Cittadinanza italiana 2019 nuova legge, costo 250 euro, tempi

Quali sono i tempi per ottenere la cittadinanza italiana? Quali sono i costi? Con la nuova legge, art. 14 del DECRETO-LEGGE 4 ottobre 2018, n. 113, a partire dal 5 Ottobre 2018, sono aumentati i costi per richiedere la cittadinanza italiana, per matrimonio e residenza, da 200 euro a 250 euro.

Cittadinanza italiana 2019 nuova legge: cosa prevede

Il nuovo decreto legge del governo e la circolare n. 666 del 25 gennaio 2019 del Ministero dell’interno, ha fornito ulteriori chiarimenti sulla nuova normativa in materia di acquisizione della cittadinanza italiana. Per richiedere la cittadinanza italiana, bisogna presentare un’apposita domanda sul sito del Ministero dell’Interno. I principali motivi per richiedere la cittadinanza italiana per stranieri, previsti dalla legge 91 del 1992, sono:

  • il riconoscimento della cittadinanza italiana, dopo 10 anni effettivi di residenza nel territorio italiano,
  • il riconoscimento della cittadinanza italiana per matrimonio con cittadino comunitario, dopo un periodo di residenza in Italia o all’Estero.

La nuova legge prevede che la concessione della cittadinanza per matrimonio è collegata ad un’adeguata conoscenza della lingua italiana (questo vale per le domande presentare dal 4 Dicembre 2018). In questo caso i soggetti stranieri richiedenti, dovranno presentare apposita certificazione di conoscenza della lingua italiana di livello B1 del QCER. Non rientrano in questa normativa, gli stranieri che hanno sottoscritto l’accordo di integrazione ed i titolari di permesso di soggiorno di lungo periodo Ce.

La cittadinanza può essere revocata, quando i nuovi cittadini rappresentano una minaccia per la sicurezza nazionale, dopo aver riportato condanne penali per reati gravi o commesso reati collegati al terrorismo o all’eversione.

Potrebbe interessarti anche  FAQ Reddito di Cittadinanza e Pensione di Cittadinanza - FAQ RdC e PdC

Quanto costa richiedere la cittadinanza italiana?

L’art. 14 del DECRETO-LEGGE 4 ottobre 2018, n. 113, stabilisce che a partire dal 5 ottobre 2018, il contributo statale per le richieste di cittadinanza italiana è pari a 250 euro. Prima di inviare l’istanza, tramite il sito del Ministero dell’Interno, bisogna compilare e pagare il bollettino postale di 250 euro ed allegarlo alla procedura telematica (leggibile, soprattutto nella parte del pagamento). Il bollettino deve essere compilato in questo modo:

  • conto corrente n. 809020,
  • importo 250 euro,
  • intestato a MINISTERO INTERNO D.L.C.L. – CITTADINANZA,
  • eseguito, riportare Cognome e Nome del richiedente,
  • residente: indicare il luogo effettivo di residenza e l’indirizzo,
  • la causale: CONTRIBUTO DI CUI ALL’ART. 1, COMMA 12, LEGGE 15 LUGLIO 2009, N. 94.

Di seguito alleghiamo un vecchio fac-simile del bollettino, con importo errato, per richiedere la cittadinanza italiana. Ricordiamo che l’importo da pagare è di 250 euro dal 5 Ottobre 2018.

Bollettino postale per richiedere cittadinanza italiana

Bollettino postale per richiedere cittadinanza italiana

Cittadinanza italiana nuovi tempi per il riconoscimento

In particolare, la nuova normativa, ha allungato i tempi per il riconoscimento della cittadinanza italiana. Prima del 5 Ottobre 2018, la pratica della cittadinanza doveva concludersi entro 24 mesi dalla richiesta. Dopo il decreto legge n. 113/2018, convertito in legge n. 132/2018, ha previsto che il termine entro il quale si devono concludere i procedimenti di riconoscimento della cittadinanza italiana sia per matrimonio, residenza e naturalizzazione sono di 48 mesi. (4 anni) Purtroppo, per velocizzare, non si può fare nulla. E’ importante controllare la pratica di cittadinanza ed ogni eventuale comunicazione, sul sito del Ministero dell’Interno con le vecchie credenziali o con l’identità digitale SPID.

Consulenza del team di insindacabili.it

Per una consulenza personalizzata sulla procedura ed i tempi del rilascio della cittadinanza italiana, clicca la nostra area dedicata di consulenza online.

Valuta l'articolo
[Totali: 2 Media: 5]

Dona il tuo 5x1000 a Insindacabili

Posted by Nicola Di Masi

Nicola Di Masi, ideatore e creatore di contenuti per il sito insindacabili.it. Abilitato Consulente del Lavoro e responsabile Caf da Maggio 2008 a tutt'oggi. Ha lavorato come Consulente del Lavoro, come operatore di Patronato e ha coordinato le attività formative di un Organismo Formativo Accreditato.