Disoccupazione Naspi e trasferimento all’estero

Cosa accade se un cittadino percettore di Disoccupazione Naspi si trasferisce all’estero per un periodo di vacanza o alla ricerca di Lavoro?
In questo articolo cercheremo di capire cosa dice l’INPS in merito alla Disoccupazione Naspi ed al trasferimento all’estero. Disoccupazione Naspi e trasferimento all’estero

Secondo la normativa europea, un lavoratore disoccupato che ha maturato il diritto alla Disoccupazione seconde le legge di uno o più stati dell’Unione Europea, può conservare tali benefici recandosi in un altro stato comunitario alla ricerca di una nuova occupazione

Disoccupazione Naspi ed Estero: a chi è rivolta la normativa

La normativa riguarda i cittadini disoccupati:

  • di uno stato dell’Unione europea
  • di uno stato del SEE (come Islanda, Liechtenstein e Norvegia)
  • Svizzeri
  • o di paesi extracomunitari, solo se residenti in uno stato UE e assicurati almeno in due stati membri (circolare INPS 15 marzo 2011, n. 512);
    apolidi e rifugiati residenti in uno stato membro

Disoccupazione all’Estero: Decorrenza e Durata

Il cittadino che percepisce la Disoccupazione Naspi in Italia e che si reca all’estero per cercare una nuova occupazione, può conservare il diritto alla prestazione di Sostegno al Reddito sino ad un massimo di 3 mesi. Tali mesi vanno conteggiati dalla data di partenza dall’Italia.

In maniera speculare, anche chi percepisce l’indennità di disoccupazione da uno Stato comunitario e rientra in Italia, ha diritto a conservare l’assegno di Disoccupazione per 3 mesi (massimo 6 mesi in caso di eventuale proroga)

L’indennità di Disoccupazione Naspi è sospesa finché all’ufficio del lavoro dello stato comunitario, il disoccupato non comunichi all’INPS l’avvenuta iscrizione con la relativa data. Ricevuta questa comunicazione, l’INPS paga direttamente al cittadino la prestazione dovuta a cominciare dalla data dell’avvenuta partenza. Se l’iscrizione presso l’ufficio del lavoro dello stato estero avviene dopo sette giorni, la Naspi sarà pagata dalla data di iscrizione e sino alla data di scadenza già fissata (bisogna considerare tre mesi a partire dalla data di partenza dall’Italia o dall’Estero)

Naspi e ricerca Lavoro Estero

Naspi e ricerca Lavoro Estero

Disoccupazione all’Estero: Quando decade

Se il cittadino percettore di Disoccupazione Naspi si reca all’Estero alla ricerca di un nuovo lavoro senza comunicarlo al centro per l’impiego, perde il diritto di esportare tale beneficio fuori dall’Italia e quindi, l’INPS provvederà a recuperare l’intera somma versata, a partire dal giorno dell’avvenuto trasferimento in terra Estera.

Disoccupazione Naspi all’Estero: Quanto spetta

Un cittadino italiano beneficiario di disoccupazione a carico di uno stato estero che rientra in Italia per cercare un nuovo lavoro, oltre a beneficiare dell’indennità per il periodo esportato, potrebbe avere anche diritto all’indennità di disoccupazione prevista per i cittadini rimpatriati. Naturalmente, dal periodo indennizzabile come rimpatriato (al massimo 180 giorni) saranno detratte le giornate già indennizzate all’estero.

Esempio dal sito Inps.it
Se una persona che ha lavorato in Germania dal 1° gennaio 2011 al 30 giugno 2012, in Lettonia dal 1° luglio 2012 al 30 giugno 2013 e in Italia dal 1° luglio 2013 al 15 settembre 2013, sulla base dei soli periodi maturati in Italia (Stato dell’ultima  occupazione) non avrebbe diritto al pagamento di alcuna prestazione. Cumulando, invece, i periodi lavorati in tutti gli stati, raggiunge il diritto alla disoccupazione NASpI e l’importo della prestazione erogata è calcolato sull’imponibile previdenziale del lavoro svolto in Italia.
Questa stessa regola è applicata anche quando una persona ha lavorato, per ultimo, in un paese diverso dall’Italia.

Consulenza Online Professionale

Hai Bisogno di una Consulenza Professionale dedicata? Clicca qui – Il nostro Team ti aiuterà ed assisterà nella risoluzione dei tuoi problemi

 

Hai trovato utile il nostro articolo? Hai chiarito qualche dubbio in merito ad un argomento? Effettua una Donazione ed aiutarai il nostro Team ad aggiornarti sempre con le ultime Novità 😉


Valuta l'articolo
[Totali: 3 Media: 5]

Posted by Ste_Master

Consulente tecnico e creatore di contenuti per il sito Insindacabili.it

4 Comments

  1. Salve, tra qualche giorno mi scade il contratto, dopo 2 anni, e il mio datore di lavoro mi ha comunicato che non mi rinnoverà il contratto. Vorrei approfittare della pausa estiva e andare a fare un corso di inglese , senza lavorare, in Australia.
    Il ritorno sarebbe previsto per gli inizi di ottobre.
    Prima di partire mi consigliate comunque di chiedere la Naspi?
    Grazie mille

    Rispondi

    1. Assolutamente,
      chieda la Naspi e poi segua quanto riportato nel nostro articolo

      Saluti
      PS. se ancora non lo ha provveda a munirsi quanto prima di Pin Insp dispositivo – https://insindacabili.it/come-convertire-pin-inps-in-dispositivo/

      Rispondi

  2. Salve, ho visto che parlate anche di vacanza.
    Quindi se, per esempio, ad agosto starò ancora percependo Naspi ed andrò in vacanza all’estero per qualche giorno, diciamo una settimana, dovrò comunicarlo?
    Grazie.

    Rispondi

    1. Nicola Di Masi 10 maggio 2018 at 23:39

      Assolutamente no. Può continuare a prendere la Naspi.

      Rispondi

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *