Articolo aggiornato il

Aumenti pensioni invalidi civili ultime notizie

La Corte costituzionale si è pronunciata sull’importo basso, delle pensioni di invalidità civili, pronunciando l’incostituzionalità, ai sensi dell’articolo 38 della Costituzione. Ha stabilito infatti che non è possibile vivere con una pensione di invalidità civile pari a 285 euro.

L’articolo 38 della Costituzione italiana prevede che “Ogni cittadino inabile al lavoro e sprovvisto dei mezzi necessari per vivere, ha diritto al mantenimento e all’assistenza sociale. I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia, disoccupazione involontaria.”

La Corte Costituzione ha dichiarato, dopo una questione di legittimità costituzionale intrapresa dalla Corte di Appello di Torino, che gli importi di 285 euro al mese, delle pensioni di invalidità civili, non sono sufficienti a soddisfare i bisogni primari della vita e violato il diritto al mantenimento, come previsto dall’articolo 38 della Costituzione italiana.

Chi sono gli invadi civili totali?

A sensi dell’articolo 12, 1° comma, della legge numero 118 del 1971 sono invalidi civili totali i “mutilati ed invalidi civili di età superiore agli anni 18, nei cui confronti, in sede di visita medico sanitaria, sia accertata una totale inabilità lavorativa.” Ossia, per coloro che è stata accertata l’inabilità totale, dalla commissione invalidi civili, paria al 100%.

La legittimità dell’importo minimo di invalidità civile è stato sollevato da una persona affetta da tetraplegia spastica neonatale con una pensione non dignitosa di 285,66 euro. La consulta si è pronunciata affermando che deve essere assicurato l’incremento a 516,00 (ex incremento al milione) come previsto da diversi trattamenti pensionistici, dalla legge numero 448 del 2011.

Inoltre questa pensione di invalidità, deve essere aumentata agli invalidi civili totali, senza attendere il raggiungimento dell’età e per coloro che hanno compiuto 18 anni di età e che non percepiscono redditi annuali pari o superiori a 6713,98 euro.

Invalidità civili da quando è previsto l’aumento?

Infine la Corte costituzione ha previsto che l’aumento della pensione di invalidità civile a 516,46 euro, non avrà effetto retroattivo e troverà la sua applicazione solo dal giorno successivo alla pubblicazione della sentenza sulla Gazzetta Ufficiale.

Sarà realmente così? Alla fine la Consulta ha avvisato che “resta ferma la possibilità per il legislatore, di rivedere la disciplina delle misure assistenziali vigenti, purché idonee a garantire agli invalidi civili totali l’effettività dei diritti loro riconosciuti dall’articolo 38 della Costituzione.

Quindi niente di immediato! Dopo la pubblicazione della sentenza sulla gazzetta ufficiale, bisognerà attendere un intervento del governo, per trovare i fondi e rimodulare le prestazioni assistenziali di invalidità civili.

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui