Articolo aggiornato il 4 Febbraio 2021 da Stefano Mastrangelo

Bando Coronarivus una tantum CIMALA agricoli BARI e BAT

Chi può richiedere una tantum di 200 euro del bando Coronavirus CIMALA? L’Ente bilaterale dei lavoratori agricoli, ha deliberato un contributo denominato:”Coronovarisu Sars-Cov2″ per i lavoratori del settore agricolo.

In attesa di conoscere le sorti del governo e se i lavoratori agricoli potranno ottenere il bonus Covid di 1000 euro con il Ristori 5, in questo articolo, sintetizziamo un nuovo bando, messo a disposizione dell’Ente bilaterale agricolo di Bari e Bat.

Chi sono i beneficiari del contributo per covid?

Possono richiedere il contributo di 200 euro all’Ente bilaterale Cimala i lavoratori:

  • che nel periodo dal 1° Gennaio 2020 al 31 Dicembre 2020, siano risultati positivi al Coronavirus Sars-Cov2, con tampone molecolare rino-faringeo, rilasciato da una compente autorità sanitaria,
  • iscritti negli elenchi anagrafici annuali del proprio Comune di residenza, pubblicati dall’Inps, per l’anno 2019, per almeno 51 giornate;
  • aver prestato attività lavorativa alle dipendenze di Enti o aziende agricole operanti ed iscritte nei ruoli INPS delle Province di Bari e/o Bat.
  • aver prestato attività lavorativa alle dipendenze di Enti o aziende agricole in regola con il versamento dei contributi all’Ente Bilaterale CIMALA EBAT Bari,
  • non aver richiesto analogo contributo ad altro Ente Bilaterale, qualora si abbia la residenza fuori dalle Province di competenza dell’Ente Bilaterale CIMALA EBAT Bari.

L’importo della tantum pari a 200 euro al lordo delle ritenute fiscali previsti dalla legge. E’ importante presentare la domanda immediatamente, in quanto le risorse finanziare stanziate sono limitate.

Come presentare domanda della tantum da 200 € per coronavirus?

Si può presentare domanda, recandosi personalmente agli uffici dell’Ente bilaterale Cimala EBAT Bari o esclusivamente online, con il supporto di alcune associazioni sindacali di categoria:

  • FLAI CGIL,
  • FAI CISL,
  • UILA UIL,
  • COLDIRETTI,
  • CIA,
  • CONFAGRICOLTURA.

Le domande presentate in maniera diversa, non verranno accettate. All’istanza bisogna allegare i seguenti documenti:

  • copia del documento di identità e del codice fiscale,
  • copia del codice fiscale del coniuge,
  • Copia del codice IBAN del conto corrente postale o bancario oppure della carta prepagata,
  • l’attestazione del risultato del tampone positivo o referto delle autorità sanitarie competenti,
  • copie di tutte le buste paga di tutti i rapporti di lavoro agricoli dell’anno 2019.

La domanda di contributo una tantum, scade il 31 Marzo 2021.

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui