Riders: chi sono e nuova tutela contrattuale

Dal 18 Luglio 2018, i lavoratori denominati riders, hanno finalmente un Contratto collettivo nazionale di riferimento. Infatti da questa data, tali lavoratori saranno inquadrati nel contratto Autotrasporto Merci e logistica.

Riders: chi sono?

I riders sono i lavoratori a domicilio, che svolgono la loro attività di distribuzioni delle merci, con cicli, ciclomotori e motocicli (anche con tre ruote) in ambito urbano, attraverso l’utilizzo di nuove tecnologie. Grazie all’intervento del Ministro del Lavoro Di Maio, dal 18 Luglio anche questa categoria di lavoratori avranno:

  • una tutela assicurativa e previdenziale;
  • l’assistenza sanitaria integrativa
  • la bilateralità contrattuale.

Riders: classificazione del personale

I lavoratori riders, saranno inquadrati nell’area professionale C, livelli I ed L, dei lavoratori viaggianti. Il livello I ha due parametri: 110 (per il personale nei primi 6 mesi) e 116 (dopo 6 mesi di contratto) per il personale che utilizzi cicli . Mentre il livello L, ha due parametri: 110 per i primi sei mesi, 116 dal settimo al quindicesimo mese e 119 dal sedicesimo mese in poi, per il personale che utilizza ciclomotori e motocicli. A questi ultimi lavoratori non spetta l’indennità di trasferta.

Riders: minimi tabellari di retribuzione

LIVELLODal 01/07/2018Dal 01/10/2018Dal 01/01/2019Dal 01/05/2019Dal 01/10/2019
I 110 primi 6 mesi1379,721400,401410,681431,361458,65
I 116 dopo 6 mesi1454,981476,781487,631509,431538,22
L 110 primi 6 mesi1379,721400,401410,681431,361458,65
L 116 dal settimo al quindicesimo mese1454,981476,781487,631509,431538,22
L 119 dal sedicesimo mese1492,611514,981526,101548,471578,00

Orario di lavoro

Per i lavoratori riders inquadrati nei livelli I ed L, l’orario di lavoro è di 39 ore settimanali, per un massimo di 6 giorni. L’orario di lavoro medio massimo settimanale, comprese le ore di straordinario, non può superare 48 ore settimanali. La prestazione lavorativa giornaliera, va da un minimo di 2 ore ad un massimo di 8. La giornata lavorativa può essere anche di 10 ore, nel caso in cui il lavoratore venga impiegato anche nel magazzino dell’azienda.

Part-time ed apprendistato

La durata del lavoro part-time, va da un minimo di 2 ore giornaliere e non potrà essere inferiore a 10 ore settimanali. Con contratto scritto, l’azienda ed il lavoratore, possono stabilire delle clausole flessibili o elastiche, che consentano la variazione della durata del contratto e la diversa collocazione temporale nella settimana. Nel caso di utilizzo di queste clausole, il lavoratore deve essere avvisato 11 ore prima. L’apprendistato è previsto anche per i riders e può avere una durata massima di tre anni.

Consulenza del team di insindacabili.it

Per qualsiasi consulenza personalizzata, accedi alla nostra area dedicata di consulenza online.

Hai trovato utile il nostro articolo? Hai chiarito qualche dubbio in merito ad un argomento? Effettua una Donazione ed aiutarai il nostro Team ad aggiornarti sempre con le ultime Novità 😉


Valuta l'articolo
[Totali: 2 Media: 3.5]

Posted by Nicola Di Masi

Nicola Di Masi, ideatore e creatore di contenuti per il sito insindacabili.it. Abilitato Consulente del Lavoro e responsabile Caf da Maggio 2008 a tutt'oggi. Ha lavorato come Consulente del Lavoro, come operatore di Patronato e ha coordinato le attività formative di un Organismo Formativo Accreditato.

Invia il tuo Commento