggio 2022, il quale fornisce tutte le indicazioni utili al ripristino della prestazione.

Consulenza Online per Assegno Unico
Richiedi la tua consulenza professionale e personalizzata sul nostro Store.
Migliaia di cittadini si sono già rivolti a noi!

Leggi gli ultimi articoli pubblicati sul nostro sito:

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui