Ecco come presentare la domanda per il reddito di inclusione a partire dal primo dicembre 2017

Stop alle domande Sia dal primo novembre 2017 ed alle domande Asdi dal primo dicembre 2017. Infatti dal primo dicembre 2017 sarà possibile presentare le domande REI (reddito di inclusione 2018), una misura economica per le famiglie in situazione di povertà.

Il reddito di inclusione 2018 spetta in relazione ai componenti del nucleo familiare. L’importo sarà pari:

  • ad euro 187,50 per un solo componente familiare.
  • 294,50 euro per due componenti familiari;
  • 382,50 euro per tre componenti familiari;
  • Ad euro 461,25 per quattro componenti familiari;
  • Ad euro 485,41 per cinque componenti familiari.

Chi sono i beneficiari del reddito di inclusione?

Posso accedere al Rei:

  • i cittadini italiani;
  • i cittadini comunitari;
  • i familiari di cittadini italiani o comunitari, non aventi la cittadinanza in uno Stato membro, titolari del diritto di soggiorno o diritto di soggiorno permanente;
  • i cittadini stranieri in possesso del permesso di soggiorno Ce per soggiornanti di lungo periodo;
  • gli stranieri titolari di protezione internazionale (asilo politico, protezione sussidiaria), che siano residenti in Italia da almeno due anni al momento della presentazione della domanda

Il nucleo familiare deve trovarsi in una delle seguenti condizioni:

  • all’interno del nucleo ci deve essere un componente minorenne;
  • in alternativa un componente con disabilità;
  • in alternativa un componente che abbia compiuto 55 anni con i requisiti per la disoccupazione;
  • oppure la presenza all’interno del nucleo familiare di una donna in stato di gravidanza.

Per ottenere il reddito di inclusione è importante avere in corso di validità il modello Isee con tali requisiti:

  • valore Isee (in corso di validità) del nucleo familiare non superiore a 6000 euro ed un reddito equivalente non inferiore a 3000 euro;
  • valore del patrimonio immobiliare, non comprendente la casa di abitazione, di 20.000 euro;
  • famiglia composta da minori, componenti disabili, over 55 o donne in stato di gravidanza;
  • valore del patrimonio mobiliare non superiore ai 10.000 euro in relazione ai componenti del nucleo familiare;

Inoltre per poter accedere alla REI nessuno dei componenti familiari deve essere in possesso di:

  • disoccupazione Naspi o altro prestazioni a sostegno del reddito nel caso di disoccupazione;
  • imbarcazioni, auto e moto immatricolati nei 24 mesi precedenti la richiesta del REI. (esclusi gli autoveicoli e motoveicoli in favore di persone disabili)
  • navi ed imbarcazioni da diporto.
Potrebbe interessarti anche  Il pagamento delle Pensioni a Novembre 2018

Durata del Reddito di inclusione 2018

Il beneficio economico verrà erogato dal primo gennaio 2018 attraverso un carta ricaricabile (cosiddetta Carta Rei) e verrà concesso per un periodo massimo di 18 mesi, rinnovabile per altri 12 solo se la domanda di rinnovo sia inoltrata non prima di sei mesi dal pagamento dell’ultima mensilità.

Cosa devo fare per presentare la domanda Rei?

Prima di tutto devi essere in possesso di un modello Isee in corso di validità e rinnovarlo subito dopo la scadenza del 15 gennaio 2018 se presenti la domanda entro il mese di dicembre 2017. Se presenti la domanda dal 2018 in poi, dovrai attendere il 15 gennaio 2018 per presentare la domanda e quindi il nuovo Isee.

La domanda verrà presentata al Comune di residenza, sicuramente all’ufficio dei servizi sociali, e pagata mensilmente da parte dell’Inps tramite la consegna da parte degli uffici postali della Carta di pagamento elettronica (carta rei) e delle password. A differenza delle altre misure, si potranno prelevare contanti entro un limite mensile di 240 euro (con un costo di commissione di 1.75 euro).

Sarà l’Inps con una propria circolare, ad indicare le modalità operative ed a pubblicare il modulo di domanda.

Per percepire il Reddito di inclusione è importante sottoscrivere entro 20 giorni lavorativi dalla prima fase preliminare, il progetto personalizzato o il patto di servizio o il programma di ricerca intensiva di occupazione. Nel 2018 e solo per questo anno, verrà percepito il contributo economico REI per un periodo massimo di 6 mesi anche senza la sottoscrizione del progetto.

Per chi percepisce il Sia nel 2017, l’Inps corrisponderà il relativo contributo economico per tutta la durata della prestazione e dal primo gennaio 2018 anche i possessori del Sia potranno prelevare con la Carta Sia. Il Sia potrà essere trasformato in Rei solo se in possesso di tutti i requisiti. Attendiamo maggiori istruzioni operativi dal parte dell’Inps.

Riferimenti normativi: Legge 15 marzo 2017 n. 33 – Decreto legislativo 15 settembre 2017 n. 147

Continua a seguirci, pubblicheremo a breve il modulo di domanda.

Valuta l'articolo
[Totali: 16 Media: 3.1]

Posted by Nicola Di Masi

Nicola Di Masi, ideatore e creatore di contenuti per il sito insindacabili.it. Abilitato Consulente del Lavoro e responsabile Caf da Maggio 2008 a tutt'oggi. Ha lavorato come Consulente del Lavoro, come operatore di Patronato e ha coordinato le attività formative di un Organismo Formativo Accreditato.

4 Comments

  1. Salve.guardi visto che il comune a 2 messi che il reicom nn lo lo devono mandare ..e seguito i vostri passi ed lo mandato io.ora che scritto in lavorazione …ma quella del comune ancora in attesa di reicom.dunque quanto ci vorrà per essere aggiornato.piu almeno quanto tempo?? Grz

    Rispondi

    1. Nicola Di Masi 19 aprile 2018 at 11:33

      Faccia un sollecito con Inps Risponde: http://insindacabili.it/inps-risponde-online/

      Rispondi

  2. Buongiorno, il Suo modello Isee 2018 sarà compilato con i redditi 2016 e con il saldo e la giacenza media al 31/12/2017. Potrà compilare la domanda quando avrà tutti i requisiti. Buona giornata!

    Rispondi

  3. Volevo fare due domande 1) Ma per reddito si intende quello inerente il 2016 o il 2017? 2) Compiro’ 55 anni ad aprile 2018,quindi a dicembre 2017 non posso inoltrare la domanda? devo aspettare aprile?

    Rispondi

Invia il tuo Commento