Articolo aggiornato il 8 Settembre 2020 da Nicola Di Masi

Come funziona la Isopensione?

E’ possibile andare in pensione con 4 anni di anticipo, con un accordo aziendale, fino alla maturazione della pensione di vecchia o anticipata? Vediamo insieme il nuovo strumento pensionistico, denominato Isopensione, in vigore dal 2013.

Il momento difficile, a causa della crisi sanitaria-economica, ha messo in crisi le aziende, dovute purtroppo a trovare una soluzione per i propri dipendenti. Inoltre, a fine 2021, sarà abolita la pensione anticipata Quota 100 ed il governo dovrà trovare delle soluzioni per anticipare la pensione a tantissimi lavoratori.

Isopensione periodo 2018 – 2020

Nel periodo 2018-2020, i lavoratori di aziende con numero di dipendenti superiori a 15, ai sensi dell’articolo 1, comma 160 della legge 205/2017, possono richiedere un anticipo pensionistico di 7 anni, con un accordo tra lavoratore, azienda, sindacati ed Inps. E’ l’azienda che provvede al pagamento dell’assegno pensionistico spettante, sino alla decorrenza della pensione di vecchia o anticipata.

Ad esempio nel 2020, i lavoratori con un apposito accordo aziendale (esodo lavoratori) possono andare in pensione con:

  • 60 anni di età ed 11 mesi,
  • 37 anni e 3 mesi di contributi per gli uomini e 36 anni e 3 mesi di contributi Inps.

Requisiti pensione anticipata Isopensione

I requisiti per anticipare la pensione e chiedere l’isopensione sono:

  • prestazione lavorativa presso aziende che occupano in media 15 dipendenti,
  • accordo scritto tra aziende e le organizzazione più rappresentative a livello aziendale, per una procedura di licenziamento anche collettivo, ai sensi della legge 223/1991 o per lavoratori in esubero,
  • pagamento da parte dell’azienda dell’assegno, in sostituzione della pensione, insieme alla contribuzione figurativa, sino al raggiungimento della pensione di vecchiaia o anticipata.

Come richiedere l’Isopensione?

A seguito dell’accordo aziendale, l’azienda deve presentare all’Inps l’accordo stipulato ed una fidejussione bancaria, nel caso di mancato pagamento dell’assegno di esodo. Infatti sarà l’Inps, con un importo corrisposto mensilmente dall’azienda, a pagare il lavoratore, dal giorno successivo alla risoluzione del rapporto di lavoro ed alla validazione dell’accordo di esodo.

L’importo della prestazione erogato dall’Inps è pari all’assegno pensionistico che percepirebbe il lavoratore in pensione, al netto dei contributi spettanti.

Su questo assegno pensionistico preventivo, non spettano:

  • gli assegni familiari,
  • non possono essere applicate le trattenute per ricongiunzione o per cessione del quinto,
  • l’importo pagato non è reversibile.

A questo importo si applica la tassazione ordinaria e l’azienda pagherà i contributi spettanti, in base alle normali retribuzioni che sarebbero state corrisposte al lavoratore, durante il periodo di normale lavoro.

Se i requisiti, a causa della speranza di vita, cambiano nel corso della corresponsione della Isopensione, l’azienda proseguirà il pagamento del periodo prolungato.

Consulenza team di insindacabili.it

Per una consulenza specifica sulla Isopensione, accedi alla nostra area personalizzata di consulenza online.

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui