Stipendio più alto per le lavoratrici madri
Stipendio più alto per le lavoratrici madri
Vota questo post

Articolo aggiornato il 12 Febbraio 2024 da Nicola Di Masi

Inps bonus mamme lavoratrici 2024: Cos’è?

Nel mondo del lavoro, le mamme hanno sempre affrontato sfide uniche, equilibrando le responsabilità familiari con quelle professionali. Per questo, la nuova legge di Bilancio 2024, introduce un aumento della busta paga per le lavoratrici madri.

Cosa cambia con la Legge di Bilancio 2024?

Dal 1° gennaio 2024 al 31 dicembre 2026, le mamme lavoratrici dipendenti a tempo indeterminato, che hanno tre o più figli (escluse le lavoratrici domestiche), potranno beneficiare di un esonero totale dai contributi previdenziali per invalidità, vecchiaia e superstiti fino al 18° compleanno del figlio più piccolo, fino a un massimo di 3.000 euro all’anno.

In modo sperimentale per il solo anno 2024, questa agevolazione viene estesa anche alle mamme di due figli, sempre lavoratrici dipendenti a tempo indeterminato, escludendo il lavoro domestico, fino al compimento del 10° anno di età del figlio più piccolo.

Importante sottolineare che questo esonero non influisce sull’importo delle future pensioni, poiché l’aliquota utilizzata per calcolare le prestazioni pensionistiche rimane invariata.

Per chi è pensata questa misura?

L’esonero si applica a tutti i rapporti di lavoro a tempo indeterminato, sia nel settore pubblico che privato, inclusi l’agricoltura e gli apprendistati. Interessante notare che anche i rapporti di lavoro instaurati durante il periodo dell’esonero ne beneficeranno.

La legge stabilisce un tetto massimo di esonero di 3.000 euro annuali, che diventa circa 250 euro al mese. Questo limite vale anche per chi lavora part-time e non richiede una ridistribuzione dell’importo dell’esonero.

Questa agevolazione può essere combinata con altre forme di esonero contributivo e non rientra nella categoria degli aiuti di Stato, quindi non necessita di approvazione dalla Commissione europea. È anche strutturalmente alternativa ad altri tipi di esonero sulla quota dei contributi previdenziali, garantendo così che non ci siano sovrapposizioni o conflitti.

Riferimento normativo: Circolare numero 27 del 31-01-2024

Per conoscere tutte le agevolazioni delle lavoratrici madri, leggi i nostri ultimi articoli su insindacabili.it:

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui