Bonus bebè Maggio 2018: quando viene accreditato? Aggiornamenti sulla seconda data di pagamento

Molti utenti ci stanno chiedendo in queste ore, coma mai non è stato ancora pagato il Bonus Bebè Maggio 2018. L’assegno di natalità o il bonus bebè è un beneficio economico per i genitori che hanno figli, sino a tre anni, per i nati dal primo gennaio 2015 al 31 dicembre 2017 e per un anno, per i bebè nati nell’anno 2018.

Bonus bebè: a chi spetta?

Il bonus bebè nell’anno 2018 è stato erogato sino al mese di marzo 2018, dopo l’acquisizione da parte dell’Inps, dei modelli Isee 2018 delle famiglie, senza errori o omissioni. Il bonus bebè spetta:

  • ai  nuclei familiari in cui sia presente un figlio nato o adottato o in affido preadottivo, tra il 1° gennaio 2015 e il 31 dicembre 2018 e che siano in possesso di un’attestazione ISEE in corso di validità, non superiore a 25.000 euro;
  • ai cittadini italiani, oppure ai cittadini di uno Stato dell’Unione Europea;

  • agli extracomunitari titolari di permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo di cui all’art. 9 del d.lgs. 286 del 1998. Ai fini dell’assegno di natalità, i cittadini italiani sono equiparati ai cittadini stranieri, aventi lo status di rifugiato politico o di protezione sussidiaria (art. 27 del d.lgs. 251 del 2007);

  • ai residenti in Italia;

  • al genitore che convive con il figlio (il figlio ed il genitore richiedente, devono essere residente nello stesso nucleo familiare ed avere dimora abituale nello stesso comune);

    Assegno di natalità: importo e durata

    L’assegno di natalità Inps è riconosciuto per ogni figlio, nato o adottato o in affido preadottivo, tra il 1° gennaio 2015 ed il 31 dicembre 2018. Dura tre anni, dalla data di nascita del bambino/a o dall’ingresso in famiglia, per i nati dal primo gennaio 2015 al 31 dicembre 2017 ed un anno per i nati nell’anno 2018. L’importo dell’assegno varia, a seconda del valore dell’ISEE determinato dalla DSU, con riferimento a tutti i componenti del nucleo familiare. In particolare spettano:

  • 960 euro (80 euro al mese per 12 mesi), nel caso in cui il valore dell’ISEE del nucleo familiari non sia superiore a 25.000 euro annui;
  • 1.920 euro (160 euro al mese per 12 mesi), nel caso in cui il valore dell’ISEE non sia superiore a 7.000 euro annui.

La domanda può essere presentata da uno dei genitori, entro 90 giorni dalla nascita, oppure dalla data di ingresso del minore nel nucleo familiare, a seguito dell’adozione o dell’affidamento preadottivo, disposto ai sensi della legge 184 del 1983.

Bonus bebè: quando viene revocato?

Ci sono diversi casi di revoca dell’assegno di natalità o bonus bebè. Prima di tutto è importante rinnovare, subito dopo la scadenza, il modello Isee. Tale modello viene acquisito in automatico dall’Inps, solo se non presenta errori o omissioni. L’eventuale omissione dipende, dalla mancata comunicazione al caf, di carte prepagate o conti correnti. Nello specifico il bonus bebè viene revocato dall’Inps:

  • quando il figlio compie un anno di età (tre anni nel caso di bebè nato tra il 01/01/2015 ed il 31/12/2017), oppure quando si raggiunga un anno dall’ingresso in famiglia del minore a seguito dell’adozione o dell’affidamento pre-adottivo. L’anno, pari a 12 mesi, si calcola a partire dal mese di nascita o di ingresso in famiglia;

  • quando il richiedente perde uno dei requisiti previsti dalla legge (ad esempio in caso di trasferimento della residenza all’estero, perdita del requisito della cittadinanza o del titolo di soggiorno, perdita della convivenza con il figlio);

  • nel caso in cui il nuovo ISEE è superiore ai 25.000 euro;

  • quando si verifica una delle seguenti cause di decadenza:
    • decesso del figlio;
    • revoca dell’adozione;
    • decadenza dall’esercizio della responsabilità genitoriale;
    • affidamento esclusivo del minore al genitore che non ha presentato la domanda;
    • affidamento del minore a terzi.

Quindi prima di fare un sollecito all’Inps, è importante verificare i termini di decadenza.

Data di Pagamento del bonus bebè Maggio 2018: bonus bebè in ritardo?

Nella maggior parte dei casi, il pagamento del bonus bebè è partito dal 18 Maggio 2018 (18/05/2018 – venerdì). Per chi ha rinnovato il modello Isee 2018 in ritardo, il pagamento del bonus bebè di maggio 2018, avverrà a partire dal 28 maggio 2018 ( 28/05/2018 – lunedì). Questo pagamento fa riferimento alla mensilità di Aprile 2018. Al massimo, i pagamenti del bonus bebè di maggio 2018 (mese di Aprile 2018), avverranno entro i primi 10 giorni del mese di Giugno 2018.

Maggiori informazioni sul Bonus bebè, sulla pagina ufficiale del sito INPS.

Consulenza del team di insindacabili.it
Se hai bisogno di una consulenza personalizzata, 
puoi visitare la nostra area dedicataIl nostro Team metterà al tuo servizio tutta la competenza professionale in materia di bonus bebè.

Hai trovato utile il nostro articolo? Hai chiarito qualche dubbio in merito ad un argomento? Effettua una Donazione ed aiutarai il nostro Team ad aggiornarti sempre con le ultime Novità 😉


Valuta l'articolo
[Totali: 10 Media: 2.2]

Posted byNicola Di Masi

Nicola Di Masi, ideatore e creatore di contenuti per il sito insindacabili.it. Abilitato Consulente del Lavoro e responsabile Caf da Maggio 2008 a tutt'oggi. Ha lavorato come Consulente del Lavoro, come operatore di Patronato e ha coordinato le attività formative di un Organismo Formativo Accreditato.

One Comment

  1. Giuseppina Della ragione18 giugno 2018 at 11:07

    Oggi 18 giugno ancora nessun pagamento per quanto riguarda il mese di maggio ..il mese di aprile è stato accreditato il giorno 11 giugno ..mi sa che rifacciamo la stessa fine e l’INPS non riesce a pagare questi pochi spiccioli ..ma qualcuno ha avuto il pagamento??

    Rispondi

Invia il tuo Commento