Articolo aggiornato il 11 Marzo 2020 da Nicola Di Masi

Contributi volontari Inps: calcolo e importi anno 2020

L’Inps con la circolare n. 33 del 6 Marzo 2020 ha aggiornato le retribuzioni ed i minimali per il versamento volontario dei contributi Inps nell’anno 2020, a seguito della variazione dell’inflazione pari a 0,5%. Anche quest’anno cambiano gli importi minimali e massimali.

Contributi volontari 2020 lavoratori dipendenti non agricoli

Per richiedere il pagamento dei contributi volontari all’Inps ed anticipare la data di pensionamento, bisogna preventivamente essere autorizzati dall’Istituto. I contributi volontari sono dei contributi a titolo oneroso, ossia con pagamento da parte del lavoratore, a differenza della malattia.

Se l’autorizzazione alla prosecuzione volontaria è avvenuta dopo il 31 dicembre 1995 l’aliquota del versamento è pari al 33%. Mentre se i lavoratori dipendenti non agricoli sono stati autorizzati precedentemente, l’aliquota è pari al 27,87%.

I contributi volontari minimi dei lavoratori dipendenti agricoli nell’anno 2020 sono pari a 3538,91 euro. Il calcolo di un anno di contribuzione avviene in questo modo. Si moltiplica la retribuzione minima settimanale di 206,23 per 52 settimanali. Il totale si moltiplica per l’aliquota del 33%. Mentre i lavoratori autorizzazione prima del 1995 pagano 2.988,77 euro perché l’aliquota è inferiore.

La retribuzione dei lavoratori dipendenti per il calcolo dei contributi volontari è pari alla retribuzione delle ultime 52 settimane. In tutti i casi non deve essere inferiore ai limiti previsti.

Se la retribuzione di riferimento annuale supera 47.379 euro, si applica un ulteriore aliquota del 1%. Mentre per coloro che rientrano nel calcolo della pensione con il sistema contributivo, ossia con il primo versamento dei contributi dopo il primo gennaio 1996, non si pagano i contributi oltre la soglia massimale di 103.055 euro annui.

L’aliquota contributiva del 33%, si applica ai lavoratori dipendenti non agricoli, agli autoferrotranvieri, agli elettrici, telefonici, ex dirigenti Inpdai, i dipendenti dele Ferrovie dello Stato, i dipendenti pubblici assicurati presso la CTPS.

Contributi volontari 2020 Inps artigiani e commercianti

Per il versamento dei contributi volontari Inps dei lavoratori autonomi, si fa riferimento al reddito medio degli ultimi 36 mesi. Le aliquote sono quelle stabilite per i contributi obbligatori:

  • 24% per gli artigiani titolari e collaboratori di età superiore a 21 anni,
  • 21,90% per gli artigiani titolari ed i collaboratori di età inferiore a 21 anni,
  • 24,09% per i commercianti titolari e collaboratori di età superiore a 21 anni,
  • 21,99% per i commercianti titolari e collaboratori di età inferiore a 21 anni.

Contributi volontari 2020 iscritti Gestione separata

Il minimale 2020 per l’accredito dei contributi Inps agli iscritti della Gestione separata è pari a 15.953 euro, sul quale si calcolerà l’aliquota del 25% per i professionisti senza cassa ed il 33% per i collaboratori a progetto o le altre figure professionali. Quindi l’importo è paria a:

  • 3988,32 euro su base annua e 332,36 euro mensilmente per i professionisti,
  • 5264,52 euro su base annua e 438,71 su base mensile per tutti gli altri parasubordinati iscritti alla gestione separata.

Per tutte le altre categorie di lavoratori (agricoli, collaboratori domestici, fondi speciali), è possibile consultare la circolare n. 33 del 6 Marzo 2020.

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui