Festività in busta paga 2019 – Quali sono le festività pagate in busta paga


Festività in busta paga 2019 – Quali sono le festività pagate in busta paga

Festività in busta paga 2019 – Quali sono le festività pagate in busta paga

Oggi vogliamo parlarvi di tutte le festività in busta paga previste per il 2019. Nell’arco dei dodici mesi, sono considerate festive, oltre alle domeniche, anche gli altri giorni individuati dalla legge come ricorrenze e festività nazionaliFestività in busta paga 2018

Sono, come facilmente intuibile, tra le giornate più attese durante l’anno e spesso sono utilizzate per la pianificazione di “Ponti” e mini-vacanze fuori Città.
Quali sono le festività dell’anno 2019, pagate in busta paga, e previste per l’intero anno? Vediamole insieme qui in basso.

Le festività in Busta paga 2019

Il calendario delle festività in busta paga nel 2019
DataFestività in Busta Paga 2019
Primo GennaioCapodanno
6 GennaioEpifania
22 AprilePasquetta - Lunedì dell'angelo
25 AprileAnniversario della liberazione
Primo MaggioFesta del lavoro
2 GiugnoFesta della Repubblica
15 AgostoFerragosto - Assunzione della Beata Vergine Maria
Primo NovembreOgnissanti
8 DicembreImmacolata Concezione
25 DicembreNatale
26 DicembreSanto Stefano

A questo elenco bisogna aggiungere anche il giorno della ricorrenza del Santo Patrono del Comune in cui si svolge l’attività produttiva del lavoratore/lavoratrice.
La data varia da Comune a Comune ed è consultabile effettuando una semplice ricerca su internet.

Infine ci sono alcuni settori lavorativi che prevedono alcune giornate semi-festive:

  • 14 Agosto – semi-festivo per i settori Credito ed Assicurazioni
  • 2 Novembre – semi-festivo per il settore Assicurazioni
  • 24 Dicembre – semi-festivo per i settori Credito ed Assicurazioni
  • 31 Dicembre – semi-festivo per i settori Credito ed Assicurazioni

Festività soppresse in Busta Paga 2019

Sino al 1977 erano considerate giornate festive anche le seguenti Ricorrenze / celebrazioni Religiose:

  • 19 marzo: San Giuseppe
  • Ascensione: 40 giorni dopo la Pasqua
  • Corpus Domini: ovvero 60 giorni dopo la Pasqua
  • il 29 giugno: Santi Pietro e Paolo, patroni di Roma – A Roma è tuttora una giornata festiva
  • il 4 ottobre: ovvero San Francesco d’Assisi, patrono d’Italia
  • il 4 novembre: anniversario della vittoria dell’Italia nella Prima guerra mondiale ex-festività 2019

Abbiamo dimenticato qualcosa? Hai altre festività da segnalarci?
Aiutaci e scrivicelo nei commenti 😉

Consulenza Online
Hai bisogno di una Consulenza online professionale? Visita la nostra area dedicata! Festività in busta paga 2018

Valuta l'articolo
[Totali: 9 Media: 3.6]

Seguici su Telegram

2 commenti su “Festività in busta paga 2019 – Quali sono le festività pagate in busta paga”

  1. Buongiorno, dato che San Pietro e Paolo (29 Giugno) nel 2019 cade di Sabato, i lavoratori che NON lavorano di sabato non avranno diritto nè alle ore di rol aggiuntive? Chiedo inoltre un altro paio di delucidazioni se possibile:
    1_ se la ex festività cadesse di domenica, verrebbe retribuita al pari delle festività non godute?
    2_le ore di rol aggiuntive da calcolare per le ex festività sono 24 o 8? lo chiedo in quanto in qualche sito ho letto 24 ore (cosa che mi sembrerebbe un po’ strana) mentre in altri 8 ore (più plausibile…)
    3_non ho mai saputo che anche il 4 ottobre fosse una ex festività e non l’ho visto ma in nessun elenco dei vari siti che ho consultato; c’è qualcosa che mi sfugge o gli altri siti non sono stati precisi?

    Grazie per il vostro tempo.

    • Legga attentamente il nostro articolo. Ai lavoratori dipendenti vengono pagate le festività nazionali (in questi giorni si devo assentare) e sono pagate anche se sono di sabato e domenica. Le ex festività vengono pagate e si applicano in relazione al contratto collettivo nazionale del lavoro.

Se ci sono dei commenti, troverai già la risposta al tuo quesito - Leggi prima di commentare ;)

error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: