Come leggere la busta paga dei lavoratori dipendenti: stipendio, ferie, contributi

La busta paga o il cedolino paga, rappresenta il tuo rapporto di lavoro con il tuo datore di lavoro e il  rapporto previdenziale e fiscale con l’Inps e l’Agenzia delle Entrate.

La data di pagamento stipendio

La busta paga viene rilasciata entro il 16 del mese successivo nel privato ed il 23 – 27 del mese corrente, in anticipo, nelle pubbliche amministrazioni.

Come controllare la busta paga

Quando ricevi dal datore di lavoro la busta paga, nella maggior parte dei casi controlli solo il netto, indicato in basso a destra. Però molte volte ti sfugge l’essenza della busta paga, ossia tutti gli elementi retributivi che costituiscono la retribuzione lorda.

Nel cedolino paga sono evidenziati:

  • i dati del datore di lavoro (codice fiscale e partita iva), sede legale e sede operativa;
  • la matricola Inps e la posizione Inail del datore di lavoro;
  • i tuoi dati anagrafici;
  • la data di assunzione e data di cessazione del rapporto di lavoro;
  • il tuo livello, che deve corrispondere a quello indicato sul contratto individuale;
  • il tuo CCNL di riferimento, dove sono espressi tutti i tuoi diritti (la retribuzione base, le ferie, i rol, la malattia);
  • la tua qualifica;
  • la percentuale, se il rapporto di lavoro è part-time.

Al centro della busta paga è indicata la retribuzione base, più altri elementi, la cui somma costituiscono la retribuzione totale lorda.

Importantissimo è leggere il numero di giorni lavorati e il numero di giorni retributivi, perché da questo dipende la maturazione delle ferie e permessi, la pensione, il calcolo del Tfr e la tua Naspi.

Differenza tra retribuzione mensile o oraria

Il lavoratore può essere stipendiato con una retribuzione mensile fissa o con una retribuzione in base alle ore svolte.

Potrebbe interessarti anche  Disoccupazione Naspi e tredicesima: c'è la tredicesima nel 2018?

Se la retribuzione è oraria, il primo elemento retributivo, sarà il calcolo tra retribuzione base totale oraria (determinato dai contratti collettivi nazionali del lavoro di riferimento) per le ore di lavoro svolte in quel mese.

A questo elemento fondamentale, si aggiungono le festività, le ferie, i permessi, gli straordinari, i ratei di tredicesima e di quattordicesima.

Contributi Inps sulla pensione in busta paga

Tutti questi elementi retributivi, compongo la retribuzione imponibile ai fini previdenziali. Infatti moltiplicando l’imponibile fiscale per il 9.19%, si calcolerà l’importo che il lavoratore versa per la sua pensione.

Calcolo imponibile irpef

Facendo la sottrazione tra la retribuzione lorda meno il contributo previdenziale, si ottiene l’imponibile fiscale su cui il datore di lavoro calcolerà le imposte.

Su questo imponibile fiscale si paga l’irpef, l’addizionale regionale irpef, l’acconto ed il saldo dell’addizionale comunale irpef.

Sei sei lavoratore dipendente, hai diritto alle cosiddette detrazioni per lavoratori dipendenti e assimilati, ossia un’importo che fa diminuire le imposte che devi pagare e tale detrazione aumenta se hai il coniuge ed i figli a carico.

Dopo tutto questo calcolo, per ottenere il netto della busta paga, si deve aggiungere il bonus di 80 euro ed l’eventuale rimborso irpef corrisposto nel cedolino paga di Luglio.

Ferie e permessi in busta paga

Nella busta paga il residuo delle ferie e dei permessi (Rol) maturati, goduti e non goduti, devono essere indicati sulla busta paga ed espressi o in giorni o in ore. In questo modo il lavoratore ha un quadro della situazione dei giorni di riposo.

Noi ti consigliamo di leggere attentamente tutti i mesi la busta paga, perché da questo prospetto dipende prima di tutto la retribuzione mensile, il tuo trattamento di fine rapporto,  la tua maturazione delle ferie e dei permessi e la posizione contributiva ai fini pensionistici.

Consulenza Online
Hai bisogno di una consulenza online su questo tema? Visita subito la nostra area dedicata e scopri tutti i nostri servizi di consulenza!

Valuta l'articolo
[Totali: 3 Media: 3.7]

Posted by Nicola Di Masi

Nicola Di Masi, ideatore e creatore di contenuti per il sito insindacabili.it. Abilitato Consulente del Lavoro e responsabile Caf da Maggio 2008 a tutt'oggi. Ha lavorato come Consulente del Lavoro, come operatore di Patronato e ha coordinato le attività formative di un Organismo Formativo Accreditato.

Invia il tuo Commento