Articolo aggiornato il 30 Agosto 2021 da Stefano Mastrangelo

Cos’è il Fondo credito Inps?

Dal 20 Agosto 2021, è riaperta l’adesione al Fondo credito per i dipendenti e pensionati pubblici, che non sono stati iscritti in precedenza o per mancanza, non hanno cliccato l’opzione, al momento della presentazione della domanda di pensione.

Il fondo credito è stato istituito nel 1996 e finanziato con una trattenuta sugli stipendi dei dipendenti pubblici, per contribuire al sostegno di alcune forme di credito, formazione ed aiuti economici alle famiglie.

Vediamo perché è così importante l’iscrizione al fondo e chi può iscriversi dal 20 Agosto 2021 al 20 Febbraio 2022.

Quali vantaggi porta l’adesione al Fondo Credito?

La Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (ossia il fondo credito), permette agli iscritti, di usufruire di alcuni servizi, come indicato sul sito dell’Inps:

  • mutui e prestiti a tassi agevolati;
  • formazione e istruzione dalla scuola primaria ai master universitari;
  • prevenzione e salute;
  • prestazioni per persone non autosufficienti;
  • politiche in favore dell’occupazione;
  • ospitalità residenziale;
  • soggiorni studio e soggiorni benessere estivi.

Per questo è molto importante iscriversi, per non perdere tutte le agevolazioni messe a disposizione dell’Istituto.

Fondo credito domande Inps per dipendenti e pensionati pubblici

Dal 20 Agosto 2021, è possibile inoltrare un’apposita domanda all’Inps, per richiedere l’iscrizione alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, solo per:

  • i dipendenti pubblici in servizio,
  • i pensionati, con pensione diretta, che non sono iscritti al Fondo alla data del 1° gennaio 2020.

La domanda può essere presentata all’Inps, entro e non oltre il 20 febbraio 2022, tramite:

I dipendenti pubblici, dopo l’iscrizione, dovranno pagare ogni mese, tramite una trattenuta sulla busta paga, lo 0,35% sulla retribuzione imponibile contributiva. Mentre i pensionati, verseranno ogni mese, con una trattenuta sulla pensione, un contributo pari allo 0,15% della pensione lorda.

Il contributo pagato al fondo credito, non è rimborsabile in alcun modo.

Riferimenti Normativi: Circolare INPS 19 agosto 2021, n.128, Messaggio 12 agosto 2021, n. 2883

Dai uno sguardo ai nostri ultimi articoli:

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui