Pagamento stipendi in contanti 2018: come funziona dal primo luglio 2018

La legge di Bilancio 2018, dai commi 911 al 914 della legge n. 205 del 27/12/2017, dispone il divieto, ai datori di lavori ed ai committenti, al pagamento degli stipendi in contanti dal primo luglio 2018. La nuova normativa prevede che, qualsiasi prestazione lavorativa, sia subordinata o parasubordinata, venga pagata con modalità tracciabili, per garantire una maggiore trasparenza e per contrastare il lavoro irregolare.

Pagamento stipendi 2018: chi sono gli interessanti?

Dal primo luglio 2018 cambiano le modalità di pagamento degli stipendi. Sono interessati:

  • tutti i lavoratori nel privato, che prestano qualsiasi attività lavorativa subordinata;
  • i collaboratori che svolgono una prestazione lavorativa parasubordinata;
  • i professionisti che svolgono, un opera in maniera occasionale e non abituale senza partita iva (art. 2222 del c.c.)
  • i soci lavoratori delle cooperative.

Pagamenti stipendi in contanti: chi sono gli esclusi?

Non rientrano nella normativa della legge di bilancio 2018 e sono esclusi dallo stop del pagamento in contanti:

  • i rapporti di lavoro con la pubblica amministrazione;
  • i contratti di lavoro domestico conviventi e non conviventi. (baby sitter, colf e badanti)

In entrambi in casi, il datore di lavoro domestico o l’Ente di appartenenza, può ancora pagare in contanti quando l’importo sia inferiore a 3000 euro. Se lo stipendio è uguale o supera 3.000 euro, il datore di lavoro o l’Ente, dovrà pagare in altre modalità tracciabili, indicate dalla legge.

Pagamenti stipendi in contanti dal 1° luglio 2018: quali sono le modalità di pagamento tracciabili?

Il datore di lavoro o il committente potrà pagare lo stipendio del lavoratore o del collaboratore solo con queste modalità:

  • pagamenti elettronici;
  • bonifico bancario o postale sul conto corrente indicato dal lavoratore. Quest’ultimo deve consegnare il codice Iban del suo conto corrente o libretto.
  • pagamento in contanti presso uno sportello postale o bancario, con specifico mandato di pagamento emesso dal datore di lavoro o committente.
  • assegno bancario.

Se non rispetta tale normativa, al datore di lavoro o al committente, sarà applicata una sanzione pecuniaria da parte dell’Ispettorato del lavoro, da un minimo di 1000 euro ad un massimo di 5000 euro.

Pagamenti stipendi in contanti dal 1° luglio 2018: la firma come quietanza di pagamento ha valore?

L’articolo 1 comma 912 della legge di bilancio 2018, precisa che, dal primo luglio 2018, la firma del lavoratore sulla busta paga come quietanza liberatoria, non è una prova dell’avvenuto pagamento della retribuzione mensile (come già era previsto dalla sentenza della Corte di Cassazione n. 25463/2017). La prova, è il pagamento del netto indicato nel prospetto paga mensile, con modalità tracciabili (come bonifico bancario o postale).

Consulenza del team di insindacabili.it

Per qualsiasi consulenza personalizzata su previdenza, fisco o pratiche di rinnovo del permesso di soggiorno, clicca sulla nostra area dedica di consulenza online.

Hai trovato utile il nostro articolo? Hai chiarito qualche dubbio in merito ad un argomento? Effettua una Donazione ed aiutarai il nostro Team ad aggiornarti sempre con le ultime Novità 😉


Valuta l'articolo
[Totali: 5 Media: 5]

Posted byNicola Di Masi

Nicola Di Masi, ideatore e creatore di contenuti per il sito insindacabili.it. Abilitato Consulente del Lavoro e responsabile Caf da Maggio 2008 a tutt'oggi. Ha lavorato come Consulente del Lavoro, come operatore di Patronato e ha coordinato le attività formative di un Organismo Formativo Accreditato.

Invia il tuo Commento