Articolo aggiornato il 15 Agosto 2020 da Stefano Mastrangelo

Quattordicesima 2020 quando arriva?

Quando arriva la somma aggiuntiva ai pensionati nel 2020? A partire dal Cedolino di Pensione di Luglio 2020, molti pensionati riceveranno la quattordicesima mensilità, per un importo che varia da 366 euro a 655 euro.

Quattordicesima pensionati 2020 a chi spetta

La quattordicesima 2020 spetta ai pensionati con almeno 64 anni di età e con un reddito complessivo fino a un massimo di 2 volte, il trattamento minimo annuo. E’ riconosciuta a tutti coloro che hanno ricevuto una pensione dall’assicurazione generale obbligatoria (Ago) o con forme sostitutive. In particolare hanno diritto alla somma aggiuntiva della quattordicesima, i pensionati titolari di:

  • pensione di vecchiaia;
  • ex pensione di anzianità;
  • nuova pensione anticipata;
  • pensione di invalidità ordinaria (IO) e inabilità;
  • pensione ai superstiti.

La somma aggiuntiva ai pensionati non spetta, per coloro che ricevono una pensione:

  • di invalidità civile,
  • pensione sociale o assegno sociale;
  • di rendita inail;
  • pensione di guerra.

Limiti di reddito?

L’importo della quattordicesima, ogni anno, viene corrisposto in via provvisoria, in basi ai dati reddituali presenti nella banca dati dell’Inps, fino all’esito definitivo ed agli accertamenti, che possono avvenire anche dopo due anni. Hanno diritto alla somma aggiuntiva, i titolari delle pensioni elencate precedentemente e con:

  • un’età pari o superiore a 64 anni;
  • con un reddito complessivo individuale fino a 13.391,82 euro, in attesa della circolare esplicativa dell’Inps.

Quattordicesima 2020: quanto spetta?

L’importo della somma aggiuntiva quattordicesima, varia a seconda dei contributi versati complessivi e nel reddito si contano anche i redditi di capitale, i canoni di locazione e le rendite catastali di terreni e fabbricati, con esclusione della rendita rivalutata dell’abitazione principale. Per richiedere ed ottenere la quattordicesima Inps 2020, non bisogna presentare nessuna domanda, perché è l’Inps che predispone il pagamento, in base ai redditi dell’anno precedente e quelli dichiarati con il RED o 730.

In particolare spettano:

  • 437,00 euro per i pensionati con redditi fino a 10043,87 euro annui (fino a 1,5 volte il minimo), fino a 15 anni di contributi, per i lavoratori dipendenti e fino a 18 anni di contributi se lavoratore autonomo; il pensionato riceverà un importo annuale parziale (pari alla sottrazione tra 10.480,67 – reddito complessivo).
  • 546 euro per i pensionati con redditi fino a 10043,87 euro annui (fino a 1,5 volte il minimo) con un numero di anni di contributi di oltre 15 anni e fino a 25 anni per lavoratori dipendenti ed oltre 18 anni di contributi e sino a 28 anni se lavoratori autonomi; il pensionato riceverà un importo annuale parziale (pari alla sottrazione tra 10.589,87 – reddito complessivo).
  • 655 euro per i pensionati con redditi fino a 10043,87 euro euro annui (fino a 1,5 volte il minimo) con un numero di anni di contributi di oltre 25 anni per lavoratori dipendenti ed oltre 28 anni di contributi se lavoratori autonomi; il pensionato riceverà un importo annuale parziale (pari alla sottrazione tra 10.669,07 – reddito complessivo).

I pensionati che hanno un reddito tra 10043,87 euro euro e 13.391,82 euro riceveranno:

  • 336 euro fino a 15 anni di contributi (fino a 18 anni se autonomo);
  • 420 euro tra i 15 e i 25 anni di contributi (oltre 18 anni e sino a 28 anni se autonomo);
  • 504 euro con più di 25 anni di contributi (oltre 28 anni se autonomo).

Quali Redditi bisogna considerare?

I redditi di riferimento per il calcolo della quattordicesima 2020 sono:

  • quello dell’anno in corso (2020) per chi la percepisce per la prima volta;
  • quello dell’anno precedente (2019) e quello dell’anno in corso, in base alle comunicazione pervenute all’Inps e alle prestazioni conseguite nell’anno corrente.

Non si considerano nel computo dei redditi (Circolare Inps n. 130 del 02/07/2015):

  1. i trattamenti di famiglia (Anf),
  2. le indennità di accompagnamento,
  3. il reddito della casa di abitazione,
  4. il reddito dei trattamenti di fine rapporto di lavoro,
  5. i compensi arretrati sottoposti a tassazione separata.
  6. le pensioni di guerra,
  7. le indennità per i ciechi parziali e dell’indennità di comunicazione per sordi prelinguali,
  8. dell’indennizzo previsto della legge n. 210 del 25/02/1992,
  9. la somma di 154,94 euro di importo aggiuntivo prevista per i pensionati a dicembre, (Legge n. 388 del 23/12/2000)
  10. i sussidi economici dei Comuni ed altri Enti erogano agli anziani. (Messaggio Inps n. 362 del 18/07/2000)

Hanno diritto alla somma aggiuntiva nell’anno 2020, chi ha un’età maggiore o pari a 64 anni e rientra nei limiti di reddito complessivi annuali, entro il 31 luglio 2020. Chi matura questi requisiti, dopo il primo agosto 200, riceverà la quattordicesima nel mese di Dicembre 2020.

L’importo aggiuntivo ricevuto a Luglio, non fa reddito e per questo non viene indicata sulla certificazione Unica dell’Inps, con esclusione dell’anno 2008. (in questo caso fa reddito solo per un importo di 156 euro).

Come controllare il pagamento?

Per controllare i pagamenti della quattordicesima dei pensionati 2020, basta recarsi sul servizio online Inps: Cedolino pensione e servizi collegati. In seguito bisogna cliccare su Verifica Bonus quattordicesima.

Verifica Bonus quattordicesima
Verifica Bonus quattordicesima

Come vediamo nell’esempio, la somma aggiuntiva della quattordicesima, spetta anche per il 2020, per un importo di 546 euro.

Importo somma aggiuntiva quattordicesima
Importo somma aggiuntiva quattordicesima

Se non si percepisce la quattordicesima ed in base al reddito ed alla pensione se ne ha diritto, bisogna presentare una domanda telematica di ricostituzione reddituale per quattordicesima, anche per gli eventuali arretrati degli anni passati.

Non Ricevi la Quattordicesima Inps sulla Pensione?
Hai bisogno di una consulenza previdenziale sulla quattordicesima mensilità spettante ai pensionati? Clicca la nostra area personale di consulenza online.

2 Commenti

  1. Siamo io, e mia moglie, pensionati ultraottantenni.- Mia moglie è anche invalida civile totale, allettata da oltre 3 anni.- Siamo alla fame nera totale.- Non ho fatto nessuna richiesta di Bonus ed altre possibilità perchè non ho l’accesso all’INPS avendo smarrito il PIN,- Chiedo, se abbiamo diritto a qualche contributo per un aiuto alla mia famiglia che è alla fame.- Mario TALLARICO

    • Prima di tutto deve fare il modello ISEE 2020 per controllare se ha diritto al reddito di cittadinanza o pensione di cittadinanza.

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui