Quando arriva il primo accredito per Assegno di inclusione a Gennaio 2024?
Quando arriva il primo accredito per Assegno di inclusione a Gennaio 2024?

Articolo aggiornato il 20 Gennaio 2024 da Stefano Mastrangelo

Quando arriva il primo pagamento per l’Assegno d’Inclusione Inps?

Pagamenti Assegno di Inclusione a Gennaio 2024 – Dal 18 Dicembre 2023 è possibile presentare la nuova domanda ADI con il modello Isee 2023, per coloro che percepivano il reddito e pensione di cittadinanza sino a Dicembre 2023.

La ricarica dell’Assegno di inclusione di Gennaio 2024 sulla carta di inclusione avverrà dopo la presentazione della domanda ADI, l’iscrizione al SIISL e la sottoscrizione del patto di attivazione digitale (PAD).

Solo i richiedenti che hanno inviato le domande entro il mese di Gennaio 2024, insieme al PAD, la decorrenza del beneficio economico partirà sempre nel mese di Gennaio 2024.

Calendario pagamenti Adi Gennaio 2024

I beneficiari dell’Assegno di inclusione che hanno presentato l’istanza e sottoscritto il Patto digitale nella stessa data, entro il 7 Gennaio 2024, riceveranno le prime ricariche del mese di Gennaio dal 26 Gennaio 2024, se la domanda è stata accolta dall’Inps.

Per le domanda inoltrare dopo il 7 Gennaio ed entro la fine del mese di Gennaio, con Pad sottoscritto entro il 31 Gennaio, il pagamento del mese di Gennaio avverrà dal 15 Febbraio 2024. Il mese di Febbraio 2024 il pagamento sarà disposto come il reddito di cittadinanza, il 27 del mese corrente.

Per chi presenta la domanda nel mese di Febbraio 2024, insieme al patto di attivazione digitale, il primo pagamento avverrà entro il 15 del mese di Marzo 2024. In caso di annullamento della domanda, bisogna ripresentare anche il patto di attivazione digitale.

Assegno di inclusione: adempimenti successivi

I pagamenti dell’Assegno di inclusione avverranno con una ricarica, il 27 di ogni mese, sulla Carta di inclusione che dovebbre essere consegnata dagli Uffici postali dopo l’accoglimento della domanda Inps.

Entro 120 giorni dalla sottoscrizione del Patto di attivazione digitale, i nuclei familiari beneficiari dell’Assegno di inclusione, saranno convocati dai Servizi sociali del Comune di residenza. E’ necessario presentarsi volontariamente in caso di mancata convocazione.

Successivamente il richiedente dell’Adi si dovrà presentare ogni 90 giorni ai servizi sociali ovvero ai centri per l’impiego per attestare la prosecuzione del percorso di inclusione sociale e lavorativa.

Riferimento normativo: Messaggio numero 25 del 03-01-2024

Per maggiori informazioni sull’Assegno di inclusione, accedi al nostro servizio online di Consulenza previdenziale online.

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui