Articolo aggiornato il 24 Marzo 2021 da Stefano Mastrangelo

Con quali indennità è compatibile il REM 2021?

Il Decreto Legge Sostegni, in vigore dal 23 Marzo 2021, ha reintrodotto il reddito di emergenza per i mesi di Marzo, Aprile e Maggio 2021, con due requisiti distinti, in sostituzione della proroga Naspi e Dis-coll.

In attesa dei chiarimenti della Circolare Inps, vediamo insieme cosa prevede il testo del DL, pubblicato sulla gazzetta ufficiale del 23 Marzo 2021.

REM 2021 e Rdc sono compatibili?

L’articolo 12 del Decreto sostegni, al comma 5, per quanto non previsto, riprendere le incompatibilità dell’articolo 82 del Decreto legge Rilancio n. 34 del 2020.

Il REM, per entrambi i requisiti, non è compatibile con i nuclei familiari, in cui ci siano componenti percettori delle indennità dell’articolo 10 del DL Sostegni. Inoltre il Reddito di emergenza 2021, le tre quote di Marzo, Aprile e Maggio, non sono compatibili con i nuclei familiari, con componenti titolari:

  • di pensione diretta o indiretta ad esclusione dell’assegno ordinario di
    invalidità;
  • di un rapporto di lavoro dipendente, nel mese di febbraio 2021, superiore all’importo del REM (400 euro per il valore della scala di equivalenza e sino ad un massimo di 840 euro, se ci sono componenti disabili); per i soggetti che risiedono in una casa in locazione, la soglia è incrementa di 1/12 del valore annuo del canone di locazione, indicato sull’Isee. Il reddito familiare è determinato, calcolando tutte le componenti previste dall’articolo 4, comma 2, del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri n. 159 del 2013, secondo il principio di cassa,
  • anche il REM 2021 non è compatibile con i nuclei familiari con componenti percettori di reddito di cittadinanza, come previsto dal decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 marzo 2019, n. 26.

Il reddito di cittadinanza è invece compatibile con il REM Inps 2021, quando i due sostegni vengono percepiti in mesi diversi. Ad esempio è possibile richiedere il Reddito di Emergenza, nel mese di sospensione del Reddito di cittadinanza, una volta concluse per prime 18 mensilità.

In questo ultimo caso, il Reddito di cittadinanza fa reddito e quindi non deve superare l’importo del REM nel mese di Febbraio 2021.

Attenzione per chi rinuncia al Reddito di cittadinanza, per avere il REM, perché la decorrenza della stessa, avviene dal mese successivo la richiesta ed i tempi potrebbero essere molto lunghi.

REM 2021 e cassa integrazione sono compatibili?

Per richiedere il reddito di emergenza, oltre a possedere i seguenti requisiti, al momento della presentazione della domanda:

  1. residenza in Italia del richiedente,
  2. valore del patrimonio mobiliare familiare con riferimento al 31.12.2020, (depositi bancari o postali, titoli di stato e tutto quello indicato sul modello Isee) inferiore a una soglia di euro 10.000, incrementata di euro 5.000 per ogni componente successivo al primo e fino ad un massimo di 20.000 euro; il massimale è incrementato di ulteriori 5.000 euro, in caso di presenza nel nucleo familiare di un componente in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza come indicato dal modello Isee, ossia con inabilità accertata al 100%; il patrimonio mobiliare è definito dallarticolo 5, comma 4, del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri n. 159 del 2013.
  3. Un valore Isee 2021, inferiore ad euro 15.000,

il nucleo familiare deve aver percepito effettivamente, un reddito nel mese di Febbraio 2021, inferiore all’importo del REM. Ad esempio un nucleo familiare di 4 persone (due adulti e due minorenni) che ha percepito a Febbraio 2021, in locazione, un importo SOLO di cassa integrazione pari ad euro 400, può beneficiare del reddito di emergenza, perché l’importo spettante del REM è di 720 euro mensili, più 1/12 del canone di locazione annuo.

Per reddito familiare, si conta la retribuzione lorda percepita nel mese di Febbraio 2021, come lavoratore dipendente, o qualsiasi sostegno come la cassa integrazione o la disoccupazione Naspi.

Reddito Emergenza e Naspi sono compatibili nel 2021?

Lo stesso discorso vale, anche per chi ha percepito la disoccupazione Naspi nel mese di Febbraio 2021. Anche in questo caso, bisogna valutare tutti i redditi del nucleo familiare incassati ad Febbraio 2021 e se non superiori all’importo del REM, in base al numero dei componenti del nucleo ed eventualmente da 1/12 del canone di locazione, si può richiedere il Reddito di Emergenza. Quindi, anche la disoccupazione Naspi, potrebbe essere compatibile con il REM.

Il valore del reddito familiare del mese di Febbraio, non deve essere superiore all’importo del beneficio indicato nella nostra tabella, più 1/12 del valore annuo del canone di locazione, indicato sull’Isee.

Reddito di Emergenza: quanto spetta mensilmente?
Esempi importi del reddito di emergenza 2020
Parametro scala di equivalenza REMImporto Reddito di Emergenza 2020
1400 euro
1,4 per nuclei con n. 2 componenti maggiori di 18 anni (ad esempio due genitori)560 euro
1,6 per nuclei con n. 2 componenti maggiori di 18 anni ed n. 1 componente minori di 18 anni640 euro
1,8 per nuclei con n. 2 componenti maggiori di 18 anni ed n. 2 componenti minori di 18 anni720 euro
2,00 per i nuclei con n. 3 componenti maggiori di 18 anni e n. 2 componenti minori di 18 anni800 euro
2,10 per i nuclei con n. 3 componenti maggiori di 18 anni (di cui uno disabile grave) e n. 2 componenti minori di 18 anni840 euro

Per richiedere il reddito di emergenza, consigliamo di guardare il nostro video dedicato alla misura. La nuova procedura online INPS, ancora non è attiva.

Consulenza Previdenziale online
Per qualsiasi consulenza previdenziale con i nostri professionisti sul Reddito di emergenza 2021 e le diverse compatibilità, accedi alla nostra area di consulenza online.

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui