Articolo aggiornato il 7 Aprile 2021 da Stefano Mastrangelo

Richiesta Contributi a Fondo perduto

Al via le domande, per richiedere il contributo a fondo perduto, per imprese e professionisti dal 30 Marzo 2021, con il Provvedimento del 23 Marzo dell’Agenzia Entrate. Come si invia e compila l’istanza online?

Requisiti bonus autonomi 2021

Il Dl Sostegni pubblicato sulla Gazzetta ufficiale, prevede l’erogazione di un contributo a fondo perduto, a soggetti titolari di partita IVA che svolgono:

  • attività di impresa,
  • attività di arte o professione,
  • o producono reddito agrario.

Posso accedere al contributo:

  • i soggetti residenti in Italia,
  • le imprese ed i professionisti iscritti all’ordine, se l’ammontare del fatturato medio mensile o dei corrispettivi dell’anno 2020 è inferiore al 30%, rispetto al valore del fatturato o corrispettivi dell’anno 2019.
  • per coloro che hanno iniziato l’attività dal 1° Gennaio 2019, spetta sempre il contributo economico, anche senza diminuzione del fatturato.

Invece, non spetta (come da istruzioni dell’Agenzia delle Entrate):

  • ai soggetti che hanno attivato la partita IVA dopo il 23 marzo 2021;
  • ai soggetti la cui attività risulti cessata alla data del 23 marzo 2021;
  • agli enti pubblici di cui all’art. 74 del TUIR;
  • agli intermediari finanziari e società di partecipazione di cui all’art. 162-bis del TUIR.

Modulo contributi a fondo perduto DL Draghi

E’ stato pubblicato, sul sito dell’Agenzia delle Entrate, il modulo per richiedere il riconoscimento del contributo a fondo perduto del decreto sostegni. La domanda può essere presentata, esclusivamente in via telematica, dal 30 Marzo 2021 e sino al 28 Maggio 2021.

L’istanza può essere inoltrata dal richiedente (in possesso delle credenziali Spid, CIE o di fisconline), tramite il servizio web dell’Agenzia delle Entrate, disponibile nell’area riservata del portale “Fatture e Corrispettivi”, o da parte di un intermediario, come il commercialista. E’ valida l’ultima domanda inviata, in caso di errori.

La domanda è molto semplice. Bisogna indicare:

  • il codice fiscale dell’impresa o del professionista,
  • se è l’erede che prosegue l’attività e presenta l’istanza, indicando il codice fiscale del de cuius,
  • il codice fiscale del rappresentane firmatario dell’istanza ed il codice carica.
Modulo contributi a fondo perduto DL Draghi
Istanza per il riconoscimento del contributo a fondo perduto Decreto Sostegni

In seguito bisogna indicare:

  • se si è soggetto diverso (dagli esclusi) di cui al comma 2 dell’articolo 1 del decreto sostegni;
  • i ricavi ed i compensi complessivi dell’anno 2019,
  • importo medio mensile dei ricavi e dei compensi delle operazioni del 2019
  • importo medio mensile dei ricavi e dei compensi delle operazioni del 2020,
  • se si vuole ricevere il contributo sul conto correte (in questo caso indicare IBAN) o tramite credito di imposta.

Infine bisogna sottoscrivere l’istanza telematica. E’ meglio sempre farsi aiutare nella compilazione, da un esperto contabile.

Importi contributi imprese e professioni DL Draghi

L’importo del contributo economico per le imprese e professionisti, è pari dalla differenza: tra l’ammontare medio mensile del fatturato e dei compensi dell’anno 2020 e l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2019 moltiplicato per il:

  • 60% per imprese e professionisti con ricavi e compensi non superiori a 100.000 euro,
  • 50% per imprese e professionisti con ricavi e compensi superiori a 100.000 euro e fino a 400.000 euro,
  • 40% per i soggetti con ricavi e compensi superiori a 400.000 euro e sino a 1.000.000 di euro,
  • 30% per le imprese ed i professioni con ricavi e compensi superiori a 1 milione di euro e sino a 5 milioni di euro,
  • 20% per i soggetti con ricavi e compensi superiori a 5 milioni di euro e fino a 10 milioni di euro.

Per soggetti che hanno indicato nella domanda, di avere attivato la partita IVA dopo il 31 dicembre 2018, il contributo è pari a:

  • 1000 euro per le persone fisiche,
  • 2000 euro per i soggetti giuridici diversi dalle persone fisiche,

se la differenza tra l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2020 e l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2019 risulta inferiore al 30%, negativa o pari a zero.

Non può essere comunque superiore a 150.000 euro.

Sarà possibile consultare lo stato domanda nell’area riservata: Consultazione
esiti, del portale Fatture e Corrispettivi.

Consulenza telefonica di insindacabili.it
Hai bisogno di una consulenza professionale online? Visita adesso la nostra area dedicata alle consulenze.

4 Commenti

  1. Salve, ho aperto partita iva l’1 marzo 2021, inoltre sul sito INPS risulta già la data del pagamento dell’indennità covid come lavoratore autonomo dello spettacolo di 2400€, in quanto fino al 2020 ero autonomo senza partita iva. Avendo percepito la suddetta indennità , posso comunque richiedere le 1000€ di fondo perduto spettanti alle nuove partite iva aperte entro il 22 marzo 2021?, o rischio di incorrere in un problema di cumulabilità e quindi in un reato di indebita percezione?grazie

    • Attenzione a non chiedere diversi sostegni che possono essere incompatibili. Si faccia consigliare dal suo Commercialista.

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui