Assegno da 800 euro per i nati nel 2017

Da maggio 2017 partono le domande per ricevere l’assegno da 800 euro per i nati nel 2017. Vediamo come fare per presentare la domanda.

Assegno da 800 euro per i nati nel 2017: domanda Inps

Per inoltrare la domanda all’Inps, del bonus mamma future, devi essere in possesso del codice Pin online Inps dispositivo.

Puoi richiederlo seguendo le nostre guide:

  • per richiedere il codice Pin online Inps clicca qui;
  • per ottenere il codice Pin online dispositivo clicca qui;

I requisiti bonus mamma domani 2017

Il premio alla natalità 2017 è riconosciuto:

  • alle donne gestanti o alle madri che siano  in possesso dei seguenti requisiti attualmente presi in considerazione per l’assegno di natalità di cui alla legge di stabilità n. 190/2014 ai sensi dell’art. 1, comma 12;
  • ai nuclei residenti in Italia;
  • coloro che sono in possesso di cittadinanza italiana o comunitaria; le cittadine non comunitarie in possesso dello status di rifugiato politico e protezione sussidiaria sono equiparate alle cittadine italiane per effetto dell’ art. 27 del Decreto Legislativo n. 251/2007;
  • per le cittadine non comunitarie,  possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo di cui all’articolo 9 del Decreto Legislativo n. 286/1998 oppure di una delle carte di soggiorno per familiari di cittadini UE previste dagli artt. 10 e 17 del Decreto Legislativo n. 30/2007, come da indicazioni ministeriali relative all’estensione della disciplina prevista in materia di assegno di natalità alla misura in argomento (cfr. circolare INPS 214 del 2016).
Potrebbe interessarti anche  Primo Pagamento Naspi Basso - primi pagamenti parziali

Premio alla nascita o all’adozione

Il beneficio di 800 euro, può essere concesso esclusivamente, per uno dei seguenti eventi verificatisi dal 1° gennaio 2017:

  • compimento del 7° mese di gravidanza;
  • parto, anche se antecedente all’inizio dell’8° mese di gravidanza;
  • adozione del minore, nazionale o internazionale, disposta con sentenza divenuta definitiva ai sensi della legge n. 184/1983;
  • affidamento preadottivo nazionale disposto con ordinanza ai sensi   dell’art. 22, comma 6, della legge 184/1983 o affidamento preadottivo internazionale ai sensi dell’art. 34 della legge 184/1983.
  • Il beneficio è concesso in un’unica soluzione, per evento (gravidanza o parto, adozione o affidamento), e in relazione ad ogni figlio nato o adottato/affidato.

Seguici su insindacabili.it, perché a breve ti indicheremo le modalità tecniche per richiederlo.

Valuta l'articolo
[Totali: 2 Media: 4]

Posted by Nicola Di Masi

Nicola Di Masi, ideatore e creatore di contenuti per il sito insindacabili.it. Abilitato Consulente del Lavoro e responsabile Caf da Maggio 2008 a tutt'oggi. Ha lavorato come Consulente del Lavoro, come operatore di Patronato e ha coordinato le attività formative di un Organismo Formativo Accreditato.

Invia il tuo Commento