Inps Reddito di Emergenza pagamento novembre 2020

Quando viene pagata la terza rata del Reddito di Emergenza, per chi ha inviato la domanda dal 1° Ottobre al 15 ottobre? Sul servizio online Inps fascicolo previdenziale, l’Istituto ha pubblicato la data di pagamento del Rem.

Il reddito di emergenza è un aiuto economico della durata di uno/due mesi, istituito per aiutare le famiglie a fronteggiare la Grave Crisi Economica innestata dall’Emergenza Covid-19.

Molti beneficiari del Reddito di cittadinanza, che hanno ricevuto la sospensione del sussidio, nel mese di Ottobre 2020, potranno beneficiare anche del Rem, nel mese di Novembre 2020, in attesa della ricarica Rdc.

Purtroppo, non tutti i beneficiari riceveranno il pagamento del REM, in quanto il reddito di cittadinanza percepito a Maggio 2020, deve essere inferiore all’importo stesso del REM.

Reddito di emergenza pagamento terza rata a Novembre 2020

Il primo pagamento della terza tranche REM, per chi ha inoltrato la domanda entro Settembre 2020, è avvenuto il 19 Ottobre 2020.

Reddito di Emergenza pagamento Ottobre 2020

Per chi, invece, ha presentato l’istanza della terza mensilità Reddito di emergenza, entro il 15 Ottobre 2020, il pagamento partirà dal 19 Novembre 2020.

Pagamento REM Novembre 2020

Un secondo pagamento del reddito di emergenza, riferito al mese di Novembre 2020, avverrà dal 27 Novembre 2020:

Secondo pagamento REM Novembre 2020

Attenzione! Per chi ha rinnovato il Reddito di cittadinanza a Settembre 2020 e vede anche la lavorazione di Novembre 2020 del Reddito di Emergenza, non dovrebbe spettare la quota del REM, in quanto in due pagamenti sono incompatibili. Quindi consigliamo, per ora, di non toccare questi soldi!

L’importo del Reddito di Emergenza, è pari ad una sola mensilità ed è calcolato in base alla composizione del nucleo familiare:

Reddito di Emergenza: quanto spetta mensilmente?
Esempi importi del reddito di emergenza 2020
Parametro scala di equivalenza REMImporto Reddito di Emergenza 2020
1400 euro
1,4 per nuclei con n. 2 componenti maggiori di 18 anni (ad esempio due genitori)560 euro
1,6 per nuclei con n. 2 componenti maggiori di 18 anni ed n. 1 componente minori di 18 anni640 euro
1,8 per nuclei con n. 2 componenti maggiori di 18 anni ed n. 2 componenti minori di 18 anni720 euro
2,00 per i nuclei con n. 3 componenti maggiori di 18 anni e n. 2 componenti minori di 18 anni800 euro
2,10 per i nuclei con n. 3 componenti maggiori di 18 anni (di cui uno disabile grave) e n. 2 componenti minori di 18 anni840 euro

Esempio: una famiglia di 2 adulti e due figli minori, spettano 720 euro. (400*1.8). Il pagamento del Reddito di Emergenza sarà accreditato sul conto corrente o sulle modalità di pagamento indicate sulla domanda.

Come controllare quando arrivano i soldi?

Per verificare l’istruttoria del Reddito di emergenza, basta recarsi sul servizio online INPS: Reddito di Emergenza ed inserire le credenziali INPS. Nel servizio online REM, bisogna cliccare su Gestione Domanda e lista domande ed esiti.

Domanda online Reddito di emergenza

In seguito è necessario controllare lo stato domanda REM e cliccare su esito, in colonna azioni, per verificare l’importo e la data di disposizione pagamento (questa data non è la data effettiva di pagamento)

Stato domanda REM

Per sapere con certezza la data di disponibilità del pagamento, bisogna accedere al fascicolo del cittadino, cliccando sul servizio online Inps: fascicolo previdenziale del cittadino e premere sul menu a sinistra prestazioni e pagamenti.

Fascicolo previdenziale Inps

Infine, basta cliccare su PRESTAZIONE, in corrispondenza della categoria RM000, per conoscere la data di accredito, sulle modalità di pagamento indicate sulla domanda.

RM000 Reddito di emergenza

Domanda terza mensilità Reddito di Emergenza

Per ricevere i pagamenti della terza tranche Reddito di Emergenza, il richiedente del REM, al momento della presentazione della domanda online, doveva essere:

  1. residente in Italia,
  2. avere un valore del reddito familiare, nel mese di MAGGIO 2020, inferiore all’importo del REM; il reddito familiare è determinato, calcolando tutte le componenti previste dall’articolo 4, comma 2, del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri n. 159 del 2013, secondo il principio di cassa; per i lavoratori in cassa integrazione ordinaria o in deroga o per i quali sia stato richiesto il FIS, la verifica del requisito della retribuzione teorica del lavoratore è desumibile dalle denunce aziendali.
  3. un valore del patrimonio mobiliare familiare con riferimento al 31.12.2019, (depositi bancari o postali, titoli di stato e tutto quello indicato sul modello Isee) inferiore a una soglia di euro 10.000, incrementata di euro 5.000 per ogni componente successivo al primo e fino ad un massimo di 20.000 euro; il massimale è incrementato di ulteriori 5.000 euro, in caso di presenza nel nucleo familiare di un componente in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza come indicato dal modello Isee, ossia con inabilità accertata al 100%; il patrimonio mobiliare è definito dallarticolo 5, comma 4, del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri n. 159 del 2013.
  4. Un valore Isee 2020, inferiore ad euro 15.000.

Il richiedente del REM doveva dichiarare nell’istanza, il possesso dei requisiti ed in seguito saranno l’Inps e l’Agenzia delle Entrate a controllare, che tutte le auto-dichiarazioni non siano false.

Ricordiamo che, dal 10 Novembre 2020 al 30 Novembre 2020, è possibile presentare una nuova domanda REM, per i mesi di Novembre e Dicembre 2020. L’Inps indicherà, chi sono i beneficiari, che dovranno ripresentare una nuova domanda.

Consulenza Previdenziale online
Per qualsiasi consulenza previdenziale con i nostri professionisti sul pagamento del Reddito di emergenza terza mensilità, accedi alla nostra area di consulenza online.

Leggi gli ultimi articoli pubblicati sul nostro sito: