Indennizzo commercianti 2019 Inps per chiusura attività: cos’è, a chi spetta, come funziona

La legge di bilancio 2019, all’art. 1 comma 283, ha rifinanziato l’indennizzo per la chiusura definitiva di un’attività commerciale. La finanziaria 2019, prevede che nel 2019, l’indennizzo sarà riconosciuto ai commercianti, che alla data di presentazione della domanda, abbiamo 62 anni di età se uomini e 57 anni per le donne con almeno 5 anni contribuzione Inps. A chi spetta questo indennizzo Inps?

Bonus commercianti Inps 2019: cos’è?

L’indennizzo Inps, per la chiusura definitiva delle attività commerciali è un bonus riconosciuto ai titolari ed ai coadiuvanti di attività commerciali, che cessano la licenza commerciale per il raggiungimento dell’amata pensione di vecchiaia (67 anni di età e 20 anni di contributi nel 2019). Spetterà dalle chiusure avvenute dal 1° gennaio 2019 sino all’esaurimento delle risorse, dato che il governo non ha previsto una data di scadenza.

Indennizzo Inps cessazione attività commerciale: a chi spetta?

Ai sensi dell’art. 1 del Decreto legislativo n. 207 del 1996 e l’art. 59 comma 58 della legge n.449 del 1997, il bonus Inps commercianti spetta:

  • agli agenti ed ai rappresentati del commercio;
  • agli esercenti di attività di somministrazione al pubblico di alimenti e bevanti; (gestori di bar e ristoranti)
  • ai titolari ed ai coadiutori di attività commerciali su aree pubbliche; (ambulanti)
  • ai titolari ed ai collaboratori di attività commerciale al minuto in sede fissa,
Potrebbe interessarti anche  Le date Pagamento Reddito di Cittadinanza 2019 - I pagamenti RDC

che al momento della cessazione dell’attività, sono iscritti come titolari o collaboratori, per almeno 5 anni alla gestione previdenziale dell’Inps dei lavoratori autonomi. Inoltre al momento della presentazione della domanda il commerciante deve avere:

  • un’età pari a 62 anni per gli uomini;
  • un’età di 57 anni per le donne;
  • aver richiesto la cancellazione dell’attività alla Camera di commercio;
  • aver restituito la licenza commerciale al Comune di residenza.

Bonus commercianti Inps per chi chiude l’attività: come funziona?

L’indennizzo per i commercianti 2019 spetta dal primo giorno del mese successivo, dalla data di presentazione della domanda telematica all’Inps. Spettano 513,01 euro al mese per tredici mensilità nel 2019 sino al raggiungimento dell’età di pensione di vecchiaia. E’ possibile presentare la domanda:

  • al servizio online Inps che sarà attivabile a breve;
  • tramite il contact center dell’Inps ai numeri verdi 803164 da telefono fisso gratuitamente o al numero 06164164 da telefono mobile a pagamento;
  • attraverso l’ufficio di patronato zonale.

Tale misura sarà finanziata con l’aliquota dello 0.9%, già dovuta agli iscritti degli esercenti delle attività dei commercianti Inps.

Auguriamo a tutti, Buon Anno 2019!

Valuta l'articolo
[Totali: 12 Media: 3.5]

Posted by Nicola Di Masi

Nicola Di Masi, ideatore e creatore di contenuti per il sito insindacabili.it. Abilitato Consulente del Lavoro e responsabile Caf da Maggio 2008 a tutt'oggi. Ha lavorato come Consulente del Lavoro, come operatore di Patronato e ha coordinato le attività formative di un Organismo Formativo Accreditato.

6 Comments

  1. Bartolomeo sona 12 Gennaio 2019 at 19:00

    Ho chiuso bottega con rottamazione della licenza il 30/11/2016, compivo 62 anni il 06/01/2017 e fui escluso dall’indennizzo. Ora che ho compiuto 64 anni e sono disoccupato ho diritto all’indennizzo?

    Rispondi

    1. Nicola Di Masi 13 Gennaio 2019 at 20:05

      Attendiamo la circolare dell’Inps e si rivolga ad un patronato della sua zona.

      Rispondi

  2. Buongiorno,
    Ha indicazioni in merito alla pubblicazione della circolare INPS?
    Grazie mille

    Rispondi

    1. Nicola Di Masi 10 Gennaio 2019 at 23:42

      Non ancora, stiamo attendendo i chiarimenti dall’inps.

      Rispondi

  3. Buonasera. Io ho versato la licenza commerciale nel 2016.Ho 57 anni e 30 anni di contributi. Posso fare la domanda?

    Rispondi

    1. Nicola Di Masi 3 Gennaio 2019 at 22:11

      Attendiamo la circolare dell’Inps. Verso metà gennaio 2019 si rivolga ad un patronato per la domanda.

      Rispondi

Se ci sono dei commenti, troverai già la risposta al tuo quesito - Leggi prima di commentare ;)