Bonus occupazione per i più giovani?
Bonus occupazione giovani under 36
Vota questo post

Articolo aggiornato il 6 Novembre 2023 da Stefano Mastrangelo

Circolare 56 2021 Inps: esonero contributivo 

La legge di bilancio 2021, ha previsto, per le nuovi assunzioni dei giovani con contratto a tempo indeterminato e per le trasformazione dei contratti da tempo determinato a indeterminato, un’agevolazione contributiva per 36 mensilità.

L’esonero contributivo è pari a 6000 euro annui, se alla data della prima assunzione agevolata, il lavoratore non abbia compiuto 36 anni di età ed ha una durata di due anni. (2021-2022)

L’agevolazione spetta ai datori di lavoro privati per le assunzioni di operai, impiegati e quadri, per un massimo di 48 mesi, nelle unità produttive o nelle sedi ubicate nelle Regioni del mezzogiorno. (Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Sicilia, Puglia, Calabria e Sardegna)

Chi sono i beneficiari dell’agevolazione contributiva 2021-2022?

Come previsto dalla Circolare Inps 56 2021, posso usufruire dell’esonero contributivo fino a 6000 euro annui, tutti i datori di lavoro privati, compresi gli imprenditori agricoli, per l’assunzione senza scadenza del termine e la trasformazione di contratti da tempo determinato in indeterminato.

Non è necessaria la natura di imprenditore ai sensi dell’art. 2082 del codice civile. L’agevolazione non si applica per le assunzioni nella pubblica amministrazione e nel settore finanziario.

Tutti questi datori di lavoro, per ottenere l’agevolazione, devono essere in regola con la normativa vigente, ossia:

  • regolarità dei versamenti previdenziali ed assicurativi sia all’Inps che all’Inail; ossia in possesso del DURC regolare,
  • assenza di violazioni fondamentali di tutte le norme che tutelano le condizioni di lavoro;
  • rispetto dei contratti collettivi nazionali, regionali, territoriali o aziendali,
  • non abbiano proceduto, nei sei mesi precedenti l’assunzione, né procedano, nei nove mesi successivi alla stessa, a licenziamenti individuali per giustificato motivo oggettivo ovvero a licenziamenti collettivi, ai sensi della legge 23 luglio 1991, n. 223, nei confronti di lavoratori, inquadrati con la medesima qualifica nella stessa unità produttiva.

Chi sono i giovani destinatari dell’agevolazione?

L’agevolazione contributiva spetta a giovani, per gli anni 2021-2022 ed è destinata ai giovani sino a 36 anni di età (ossia sino a 35 anni e 364 giorni al momento dell’assunzione incentivante) e che non siano stati occupati a tempo indeterminato, con il medesimo o con altro datore di lavoro nel corso dell’intera vita lavorativa.

Sono esclusi i rapporti di:

  • apprendistato,
  • i contratti di lavoro domestico,
  • i rapporti intermittenti a chiamata, anche se stipulati a tempo indeterminato,
  • i contratti di lavoro con qualifica dirigenziale,
  • prestazioni di lavoro occasioni.

Invece, l’esonero contributivo, spetta anche le assunzioni a tempo indeterminato a scopo di somministrazione, ancorché la prestazione lavorativa sia resa verso l’utilizzatore nella forma a tempo determinato.

Ricapitolando, l’agevolazione contributiva per i giovani, pari a 500 euro al mese, spetta solo se:

  • il contratto è a tempo indeterminato ed a tutele crescenti, anche come socio-lavoratore di una cooperativa o in somministrazione,
  • il giovane non sia stato occupato a tempo indeterminato con lo stesso o altri datori di lavoro nell’arco della sua vita lavorativa;
  • non abbia compiuto 36 anni di età (35 anni e 364 giorni),
  • l’assunzione riguarda lavoratori con la qualifica di operaio, impiegato e quadro,
  • può riguardare anche le assunzioni obbligatorie previste per i disabili.

Misura incentivo assunzione giovani under 36 anni

Per i contratti di assunzione e trasformazione in contratti a tempo indeterminato, effettuati per i giovani, nell’anno 2021-22, spetta un incentivo pari al 100%, del totale dei contributi versati ed a carico del datore di lavoro, in un limite massimo di 6000 euro annuali, da riparametrare in ogni busta paga mensile.

Tale beneficio ha una durata di 36 mesi a partire dalla data di assunzione del giovane e di 48 mesi, per le assunzioni nelle sedi e unità produttive del Sud.

Riferimento normativo: Circolare 56 2021 Inps

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui