Pensione Quota 100: come funziona, finestre 2019, quando parte

A chi spetta la pensione quota 100 nell’anno 2019? Secondo la bozza del decretone del governo, la pensione quota 100 è una misura pensionistica anticipata in via sperimentale dal 2019 al 2021 e può essere concessa ai cittadini con un’età anagrafica di 62 anni e 38 anni di contributi versati. 

Pensione quota 100: come funziona?

La quota 100 è un anticipo pensionistico per gli iscritti:

  • alla gestione obbligatoria dell’Inps (AGO)
  • alla gestione separata dell’Inps di cui all’art. 2, comma 26 della legge 8 Agosto 1995 n. 335,
  • gestione dei lavoratori autonomi;
  • alle forme esclusive e sostitutive della gestione obbligatoria Inps.

Per i cittadini che non siano in pensione e sono titolari di contribuzione in due o più gestioni pensionistiche, è possibile cumulare i contributi versati, per i periodi assicurativi non coincidenti. La pensione quota 100 permette di andare in pensione con:

  • 62 anni di età compiuti;
  • con 38 anni di contribuzione effettiva;

La pensione quota 100 è incompatibile:

  • con i redditi di lavoro dipendente;
  • con i redditi di lavoro autonomo (salvo quelli per lavoro autonomo occasionale, sino ad un limite complessivo di 5000 euro);

Pensione quota 100: finestre 2019?

La pensione quota 100 partirà dal 1° Aprile 2019, per coloro che hanno maturato i requisiti di 62 anni compiuti e 38 anni di contributi. Il sistema pensionistico quota 100 ha reintrodotto le finestre, assegnandole  in maniera differente, in base alla tipologia del lavoratore (settore pubblico o privato). I lavoratori del settore privato andranno in pensione a decorre dal:

  • 1° Aprile 2019, se hanno maturato i requisiti di 62 anni compiuti e 38 anni di contributi entro il 31 Dicembre 2018;
  • dopo tre mesi dalla maturazione dei requisiti di 62 anni compiuti e 38 anni di contributi, a partire dal 1° Gennaio 2019; (ad esempio per chi ha maturato i requisiti a Marzo 2019, la pensione sarà riconosciuta a decorrere dal 1° luglio 2019)

A differenza dei dipendenti del settore privato, i lavoratori pubblici potranno andare in pensione con Quota 100 solo:

  • dal 1° Luglio 2019, se maturano i requisiti (62 anni + 38 anni di contributi) entro il 31 Marzo 2019;
  • dopo 6 mesi dalla maturazione dei requisiti, a partire dal 1° Aprile 2019; (ad esempio per chi ha maturato i requisiti ad Aprile 2019, la pensione sarà riconosciuta a partire dal 1° Novembre 2019).

I lavoratori sia pubblici che privati, potranno lavorare sino all’ultimo giorno precedente alla data di decorrenza della pensione ed i dipendenti pubblici dovranno dare un preavviso di 6 mesi alla propria amministrazione pubblica.

Per tutte le ultime novità e sul calcolo della pensione anticipata quota 100, continua a seguirci su insindacabili.it.

Consulenza del team di insindacabili.it
Per qualsiasi consulenza previdenziale sulle pensioni di vecchiaia o anticipate, ti consigliamo di accedere alla nostra area dedicata di consulenza online.

Valuta l'articolo
[Totali: 6 Media: 5]

5 Commenti

  1. volevo sapere io ero in ferrovia ho maturato 30 anni più 2 ho 65 anni a marzo quando mi spetterebbe andare in pensione? Grazie

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui