Come controllare il 730 del caf o del commercialista

Hai controllato la dichiarazione fiscale inviata dal CAF o dal Commercialista? Molti contribuenti, dal 2 Maggio di ogni anno, consegnano una serie di documenti al Caf o al commercialista, per l’elaborazione del modello 730 o ex Unico. Il Consulente, prima di tutto, ti farà firmare un mandato per scaricare la dichiarazione precompilata ed in seguito riscontrerà i dati dell’Agenzia con quelli portati dal cittadino contribuente. Ma sei proprio sicuro che i dati inseriti sono corretti?

Quali sono i maggiori errori del 730 o del modello Unico?

Il Caf o il commercialista sono consulenti di fiducia del contribuente, a cui spetta il visto finale (il visto di conformità) della dichiarazione dei redditi, prima dell’invio definitivo. Da diversi anni l’Agenzia delle Entrate, permette ai CAF di scaricare il 730 già precompilato, dove sono riepilogati i redditi di lavoro dipendente e diverse spese detraibili e deducibile del contribuente.

Però in molti casi, il 730 precompilato non è completo, ed omette alcuni dati, come i giorni di detrazioni fiscale, quando ci sono più Cud. In questi casi è fondamentale aggiornare i giorni di detrazione, per non avere un debito con il Fisco. In altri casi, succede il contrario, ossia è il contribuente che non dichiara tutti i dati e le spese al CAF in tempo utile.

Per non fare errori sul modello 730 o ex Unico bisogna:

  1. indicare i dati anagrafici dei familiari e la residenza effettiva,
  2. portare tutti i Cud, di tutti i datori di lavoro, in cui si è prestata un’attività lavorativa nell’anno precedente,
  3. indicare i familiari a carico fiscalmente, da non confondere con gli assegni familiari, ossia il coniuge o i figli che non superano un reddito cadauno 2018, di 2840,51 euro,
  4. portare tutta la documentazione sanitaria sostenuta, ad esempio nel 2018, compresi gli scontrini farmaceutici.
  5. Allegare alle attrezzature o alle protasi sanitarie, la prescrizione del medico e l’eventuale verbale della 104/92,
  6. portare il prospetto degli interessi passivi in caso di mutuo per acquisto o ristrutturazione della casa e tutte le fatture ed i bonifici delle spede per il recupero del patrimonio edilizio (ristrutturazioni degli immobili),
  7. indicare il sostituto d’imposta che effettuerà le operazioni di conguaglio.

Inoltre è importante indicare la scelta del 5 per mille, dell’otto per mille e del 2 per mille.

Dopo aver consegnato tutta la documentazione, il CAF ed il commercialista, avranno tutti i dati per inviare la dichiarazione correttamente.

Cosa bisogna controllare sul modello 730 o Unico?

Il Caf ed il commercialista, dopo l’invio della dichiarazione fiscale, deve consegnare una copia al contribuente, per visionare che tutte le spese sono state scaricate. Prima di tutto chiedi il rimborso fiscale da ricevere o le trattenute da pagare o dove sarà effettuato questo conguaglio.

Potrebbe interessarti anche  Controlli conti correnti del Fisco alle persone fisiche

Il contribuente nel caso di variazione del rapporto di lavoro, deve tempestivamente comunicare al Consulente fiscale, il nuovo datore di lavoro che effettuerà le operazioni di conguaglio. Quindi prima di tutto bisogna verificare:

  1. se spetta un rimborso o un debito da pagare,
  2. se i familiari sono a carico o non a carico correttamente,
  3. il riquadro dei terreni e fabbricati, in caso di acquisto o di vendita durante l’anno precedente,
  4. i redditi da lavoro dipendente ed assimilati, il numero dei giorni di detrazione (facendo la somma dei giorni dei Cud), le ritenute fiscali e le addizionali regionali e comunali della somma di tutti i Cud.
  5. il bonus irpef (Renzi) erogato o non erogato,
  6. tutte le spese indicate nel quadro E e se tali sono corrette.

Come verificare se devo pagare o ricevere un credito irpef sul 730?

Infine sul modello 730 è inserito il prospetto di liquidazione delle imposte. Nel rigo 11 è riportato il reddito complessivo dei redditi di lavoro dipendente e altri redditi, dei terreni e fabbricati. A rigo 14 viene indicato il reddito complessivo meno gli oneri deducibili (come la casa di abitazione, la previdenza complementare o contributi facoltativi versate a casse di previdenza). Su tali importo si applicano le aliquote irpef. In questo caso il 23%. 1366 euro è l’imposta lorda (5940*23%)

Prospetto di liquidazione 730

Nella sezione calcolo detrazioni e crediti d’imposta si sommano tutte le detrazioni per lavoro dipendente a tempo indeterminato e determinato, per il coniuge ed i figli e tutte le spese sostenute. L’imposta lorda si sottrae alla somma delle detrazioni. In questo caso sono maggiori le detrazioni ed il contribuente avendo pagato solo 16 euro di ritenute fiscali, li recupera totalmente.

Calcolo imposta 730 2019

Qui arriva la beffa. Il bonus Renzi a questo contribuente non spetta, in quanto il reddito complessivo è di 5940 euro ed avendolo percepito sulle buste paga, è costretto a restituirlo. Alla fine questo contribuente dovrà pagare sul 730: 123 euro di imposte sulla busta paga di Luglio. (139 euro bonus Renzi – 16 euro a credito)

Bonus Renzi spettante sul 730

Prima di presentare il modello 730 al Caf o al commercialista, è importante chiedere il costo della dichiarazione, perché potrebbe cambiare notevolmente tra diversi CAF. Infine, dopo l’invio, controlla il modello 730 tempestivamente, per provvedere a correggerlo in tempi brevi, in caso di errori.

Nel caso in cui, non si riesce ad annullare il modello 730 entro il 20 Giugno 2019, si può:

  • presentare un modello 730 integrativo, entro il 25 Ottobre 2019, nel caso in cui il credito è maggiore o l’imposta da pagare è inferiore, (quando si è dimenticato di inserire una spesa sanitaria)
  • o un modello Unico correttivo, entro il 30 settembre, in caso di imposta maggiore e minor credito. (Ad esempio quando si è dimenticato un Cud da inserire sul 730)

— Se vuoi ricevere una Consulenza telefonica e Professionale dai nostri Esperti sul modello fiscale 730 2019, visita la nostra area dedicata.

Valuta l'articolo
[Totali: 2 Media: 4.5]

Dona il tuo 5x1000 a Insindacabili

2 Commenti

  1. Salve,ho fatto Il 730 al patronato al giorno 28 aprile 2019 ,però quando faccio il controllo al fisconline, non si trova niente solo 730 2018.secondo a lei cose normale?i ce qualcosa che non andata bene ,?grazie.

Se ci sono dei commenti, troverai già la risposta al tuo quesito - Leggi prima di commentare ;)