La tredicesima viene rimborsata al datore di lavoro
A chi spetta la tredicesima
Vota questo post

Articolo aggiornato il 17 Dicembre 2023 da Stefano Mastrangelo

Che cos’è la tredicesima mensilità?

La tredicesima è obbligatoria? Questa è una domanda che molti lavoratori si pongono, soprattutto in tempi di crisi economica, come quelli attuali tra il Post-Covid ed il lungo conflitto bellico in Ucraina.

La tredicesima mensilità o gratifica natalizia è una retribuzione differita, come la quattordicesima, riconosciuta a tutti i lavoratori dipendenti pubblici e privati, che abbiano un rapporto di lavoro.

E’ corrisposta dal datore di lavoro ed è pagata nella maggior parte dei casi, nel mese di Dicembre o al termine del rapporto di lavoro a tempo determinato. La mensilità aggiuntiva della tredicesima spetta:

  • ai dipendenti pubblici di Noipa, nel mese di dicembre, insieme alla mensilità corrente,
  • ai lavoratori dipendenti del settore privato,
  • alle lavoratrici domestiche baby-sitter, colf e badanti, inquadrati nel contratto collettivo dei lavoratori domestici conviventi e non conviventi;
  • ai pensionati, sulla mensilità del mese di dicembre;
  • ai percettori della pensione di invalidità civile;
  • ai lavoratori part-time, con contratto a tempo determinato ed indeterminato.

La tredicesima non spetta:

  • ai lavoratori che hanno instaurato un rapporto di lavoro parasubordinato, come il contratto a progetto,
  • ai lavoratori autonomi occasionali,
  • ai percettori dell’indennità di frequenza,
  • non spetta ai titolari dell’indennità di accompagnamento,
  • agli operai edili, in quanto viene accantonato presso le Casse edili,
  • ai lavoratori agricoli, in quanto viene conteggiato nel terzo elemento della retribuzione.

Storia della Tredicesima

La tredicesima è una mensilità aggiuntiva che viene corrisposta al lavoratore entro il 15 dicembre di ogni anno, in proporzione ai giorni lavorati e al salario percepito. La tredicesima non è soggetta a contributi previdenziali ed assistenziali, ma solo a ritenute fiscali.

La tredicesima ha lo scopo di integrare il reddito del lavoratore e di favorire il consumo, soprattutto nel periodo natalizio. La tredicesima è stata introdotta in Italia nel 1945, come misura di sostegno ai lavoratori dopo la seconda guerra mondiale. Da allora, la tredicesima è diventata parte fondamentale del salario dei dipendenti, che spesso la utilizzano per affrontare spese straordinarie o per risparmiare.

La tredicesima non è dovuta solo ai lavoratori dipendenti, ma anche ad alcune particolari categorie di lavoratori autonomi.

I datori di lavoro hanno la possibilità di pagare mensilmente l’importo della tredicesima, anticipandola per quota, in ogni busta paga, rispetto al pagamento delle mensilità intera. Questo è possibile solo se non c’è un particolare divieto imposto dal Contratto collettivo nazionale del lavoro e se c’è un accordo inviduale o aziendale con il lavoratore.

Il lavoratore che riceve il pagamento della tredicesima mensilmente, dovrà controllare il suo effettivo importo, a conguaglio, nel mese di dicembre, quando il Consulente del lavoro calcolerà la retribuzione effettiva dell’anno trascorso.

Anche in caso di licenziamento, dimissioni, malattia, maternità o cassa integrazione si ha sempre diritto alla 13esima. In questi casi, l’importo della gratifica natalizia viene calcolato in base ai giorni effettivamente lavorati nell’anno e viene pagato al momento della fine del rapporto di lavoro.

La Tredicesima è Obbligatoria?

Ebbene sì, la Tredicesima è obbligatoria per Legge. I lavoratori dipendenti hanno diritto a ricevere la gratifica natalizia dal datore di lavoro.

Ma come si calcola l’importo spettante?
Per calcolare la tredicesima si sommano tutti i seguenti elementi retributivi percepiti nell’anno dal lavoratore:

  • retribuzione lorda mensile, per i mesi lavorati nell’anno;
  • indennità di contingenza;
  • scatti di anzianità;
  • altri elementi che identificano la retribuzione globale lorda mensile,
  • incentivi dell’azienda,
  • indennità di lavoro straordinario,
  • le indennità per ferie godute;
  • l’indennità di mensa,
  • la maternità, del solo 20% integrato dal datore di lavoro e non dall’Inps,
  • il congedo matrimoniale;
  • i permessi, per riduzione orario di lavoro o per allattamento,
  • le festività nazionali e patronali;
  • il preavviso non lavorato.

La mensilità aggiuntiva dunque, si calcolerà dividendo la retribuzione lorda mensile per 12 ed il totale, moltiplicandolo per gli effettivi mesi lavorati.

– IMPORTANTE – Viene considerato come mese intero, ai fini del calcolo della tredicesima, il mese con 15 giorni lavorativi o superiori.

La tredicesima è imponibile, sia ai fini del calcolo delle imposte IRPEF e sia al calcolo dei contributi Inps. Infatti sulla mensilità aggiuntiva (sia della tredicesima e della quattordicesima) si applicano le ritenute IRPEF previste ogni anno dallo Stato.

Consulenza del team di insindacabili.it
Per qualsiasi consulenza fiscale online con i nostri esperti sulla mensilità aggiuntiva della tredicesima, accedi alla nostra area di consulenza online.

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui