Data di pagamento della Disoccupazione Agricola 2017

La disoccupazione Agricola è un’indennità che viene emessa a favore dei lavoratori stagionali, dei braccianti agricoli e delle persone iscritte negli elenchi dei lavoratori agricoli.
L’Inps ha rilasciato da pochi giorni un aggiornamento con gli ultimi nominativi inseriti negli elenchi dei lav. agricoli. L’elenco è consultabile da qui: http://insindacabili.it/pubblicazione-elenchi-lavoratori-agricoli-2017/

Chi può ricevere la Disoccupazione Agricola 2017?

La disoccupazione agricola viene riconosciuta e pagata alle seguenti categorie:

  • gli operai agricoli a tempo indeterminato
  • gli operai a tempo determinato
  • i piccoli coloni
  • i compartecipanti familiari
  • i piccoli coltivatori diretti che hanno versato volontariamente fino a 51 giornate di iscrizione negli elenchi nominativi agricoli
  • gli operai agricoli a tempo indeterminato che lavorano solo per un certo periodo dell’anno
  • i lavoratori agricoli che si dimettono per giusta causa

Nel biennio precedente (2015-2016) bisogna avere almeno 102 giornate lavorate.

Data di pagamento della Disoccupazione Agricola 2017

Se la domanda per la disoccupazione Agricola è stata correttamente inviata entro il 31 Marzo 2017, la data di pagamento nel 90% dei casi sarà il 28 Giugno 2017. Se non visualizzi tale data in “Pagamenti” nel Fascicolo previdenziale, non preoccuparti, probabilmente nel tuo caso la data di pagamento slitterà di qualche giorno o settimana.

Disoccupazione agricola: controlla il prospetto nella cassetta postale

Sempre dal Fascicolo previdenziale, cliccando su cassetta postale, potrai trovare la comunicazione Inps che ti annuncia il pagamento della disoccupazione Agricola (generalmente appare prima la disposizione di pagamento e qualche giorno dopo arriva la comunicazione telematica dall’Inps)

Se hai già ricevuto la lettera, scaricala ed apri il file PDF.

esempio prospetto calcolo Inps Disoccupazione Agricola
esempio prospetto calcolo Inps Disoccupazione Agricola

Ti consigliamo di eseguire i seguenti controlli:

  1. controlla le giornate di lavoro risultanti all’Inps
  2. controlla la percezione degli assegni familiari (se ne avevi fatto richiesta)
  3. verifica la retribuzione media lorda di tutte le buste-paga. E’ molto importante!

Inoltre devi sapere che, l’Inps trattiene un contributo di solidarietà del 9% ed applica una trattenuta Irpef in base all’importo della disoccupazione.
Nel prospetto è evidenziato anche il contributo associativo destinato ai sindacati.

Il riesame delle domanda di disoccupazione agricola

Se hai fatto un riscontro sulle buste paga e sui modelli Unilav e ti risultano delle giornate in più rispetto a quelle calcolate dall’Inps, o non ti sono stati pagati gli assegni familiari puoi chiedere il riesame della domanda attraverso il codice pin dispositivo o con l’aiuto di un patronato.

Cosa fare se non ricevi risposte o in caso di ulteriori problemi?
Se pensi di avere diritto alla disoccupazione agricola, ma non ricevi aggiornamenti sulla tua domanda e/o vuoi chiarire alcune problematiche relative, puoi avvalerti del nostro servizio di consulenza dedicata personale. I nostri esperti previdenziali con una decennale esperienza nel settore, ti aspettano!


Valuta l'articolo
[Totali: 30 Media: 2.6]

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui