Rimborso Irpef 2016 non percepito: attenti al nuovo Cu 2017

Lo scorso anno hai presentato il modello 730/2016 ed a tutt’oggi non hai ricevuto il rimborso irpef 2016?

Rimborso irpef 2016 non percepito

Cosa devi fare? Tantissimi lavoratori lo scorso anno NON hanno ricevuto il rimborso irpef dal datore di lavoro e tanti per svogliatezza o per non far insorgere contenziosi con il datore di lavoro, hanno deciso di lasciar stare.

Il rimborso irpef, non è un costo da parte del datore di lavoro, perché il datore di lavoro è solo un’intermediario e tecnicamente un sostituto d’imposta tra il lavoratore e lo stato. Per questo ti consigliamo di recuperare le somme non percepite.

Il datore di lavoro non mi ha pagato il rimborso irpef 2016

Non hai ricevuto il rimborso irpef 2016 per i seguenti motivi:

  1. Il datore di lavoro non è riuscito a pagare il rimborso fiscale, per mancanza di capienza irpef tra tutti i lavoratori o non ha potuto rimborsare le somme spettanti dal modello 730/2016. In questo caso il lavoratore, deve controllare il nuovo CU 2017 dal punto 264 al punto 294. Nella certificazione unica deve essere indicata la somma che il datore di lavoro non è riuscito a rimborsare, così da accreditare sul nuovo 730/2017.
  2. In alternativa il datore di lavoro deve rilasciare una dichiarazione ben fatta al lavoratore, dove si evince la motivazione per cui lo stesso datore di lavoro non è riuscito a rimborsare la somma richiesta dal 730/2016, allegando il documento d’identità del Legale Rappresentate o dello stesso datore di lavoro. Questa certificazione, con relativa istanza di rimborso, deve essere presentata all’Agenzia delle Entrate di competenza. Alla domanda va allegato: il modello 730/2016, il documento d’identità del contribuente, l’istanza di rimborso ed la dichiarazione del datore di lavoro con documento d’identità dello stesso. L’istanza di rimborso, a pena di decadenza, deve essere presentata entro 48 mesi. Nel caso di rimborso, ti consigliamo di indicare il codice Iban del tuo conto corrente, allegando il modello di accredito delle coordinate bancarie presso l’Agenzia delle Entrate. (in questo articolo alleghiamo il modello)

Rimborso irpef 2016: quando arriva il pagamento?

Dopo la presentazione dell’istanza di rimborso all’Agenzia delle Entrate, si possono verificare i seguenti casi:

  1. la domanda è accolta;
  2. la domanda è respinta (in questo caso, il contribuente può presentare ricorso alla competente Commissione tributaria provinciale entro 60 giorni dalla notifica del provvedimento di rigetto);
  3. l’ufficio non risponde (in questo caso, la domanda di rimborso deve ritenersi respinta, in quanto vige l’istituto del silenzio-rifiuto. Trascorsi almeno 90 giorni dalla presentazione della domanda ed entro il termine di prescrizione, ordinariamente decennale, l’interessato può ricorrere alla Commissione tributaria).

Controlla attentamente il Cu 2017 e fai valere i tuoi diritti.

Valuta l'articolo
[Totali: 5 Media: 3.8]

2 Commenti

  1. Salve stò aspettando un rimborso irpef 730 tramite Vaglia postale, e mi anno detto che e stato emesso il 21 Marzo, ma ancora non e arrivata nulla.

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui