Cassetto previdenziale artigiani e commercianti: aliquote contributi Inps 2018

L’Inps, con circolare n. 27 del 12 febbraio 2018, ha aggiornato le aliquote Inps, i minimali ed i massimali, dei contributi artigiani e commercianti 2018. Anche per il 2018, continua ad applicarsi la riduzione del 50% di contributi dovuti all’Inps degli artigiani e commercianti, per i pensionati Inps con un’età superiore a 65 anni.

Le aliquote dei contributi Inps 2018 artigiani e commercianti

Le aliquote Inps dei contributi 2018 degli artigiani e commercianti, sono aumentati dello 0,45%, così come previsto dall’art. 24 comma 22 del decreto legge n. 201 del 06 dicembre 2011, fino al raggiungimento dell’aliquota del 24%. Nel 2018 le aliquote contributive per finanziare la gestione artigiana e dei commercianti sono pari al 24%.

Per determinare i contributi Inps 2018 degli artigiani e dei commercianti, lo stesso Ente previdenziale, prende come riferimento i redditi d’impresa e in via provvisoria quelli presentati con le dichiarazioni dell’anno 2017.

I contributi della gestione artigiana e commercianti sono obbligatori per legge. Questo significa che nel momento in cui il Tuo consulente comunica l’apertura della Tua impresa individuale come artigiano o commerciante, da quel momento, sei obbligato a versare i contributi previdenziali secondo un minimale stabilito dalla normativa.

Nell’anno 2018, il minimale di reddito annuo è di € 15.710,00 e le aliquote cambiano, a seconda che si tratti di iscritto con un’età fino a 21 anni o di iscritto con un’età superiore ai 21 anni.

Quanto si paga per i contributi Inps artigiani e commercianti?

Sul reddito minimo di € 15.710 si calcolano le seguenti aliquote:

 ArtigianiCommercianti
Titolari, coadiuvanti, coadiutori di età superiore ai 21 anni24 %24,09 %
Coadiuvanti,coadiutori di età non superiore ai 21 anni21%21,09 %

Sei hai un’impresa artigiana o commerciante dovrai pagare annualmente:Per i soggetti iscritti alla gestione commercianti si applica un’aliquota maggiore dello 0,09% per finanziare l’indennità prevista in caso di cessazione definitiva dell’attività commerciale.

  • euro 3.777,84 ( l’aliquota del 24% più il contributo di 7,44 euro per la maternità) se sei titolare di qualsiasi età e coadiuvante, coadiutore di età superiore a 21 anni se iscritto come artigiano;
  • euro 3.306,54 se sei titolare di impresa individuale di qualsiasi età e coadiuvante, coadiutore di età inferiore a 21 anni se artigiano;
  • € 3791,98 se sei titolare di qualsiasi età e coadiuvante, coadiutore di età superiore a 21 anni iscritto alla gestione commercianti;
  • euro 3.320,68 se sei titolare di qualsiasi età e coadiuvante, coadiutore di età inferiore a 21 anni se commerciante.

Per determinate i contributi mensili dovuti sul minimale, basta dividere gli importi elencati in precedenza diviso 12.

Se supero il minimale Inps dell’anno 2018, quanto devo pagare di contributi Inps?

Le aliquote dei contributi Inps sul reddito eccedente il minimale sono:

 ArtigianiCommercianti
Titolari, coadiuvanti, coadiutori di età superiore ai 21 anni24,00% per redditi fino a 46.630,00 € e 25,00% per importi superiori24,09% per redditi fino ad € 46.630,00 e al 25,09% per gli importi superiori
Coadiuvanti,coadiutori di età non superiore ai 21 anni21,00% per redditi fino ad € 46.630,00 e al 22,00% per gli importi superiori21,09% per redditi fino ad € 46.630,00 e al 22,09% per gli importi superiori

Per i lavoratori autonomi iscritti successivamente al primo gennaio 1996, il massimale annuo 2018 è di 101.427,00 euro.II massimale di reddito annuo 2018 individuale è pari a € 77.717, per il pagamento dei contributi della gestione commercianti ed artigiani.

Date di versamento dei contributi inps?

I contributi degli artigiani e dei commercianti devo essere versati, personalmente, con modello F24 alle seguenti scadenze:

  • 16 maggio 2018, 21 agosto 2018, 16 novembre 2018 e 16 febbraio 2019 per i contributi dovuti sul minimale di reddito Inps;
  • entro i termini previsti per il versamento dell’Irpef a titolo di saldo 2017, primo e secondo acconto 2018 per i contributi dovuti sul reddito eccedente il minimale.

Dal 2013 l’Inps non invia più i modelli F24 cartacei. Per determinarli e per ricevere gli importi ed i codici esatti per il pagamento, le cosiddette codeline dei contributi degli artigiani e commercianti, recati sul sito www.inps.it.

Sulla barra cerchi servizi scrivi: Cassetto Previdenziale per Artigiani e Commercianti. Clicca su Accedi al servizio ed inserisci codice fiscale ed il tuo codice Pin.

Cassetto previdenziale artigiani e commercianti

Cassetto previdenziale artigiani e commercianti

Clicca su Posizione Assicurativa

Cassetto previdenziale artigiani e commercianti

Cassetto previdenziale artigiani e commercianti

Premi su dati del modello F24.

Cassetto previdenziale artigiani e commercianti

Cassetto previdenziale artigiani e commercianti

Agevolazione contributi Inps dei regimi dei minimi

La legge n. 190 del 2014 ha introdotto un particolare regime agevolato per i lavoratori autonomi aderenti al cosiddetto regimi dei minimi. Anche nel 2018 i contribuenti minimi potranno avere una riduzione contributiva del 35%, sempre se, per chi ha intrapreso un’attività nell’anno 2017, comunica la propria volontà di adesione entro il 28 febbraio 2018. Per chi è iscritto dal 2018, deve provvedere immediatamente alla comunicazione, per consentire il calcolo dei nuovi contributi con gli sconti riconosciuti.

Riferimento normativo: Circolare Inps n. 27 del 12/02/2018

Consulenza Online
Hai bisogno di una consulenza online su questo tema? Visita subito la nostra area dedicata e scopri tutti i nostri servizi di consulenza!

Hai trovato utile il nostro articolo? Hai chiarito qualche dubbio in merito ad un argomento? Effettua una Donazione ed aiutarai il nostro Team ad aggiornarti sempre con le ultime Novità 😉


Valuta l'articolo
[Totali: 2 Media: 5]

Posted byNicola Di Masi

Nicola Di Masi, ideatore e creatore di contenuti per il sito insindacabili.it. Abilitato Consulente del Lavoro e responsabile Caf da Maggio 2008 a tutt'oggi. Ha lavorato come Consulente del Lavoro, come operatore di Patronato e ha coordinato le attività formative di un Organismo Formativo Accreditato.

Invia il tuo Commento