Articolo aggiornato il 10 Gennaio 2023 da Stefano Mastrangelo

Sostegno economico SAR: cos’è e a chi spetta?

Bonus SAR 2023 di 1000 euro per i lavoratori somministrati: chi ne ha diritto? Il Fondo per la formazione ed il sostegno al reddito dei lavoratori in somministrazione, Forma.Temp, riconosce un contributo economico per i disoccupati con precedente rapporto di lavoro in somministrazione.

Questo aiuto economico è finanziato con il contributo del 4% delle retribuzioni lorde dei lavoratori, a carico delle agenzie del lavoro.

Bonus Sar 2023: a chi spetta?

ll sostegno Sar di 1000 euro, spetta anche nel 2023, ai lavoratori con precedente contratto di lavoro in somministrazione a tempo determinato e indeterminato, oppure con contratto di apprendistato in somministrazione con:

  • almeno 45 giorni in disoccupazione e che abbiamo lavorato almeno 110 giornate nell’ultimo anno (12 mesi), a partire dall’ultimo contratto di lavoro,
  • 45 giorni in disoccupazione e che abbiamo lavorato almeno 90 giornate negli ultimi 12 mesi, a partire dall’ultimo giorno effettivo di lavoro,
  • che siano disoccupati da almeno 45 giorni e che abbiano concluso la procedura prevista dall’articolo 25 del Contratto collettivo delle Agenzie per il lavoro denominato: “Mancanza di occasioni di lavoro”

Domanda SAR di 1000 euro: ecco come fare

Per ottenere il bonus SAR di 1000 o di 780 euro, bisogna presentare un’apposita domanda tramite le organizzazioni sindacali o direttamente dal lavoratore. Lo stesso lavoratore deve iscriversi alla piattaforma telematica del Fondo, compilare la domanda ed allegare tutti i documenti indicati qui di seguito.

In alternativa è sempre possibile inviare una raccomanda con ricevuta di ritorno, con il modulo di richiesta ed i documenti allegati, a Forma.Temp – Sostegno al reddito Piazza Barberini, 52 – 00187 Roma. La domanda può essere presentata entro 68 giorni, a partire dal 45° giorno che il lavoratore risulta disoccupato.

Bisogna allegare alla domanda:

  1. Modulo di richiesta,
  2. documento d’identità in corso di validità, fronte e retro,
  3. fotocopia della tessera sanitaria, fronte e retro,
  4. fotocopia delle buste paga che attestano il requisito, compresa quelle dove è indicata la cessazione del rapporto di lavoro,
  5. il Certificato Storico Anagrafico emesso dopo 45 giorni di disoccupazione da richiedere al Centro per l’Impiego di domicilio del beneficiario o l’estratto contributivo Inps,
  6. documento rilasciato dalla banca o della posta riportante il codice Iban,
  7. eventuale documentazione che attesti l’infortunio.

La domanda può essere ripresentata ogni qualvolta, che si posseggono i requisiti.

Quanto spetta di Bonus Sar?

Il sostegno al reddito spettante ai lavoratori in sommistrazione, a cui non è stato rinnovato il contratto di lavoro, è pari a:

  • 1000 euro, al lordo delle ritenute fiscali, per chi ha lavorato in somministrazione 110 giornate effettive, risultanti sulla busta paga,
  • 780 euro al lordo delle imposte irpef, per chi ha 90 giornate lavorative in somministrazione.

Le giornate da prendere sono quelle maggiori indicati in busta paga tra lavorate, retributive ed Inps.

I pagamenti di questo bonus da parte del Fondo sono abbastanza lunghi.

Per ricevere assistenza online da Forma.Temp, bisogna compilare il modulo di contatto online.

Consulenza online insindacabili.it

Per una consulenza professionale con i nostri esperti fiscali e previdenziali, visita la nostra area di consulenza online.

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui