Bonus energia elettrica e gas 2017: cos’è e come richiederlo

Il bonus energia elettrica e gas, è un’agevolazione istituita dal Governo per ottenere un sconto sulla bolletta dell’energia elettrica e del gas naturale.

Bonus energia elettrica e gas: cos’è?

Per beneficiare del bonus luce e gas devi avere un Isee inferiore o pari, per l’anno 2017, ad euro 8107,50, aumentabile a 20.000 euro per la famiglie numerose con più di tre figli a carico fiscalmente. Ogni figlio per essere considerato fiscalmente a carico dei genitori, non deve superare il reddito complessivo irpef superiore a 2.840,51 come imponibile irpef, indipendentemente dall’età o se studia. Rivolgiti ad un Caf o compila direttamente sul sito dell’Inps, il modello Isee per controllare se hai diritto ad uno sconto sulla bolletta.

Bonus energia elettrica: chi può richiederlo?

Possono richiedere il Bonus energia elettrica, tutti i clienti domestici e tutte le famiglie, che hanno:

  • installato nella propria abitazione di residenza un contatore elettrico fino a 3 kw per i nuclei familiari fino a 4 persone e a 4,5 kw per quelli superiore a 4 persone residenti;
  • un valore della situazione economica Isee pari o inferiore ad euro 8.107,50 o fino a 20.000,00 euro per la famiglie numerose con più di tre figli a carico fiscalmente;

Chi può richiedere il bonus luce per disagio fisico?

Tutti i clienti domestici che hanno nel proprio domicilio una persona affetta da una grave forma di malattia, che costringe l’utilizzo di apparecchiature elettromedicali, per la sopravvivenza della persona malata, hanno diritto al bonus energia per disagio fisico.

In questo caso, è necessaria un’apposita certificazione medica riconosciuta dalla Asl di competenza e un certificato medico che attesti la necessità di utilizzare questa apparecchiatura. Tale certificato deve indicare:

  • la malattia grave del beneficiario;
  • il tipo di apparecchiatura utilizzata;
  • l’ indirizzo di ubicazione dell’apparecchiatura;
  • la data di installazione e inizio dell’utilizzo da parte del beneficiario.
Potrebbe interessarti anche  Pagamenti arretrati REI da Giugno 2018 con REI com

Chi può richiedere il bonus Gas?

Possono richiedere il bonus gas, tutti i clienti domestici, tutte le famiglie, che sono titolari di:

  • una fornitura di gas naturale nella casa di residenza e contatore Gas non superiore a G6.
  • un’ utenza fornita da gas naturale, anche da impianti condominiali. Non hanno diritto le famiglie che utilizzano Gas in bombola o GPL;

Bonus energia elettrica e gas

Il bonus energia e il bonus gas, hanno una durata di 12 mesi, ed entro il mese prima della scadenza, devi rinnovarlo. Riceverai a casa una lettera SGATE, con l’indicazione della scadenza del bonus energia e gas.

Lo sconto sulle bollette, viene comunicato ogni anno dall’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico, entro il 31 dicembre di ogni anno.

Dal 01 gennaio 2017, con decreto del MEF del 29/12/2016, lo sconto sulle bollette passa dal 20 al 30%.

Bonus energia elettrica e gas: domanda

Per richiedere il bonus energia e Gas, devi presentare un’istanza al Comune di Residenza, all’ufficio protocollo, allegano la seguente documentazione:

  • l’istanza compilata in tutte le sue parti indicando il codice POD o PDR della fornitura;
  • il tuo documento d’identità;
  • l’attestazione Isee;
  • la fattura della luce e del Gas.

Scarica a questo link i modelli per il bonus Energia e gas.

Entro 90 giorni riceverai due lettere a casa dallo SGATE, con le tue credenziali e con un numero in alto a sinistra che identifica il tuo numero istanza.

Questo numero ti servirà, alla scadenza, per rinnovare l’agevolazione.

Consulenza Online
Hai bisogno di una consulenza online su questo tema? Visita subito la nostra area dedicata e scopri tutti i nostri servizi di consulenza!

Valuta l'articolo
[Totali: 2 Media: 5]

Posted by Nicola Di Masi

Nicola Di Masi, ideatore e creatore di contenuti per il sito insindacabili.it. Abilitato Consulente del Lavoro e responsabile Caf da Maggio 2008 a tutt'oggi. Ha lavorato come Consulente del Lavoro, come operatore di Patronato e ha coordinato le attività formative di un Organismo Formativo Accreditato.

Invia il tuo Commento