Articolo aggiornato il 20 Marzo 2020 da Nicola Di Masi

Cassa Integrazione in deroga cos’è e chi la paga?

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nella giornata del 17 Marzo, il decreto Cura Italia, che prevede la cassa integrazione in deroga a partire dal 23 Febbraio 2020, per 9 settimane, ai datori di lavoro che sospendono o riducono l’attività a causa dell’emergenza Coronavirus.

Una cassa integrazione diversa da quella stabilita dal precedente decreto n. 9 del 2020, per le zone rosse e per i settori privi di strumenti di tutela.

Cassa integrazione in deroga: cos’è?

La cassa integrazione guadagni o la CIG, è una misura Inps che permette la sospensione dei lavoratori o un orario ridotto, a causa di temporanea difficoltà dell’impresa:

  • situazioni aziendali dovute a eventi transitori e non imputabili all’imprenditore o ai lavoratori;
  • situazioni aziendali determinate da condizioni temporanee di mercato;
  • crisi aziendali;
  • riorganizzazione o ristrutturazione.

Si distingue in ordinaria e straordinaria ed in determinati casi è concessa dallo Stato quella in deroga. La CIG in deroga spetta alle aziende private, anche fino a 5 dipendenti, di qualsiasi settore comprese:

  • le aziende agricole,
  • della pesca,
  • del terzo settore, come cooperative sociali,
  • delle grandi imprese ai cui si applica la cassa integrazione straordinaria,
  • gli Enti religioni civilmente riconosciuti.

Sono esclusi i rapporti di lavoro domestico ed i datori di lavoro che possono accedere alla Cassa integrazione guadagni ordinaria, al FIS o al fondo di solidarietà.

Come funziona la Cassa integrazione in deroga?

Nel decreto Cura Italia, il Governo ha stabilito che saranno le Regioni e le provincie autonome, a firmare l’accordo quadro, per tutti con i sindacati, anche in via telematica, per riconoscere alle imprese la cassa integrazione in deroga, attraverso tre passaggi:

  1. l’informazione,
  2. la consultazione,
  3. l’esame congiunto,

da svolgere entro tre giorni dalla richiesta dell’impresa.

Quindi è l’impresa che dovrà richiedere alla Regione preliminarmente, la cassa integrazione in deroga, per le sospensioni o riduzione di orari di lavoro avvenute dal 23 Febbraio 2020, per un massimo di 9 settimane, da sfruttare entro il mese di Agosto 2020. In seguito la Regione invia all’Inps in modalità telematica il decreto di concessione e la lista dei beneficiari

Al lavoratore spetterà l’80% della retribuzione globale, compreso di oneri accessori (assegno per il nucleo familiare) ed i ratei delle mensilità aggiuntiva, che il dipendente avrebbe percepito per le ore di lavoro non prestate tra le ore zero e il limite dell’orario contrattuale, comunque non oltre le 40 ore settimanali. Quindi il prestatore di lavoro deve solo attendere le istruzioni del datore di lavoro.

La cassa integrazione in deroga è una delle misure più vantaggiose per il lavoratore, che risponde alle diverse chiusure di attività dovute al Coronavirus. 

L’unica problematica di questo Istituto, è che i pagamenti arrivano, sino alla precedenti richieste, con molto ritardo.

2 Commenti

  1. buongiorno .scusate vorrei sapere per chi e stato assunto il 4 marzo 2020 e ha lavorato solo 6 giorni ,e poi e rimasto a casa per il covid ..puo fare domanda di cassa integrazione o non rientra in data . e se e si la deve fare il datore di lavoro….grazie anticipate

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui