Pensione di cittadinanza domanda dal 6 Marzo 2019: requisiti, a chi spetta, come fare domanda

Dal 6 Marzo 2019 sono partite anche le domande della pensione di cittadinanza. Infatti l’Inps ha predisposto in un unico modello, sia la domanda per il reddito di cittadinanza (Rdc) e sia la domanda per la pensione di cittadinanza (Pdc). Vediamo insieme in questo articolo chi può richiederla?

Pensione di cittadinanza requisiti

Prima di inviare il modulo Sr180 della pensione di cittadinanza, bisogna presentare il modello Isee 2019 e controllare tutti i requisiti indicati sull’attestazione. La misura pensione di cittadinanza è riconosciuta, secondo il decretone reddito di cittadinanza n. 4/2019, ai nuclei familiari composti esclusivamente da uno o più componenti di età pari o superiore a 67 anni.

Quindi, per ottenere la pensione di cittadinanza, i componenti indicati nel modello Isee, devono avere un’età superiore a 67 anni. Chiariamo, sin da subito, che c’è stato una grossa confusione su questa misura, perché molti pensionati si aspettavano un aumento della pensione dei trattamenti minimi.

Pensione di cittadinanza a chi spetta

La pensione di cittadinanza spetta:

  • ai nuclei familiari composti da uno o più componenti con un’età pari o superiore a 67 anni;
  • ai cittadini italiani, cittadini dell’Unione Europea e se stranieri, ai titolari di un permesso di soggiorno di lungo periodo CE,
  • ai richiedenti residenti da almeno 10 anni nel territorio dello Stato Italiano, di cui almeno 2 anni, in maniera continuativa alla data di presentazione della domanda.

Pdc requisiti Isee e reddituali

Per avere diritto alla pensione di cittadinanza, devi aver inviato l’Isee prima della domanda. Sull’indicatore della situazione economica, devono risultare questi valori:

  • un primo valore Isee 2019 inferiore a 9.360,00 euro;
  • un secondo valore del patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, NON superiore a 30.000 euro;
  • un valore del patrimonio mobiliare non superiore a 6000 euro per le persone sole (aumentate di 2000 euro per ogni componente familiare successivo al primo), integrati di altri 5000 euro per figli con disabilità;
  • un reddito familiare che non superi 7560 euro per le persone sole (elevato a 9360 euro nel caso in cui il nucleo risiede in casa di locazione), tutto in relazione alla scala di equivalenza.

Inoltre uno o più componenti del nucleo familiare indicati nella dichiarazione Isee, non devono essere intestatari:

  • di macchine immatricolate la prima volta immatricolate nei 6 mesi precedenti alla domanda,
  • di autoveicoli di grossa cilindrata, superiore a 1600cc immatricolate nei due anni precedenti alla domanda;
  • di motocicli superiori a 250cc nei due anni antecedenti alla richiesta;
  • o non devono avere la piena disponibilità di imbarcazioni, navi ed imbarcazioni da diporto.
  • non hanno diritto i disoccupati che si sono dimessi volontariamente (non per giusta causa) nei 12 mesi antecedenti dalla data della presentazione della domanda.
  • non hanno diritto i soggetti che si trovano in stato detentivo o ricoverati in Istituti di cura di lunga degenza a carico dell’Amministrazione pubblica.
Potrebbe interessarti anche  Aliquote 2019 Gestione separata Inps

Pensione di cittadinanza ultime notizie

Dopo aver controllato tutti i requisiti, puoi inviare la domanda tramite:

  • il sito ufficiale www.redditodicittadinanza.gov.it con il codice Spid di secondo livello,
  • gli uffici postali in relazione alla lettera del proprio cognome,
  • i centri di raccolta CAF.

La pensione di cittadinanza dura 18 e mesi e potrà essere rinnovata per altri 18 mesi, senza attendere alcun mese. Secondo il decreto legge 4/2019, il beneficio economico del reddito di cittadinanza e pensione di cittadinanza, è riconosciuto tramite la carta di reddito di cittadinanza. Ossia il pensionato riceverà una carta prepagata dalla posta, dove l’Inps accrediterà un contributo economico ogni mese. Se le domande sono partite dal 6 Marzo sino al 31 Marzo 2019, il primo pagamento decorre da Aprile 2019.

Pensione di cittadinanza 2019 come funziona?

Come il reddito di cittadinanza, Il contributo economico della pensione di cittadinanza è costituto da due elementi fattori:

  • un sussidio base di 630 euro per 12 mensilità nell’anno (7.560 euro annui);
  • una seconda componente di 150 euro per 12 mensilità nell’anno, in quanto non è prevista la tredicesima, (1800 annui) per gli inquilini con contratto di affitto registrato indicato nel modello Isee 2019, oppure per i richiedenti la pensione di cittadinanza, con un rata mensile di contratto di mutuo per acquisito o costruzione dell’abitazione principale.
Pensione di cittadinanza: quanto spetta mensilmente?
Esempi importi della pensione di cittadinanza 2019
Parametro scala di equivalenza Isee ai fini del RDC 2019Soglia di riferimento reddituale familiare in sede di prima applicazioneImporto Pensione di cittadinanza Pdc 2019
17560,00630 euro base
780 euro con affitto
780 euro con mutuo
1,4 per nuclei con n. 2 componenti 67enni10584,00 euro882 euro
1032 euro con affitto
1032 euro con mutuo

Dall’importo lordo della pensione di cittadinanza, verrà decurtato l’importo del reddito familiare ed i trattamenti assistenziali in corso, desumibili dalla dichiarazione Isee 2019 e dal sistema informatico Inps.

Dopo l’invio della domanda, l’Inps controllerà i requisiti del pensionato ed invierà un sms o email con la risposta positiva o negativa della domanda. Nel caso di risposta positiva, in seguito riceverai una convocazione per ritirare la carta reddito di cittadinanza ed il suo codice Pin.

Per approfondimenti su come richiedere ed utilizzare la carta pensione di cittadinanza, consigliamo di leggere il nostro articolo: Carta Reddito di cittadinanza poste.

Consulenza personalizzata online

Per tutti i chiarimenti sulla pensione di cittadinanza 2019, commenta questa articolo o accedi alla nostra area di consulenza online.

Valuta l'articolo
[Totali: 2 Media: 5]

Scarica gli allegati


Seguici su Telegram

Posted by Nicola Di Masi

Nicola Di Masi, ideatore e creatore di contenuti per il sito insindacabili.it. Abilitato Consulente del Lavoro e responsabile Caf da Maggio 2008 a tutt'oggi. Ha lavorato come Consulente del Lavoro, come operatore di Patronato e ha coordinato le attività formative di un Organismo Formativo Accreditato.

7 Comments

  1. luciano murolo 14 Marzo 2019 at 12:00

    Supero la somma prevista relativa al patrimonio mobiliare perchè ho incassato i proventi dalla vendita di un deposito, ma restano validi tutti i restanti parametri.E’ una condizione modificabile?Naturalmente la vendita del locale è completamente destinata alla sopravvivenza non a fatti speculativi. Oltretutto il locale è stato venduto in piena crisi immobiliare causando una perdita di oltre il 50% del suo valore di acquisto di sei anni fa.Grazie e saluti.

    Rispondi

    1. Nicola Di Masi 16 Marzo 2019 at 12:25

      Purtroppo non è modificale se è presente.

      Rispondi

  2. luciano murolo 14 Marzo 2019 at 11:52

    Il patrimonio mobiliare supera

    Rispondi

  3. Valerio Tullo 13 Marzo 2019 at 17:43

    Nel caso una persona abbia una rata di 550.00 € come occupante di un abitazione. Verrà riconosciuto un contributo (come nel caso del contratto d’affitto?) oppure riceverà comunque la pdc base?
    Grazie a chi risponderà

    Rispondi

    1. Nicola Di Masi 14 Marzo 2019 at 0:26

      Il contributo sarà uguale a quello dell’affitto. Saluti.

      Rispondi

  4. Se non hai un’affitto ( poiché non te lo puoi permettere) e il RDC/PDC viene decurtato. Come potra uno mai permettersi di affittare una dimora ? Vorrei avere una risposta dal genio che ha creato questa legge.

    Rispondi

    1. Nicola Di Masi 12 Marzo 2019 at 13:16

      Se non ha un contratto di affitto, l’importo della pensione di cittadinanza è di 630 euro al netto del reddito familiare.

      Rispondi

Se ci sono dei commenti, troverai già la risposta al tuo quesito - Leggi prima di commentare ;)