Articolo aggiornato il 10 Marzo 2020 da Nicola Di Masi

Coronavirus e sospensione prestiti imprese colpite

In Italia è già operativo l’accordo tra Abi e le associazioni di impresa, con cui è possibile richiedere la sospensione o l’allungamento dei prestiti concessi alle imprese sino al 31 Gennaio 2020. Questa possibilità è riservata ai finanziamenti delle micro, piccole e medie imprese.

Come funziona la sospensione prestiti alle Imprese?

A causa dell’emergenza Coronavirus, molti settori si sono trovati in difficoltà. Per questo le associazioni degli Istituti bancari e le imprese, hanno previsto la sospensione sino ad un anno della quota di capitale delle rate:

  • dei finanziamenti o mutui a lungo termine,
  • delle operazioni di leasing,
  • dei prestiti immobiliari,
  • della quota di capitale dei canoni di leasing.

Per l’allungamento dei mutui, è previsto un periodo massimo di estensione, sino al 100% della parte residua del piano di ammortamento.

Al contrario per i finanziamenti a breve termine e per il prestito agrario di conduzione, il periodo massimo allungabile è di 270 giorni per i primi e 120 giorni per i crediti agrari.

Stop al pagamento delle rate dei finanziamenti

Nell’accordo tra ABI e le associazioni delle imprese è previsto anche la possibilità per le banche, di applicare misure di maggior favore alle imprese, rispetto a quelle previste nell’accordo. Inoltre le associazioni delle imprese chiedono:

  • di aumentare l’operatività del Fondo di garanzia per le piccole medie imprese,
  • agevolare l’accesso al credito
  • modificare le attuali normative di vigilanza riguardo le misure di tolleranza, necessarie in una situazione di emergenza.

A breve il governo, con un nuovo decreto, stabilirà anche la possibilità di sospendere i mutui alle famiglie.

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui