Flat tax 2019: cos’è, aliquote fiscali, esempio di calcolo

Nuova tassazione in arrivo per i professionisti e per le imprese denominata flat tax 2019. Nel 2018 moltissimi professionisti hanno aderito al regime forfettario, per pagare meno imposte sino ad un reddito complessivo di 30.000 euro.

Vediamo nel dettaglio la convenienza del nuovo sistema fiscale, non ancora definitivo, con due sole aliquote.

Flat tax 2019: cos’è?

La flat tax è il nuovo forfait fiscale, che prevede in altri paesi dell’Est Europa, un’aliquota unica “piatta” da applicare al reddito dei professionisti e delle imprese. A differenza degli altri paesi, in Italia non è possibile applicare un’aliquota unica, perché la nostra costituzione all’art. 53, esplica che il sistema tributario italiano è informato a criteri di progressività. Per questo il nuovo Governo denominato “giallo-verde” ha come obiettivo di tagliare l’irpef da subito, per imprese e professionisti ed applicare da subito la flat tax per le famiglie numerose (famiglie con almeno tre figli minori).

Flat tax 2019: aliquote fiscali?

La nuova riforma fiscale prevede il passaggio da 5 scaglioni irpef a due aliquote irpef. Per le famiglie numerose sono previste due aliquote:

  • 15% per i redditi complessivi fino ad 80.000 euro;
  • 20% per i redditi complessivi superiori ad 80.000 euro;

Prima del calcolo dell’irpef, verrà applicata alle famiglie numerose, una deduzione fiscale forfettaria di 3000,00 euro per i redditi complessivi inferiori a 35.000,00. Da 35.000,01 a 50.000,00 verranno riconosciute solo le detrazioni per carichi di famiglia e non la deduzione forfettaria.

Potrebbe interessarti anche  Assegno di cura 2018 Regione Puglia

Per le imprese e per i titolari delle partite iva ci saranno due aliquote:

  • 15% per professionisti ed imprese con ricavi sino a 65.000,00 euro;
  • 20% per i titolari di partita iva nella fascia da 65.000,00 a 100.000,00 euro.

Un sistema che potrebbe non essere conveniente per tutti, soprattutto per i professionisti con molte detrazioni fiscali. In tal caso i titolari di partita iva, farebbero meglio a non aderire alla flat tax ed a continuare ad essere tassati con il regime ordinario, in quanto più vantaggioso.

Flat tax 2019: esempio di calcolo per le famiglie?

La flat tax è davvero conveniente? Facciamo degli esempi per vedere praticamente quanto pagheremo di imposte iperf 2019 con il nuovo sistema fiscale. Se il contribuente ha un reddito lordo di 15.000,00, paga 1800 euro di flat tax (rispetto ai 3450 euro con il regime fiscale sino al 2018):

  • 15000,00 reddito complessivo – 3000,00 di deduzioni forfettarie = 12.000,00 euro
  • imponibile irpef 12000,00 x 15% (nuova aliquota irpef flat tax 2019) = 1800,00 euro

Invece per i contribuenti con un reddito complessivo lordo di euro 50.001,00 si applicherà un’aliquota flat tax del 15% senza nessuna deduzione o detrazione fiscale:

  • 50.001,00 reddito complessivo x 15% = 7500,15 (nessuna deduzione o detrazione fiscale)

Per le famiglie numerose con un reddito complessivo di 85.000,00 euro verrà applicata l’aliquota “piatta” del 20%:

  • 85.000,00 reddito complessivo x 20% (seconda aliquota flat tax 2019) = 17.000,00 di imposte da pagare

Dai calcoli deriva, che i redditi complessivi più elevati, avranno un notevole risparmio economico di imposte irpef 2019.

Consulenza del team di insindacabili.it

Per qualsiasi consulenza fiscale, affidati ai nostri esperti accedendo all’area dedicata di consulenza online.

Valuta l'articolo
[Totali: 3 Media: 3.3]

Posted by Nicola Di Masi

Nicola Di Masi, ideatore e creatore di contenuti per il sito insindacabili.it. Abilitato Consulente del Lavoro e responsabile Caf da Maggio 2008 a tutt'oggi. Ha lavorato come Consulente del Lavoro, come operatore di Patronato e ha coordinato le attività formative di un Organismo Formativo Accreditato.

2 Comments

  1. il medico deduce l’enpam?

    Rispondi

    1. Nicola Di Masi 19 ottobre 2018 at 7:30

      Sì, però deve iscritto entro una data precisa.

      Rispondi

Invia il tuo Commento