il modello 730 dell'Agenzia delle entrate 2023
Modello 730 precompilato 2023: ecco tutte le scadenze

Articolo aggiornato il 29 Novembre 2023 da Nicola Di Masi

Quando si fa il 730 nel 2023? Scadenzario 730

Modello 730 2023: ecco tutte le scadenze e novità – Dal 2 Maggio 2023, sarà online, per la consultazione dei dati inseriti dall’Agenzia delle Entrate, il modello 730 precompilato 2023: ossia il modello fiscale predisposto dal Fisco.

Il direttore dell’Agenzia delle Entrate, con un provvedimento del 6 Febbraio 2023, ha approvato in maniera definitiva:

  • il modello fiscale 730 2023,
  • le istruzioni per la compilazione.

In seguito, dal 11 Maggio 2023 (data ufficiale), sarà possibile modificare ed inviare la dichiarazione dei redditi precompilata 2023, accedendo alla piattaforma infoprecompilata dell’Agenzia delle entrate.

Prima di accettare la dichiarazione precompilata dell’Agenzia delle Entrate, per l’anno di imposta 2022, bisogna attentamente controllare tutti i dati precompilati, perché ci potrebbero essere degli errori. Ad esempio i giorni di detrazioni sono errati, se nel 2022, il contribuente ha avuto due o più rapporti di lavoro.

Per tutte le famiglie che hanno completato ed inviato il modello Isee 2023, è già tempo di prepararsi per la dichiarazione dei redditi 2023. Vediamo in questo articolo tutte le novità.

Calendario 730 precompilato 2023: chi può farlo?

Il 730 precompilato 2023 dell’Agenzia delle Entrate è la dichiarazione dei redditi, già predisposta e compilata dall’Agenzia delle Entrate, in base ai dati comunicati al Fisco, dal Consulente del lavoro dell’azienda, dall’Inps, dalle farmacie, dagli specialisti, dalle assicurazioni, dagli Istituti bancari, dagli asili nido, dagli Istituti scolastici e dagli amministratori del condominio.

Possono presentare il 730 precompilato 2023, solo i soggetti titolari di un:

  • reddito da lavoro dipendente o assimilato, come un contratto di lavoro parasubordinato (co.co.co., co.co.pro),
  • reddito di pensione,
  • i percettori di prestazioni a sostegno del reddito dall’Inps, come la disoccupazione Naspi, Dis-Coll o la cassa integrazione guadagni nell’anno 2022.

Anche i Caf, tramite la firma di un apposito mandato da parte del contribuente, scaricano la dichiarazione precompilata del 730, sul proprio programma, per poi controllare e riscontrare i dati, con la documentazione consegnata dal cittadino.

Scadenza invio telematico 730

Entro quando presentare il modello 730? Come abbiamo detto, sul sito infoprecompilata dell’Agenzia delle Entrate:

  1. dal 2 Maggio 2023, sarà possibile visualizzare i dati della dichiarazione predisposta dal fisco,
  2. a partire dal 11 Maggio 2023 (data definitiva), i contribuenti potranno modificare ed inviare il 730 precompilato 2023,
  3. dal 17 Maggio 2023 (data ufficiale), i contribuenti potranno correggere la dichiarazione 730 o il modello dei redditi già inviato ed annulare il 730 e presentarne uno nuovo,
  4. entro il 20 Giugno 2023 (data ufficiale), sarà possibile annullare la dichiarazione 730 e solo per una volta.
  5. il 30 settembre 2023 (data ufficiale 2 Ottobre 2023), scade il termine per l’invio telematico della dichiarazione dei redditi 730.

E’ importante per i pensionati e per disoccupati, percettori di disoccupazione Naspi, inviare la dichiarazione dei redditi tramite il sito dell’Agenzia delle Entrate o tramite il Caf, entro il 16 Giugno 2023, per ricevere gli eventuali rimborsi entro i termini ordinari (agosto/settembre 2023).

La dichiarazione dei redditi 730, sia se trasmessa dal contribuente e sia se inviata dal CAF, scade il 30 Settembre 2023. (data ufficiale 2 Ottobre 2023)

La dichiarazione integrativa si potrà inviare entro il 25 Ottobre 2023, per eventuali errori sul 730 ordinario (maggior credito e minor debito).

Consultazione 730 online 2023?

Per visualizzare, modificare ed inviare, la dichiarazione precompilata 730 2023, bisogna accedere sul sito dell’Agenzia delle Entrate: https://infoprecompilata.agenziaentrate.gov.it/.

Modello 730 precompilata 2021
Modello 730 precompilata 2021

Cliccando su accedi alla tua precompilata, in alto a destra, si può entrare con le seguenti credenziali:

  • con lo Spid;
  • con la carta di identità elettronica,
  • attraverso le credenziali della Carta nazionale dei servizi

In seguito è necessario cliccare su “avanti”. Per i cittadini con due o più Cu 2023, riferenti ai redditi 2022, il 730 precompilato 2023, è sicuramente errato. Questo perché, non sono indicati esattamente, i giorni di detrazione da lavoro dipendente, derivanti dalla somma dei due o più Cud.

Messaggi da leggere 730 2020
Messaggi da leggere 730 2023

Ecco la piattaforma della dichiarazione precompilata dell’Agenzia delle Entrate. Per andare avanti bisogna cliccare su Visualizza dati:

Scadenza modello 730 precompilato
Scadenza modello 730 precompilato

In seguito bisogna cliccare su scegli il modello e farsi guidare nella scelta della dichiarazione dei redditi 2023.

Dati di sintesi dichiarazione precompilata
Dati di sintesi dichiarazione precompilata

Cliccando su ok e ho letto, è possibile scegliere la dichiarazione:

Scegli il modello di dichiarazione
Dati di sintesi dichiarazione precompilata

In seguito bisogna cliccare su calcola, per elaborare il 730 online:

ATTENZIONE! Non bisogna inviare immediatamente il modello 730. Prima è necessario scaricarlo, cliccando su modello Pdf e controllare, quadro per quadro, la dichiarazione fiscale ed il sostituto di imposta, importantissimo per ricevere i soldi, in caso di rimborso fiscale.

Cosa si può detrarre sul 730 2023: ultime novità

La dichiarazione 730 2023 presenta diverse novità:

  • nuove aliquote Irpef e scaglioni di reddito, le aliquote sono passate da 5 a 4;
  • nuove detrazioni per i lavoratori dipendenti, per i pensionati e per chi ha altri redditi assimilati;
  • l’introduzione dell’assegno unico ha eliminato le detrazioni per figli a carico a partire da Marzo 2022, per i beneficiari dell’assegno;
  • il trattamento integrativo è possibile percepirlo solo con redditi complessivi personali sino a 15.000 euro. La soglia aumenta sino ad un reddito di 28.000 euro a determinate condizioni.
  • I giovani sino a 30 anni e 364 giorni, hanno diritto ad una detrazione pari al 20% del canone di locazione, per un importo massimo di 2000 euro, se sono in possesso di un reddito complessivo non superiore a 15.493,17 euro;
  • infine dal 1° gennaio 2022, per le spese sostenute per interventi direttamente finalizzati al superamento e all’eliminazione delle barriere architettoniche in edifici già esistenti, spetta una detrazione dall’imposta lorda del 75% del limite di spesa calcolato in funzione del tipo di edificio.

Le spese già inserite sulla dichiarazione precompilata negli anni scorsi dall’Agenzia delle Entrate sono:

  • le spese sanitarie
  • le spese veterinarie
  • gli interessi passivi sui mutui
  • i premi assicurativi
  • i contributi previdenziali e assistenziali
  • i contributi versati per lavoratori domestici
  • le spese universitarie e relativi rimborsi
  • le spese funebri
  • i contributi versati alla previdenza complementare
  • i bonifici riguardanti le spese per interventi di ristrutturazione e di riqualificazione energetica degli edifici
  • le spese sostenute su parti comuni condominiali, per interventi di recupero del patrimonio edilizio, di risparmio energetico, di sistemazione a verde degli immobili (bonus verde) e per l’arredo degli immobili ristrutturati 
  • i contributi versati a enti o casse aventi fine assistenziale
  • le spese per la frequenza degli asili nido e relativi rimborsi
  • i contributi detraibili versati alle società di mutuo soccorso
  • le erogazioni liberali effettuate alle Onlus, alle associazioni di promozione sociale, alle fondazioni e associazioni riconosciute aventi per scopo statutario la tutela, promozione e la valorizzazione dei beni di interesse artistico, storico e paesaggistico e alle fondazioni e associazioni aventi per scopo statutario lo svolgimento o la promozione di attività di ricerca scientifica, se comunicate in quanto l’invio è facoltativo.

730 Precompilato 2023: quali sono i vantaggi?

Chi invia la dichiarazione 730 o il modello Unico PF, con la piattaforma dell’Agenzia delle Entrate, ottiene diversi vantaggi:

  • il modello 730 è telematico, quindi non si dovranno fare lunghe file al CAF o al Commercialista, per presentare e ritirare la dichiarazione,
  • è gratuita! Per l’invio di un modello 730 o Unico, il Caf o il Commercialista richiede un compenso dai 50 ai 100 euro.
  • Se si accetta la dichiarazione precompilata senza fare nessuna modifica, il contribuente sarà esonerato per sempre, dagli eventuali controlli del Fisco.

Con il 730 precompilato è possibile anche recuperare il trattamento integrativo della retribuzione, non percepito nell’anno 2022.

La Nostra Consulenza Professionale Online
Per una consulenza telefonica fiscale, sulla dichiarazione precompilata 730 2023, clicca sulla nostra area dedicata di consulenza online.

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui