Articolo aggiornato il 11 Giugno 2020 da Stefano Mastrangelo

Rimborsi 730 senza sostituto quando arrivano?

Quando paga l’Agenzia delle Entrate, il rimborso irpef senza sostituto di imposta? Per ricevere il rimborso direttamente dal Fisco, non bisogna indicare un sostituto di imposta sul 730 oppure nel caso in cui il rimborso superi i 4000 euro.

Infatti è molto importante indicare il sostituto di imposta, sulla dichiarazione dei redditi 730, a differenza del modello dei redditi delle persone fisiche (ex modello Unico). Il sostituto di imposta è il datore di lavoro che rimborserà i crediti irpef, previsti dalla dichiarazione fiscale o sottrarrà delle somme sulla busta paga o sulla disoccupazione, per eventuali imposte da pagare.

Come richiedere il rimborso all’Agenzia Entrate?

Per richiedere il rimborso Irpef all’Agenzia delle Entrate, prima di tutto non bisogna avere un datore di lavoro nel mese di Giugno e Luglio dell’anno in corso, oppure il rimborso del 730, deve essere superiore a 4000 euro.

Se il credito irpef è pari o superiore a questa cifra, verrà corrisposto direttamente dall’Agenzia delle Entrate, solo dopo i controlli preventivi da parte del Fisco.

Per indicare il 730 senza sostituto, bisogna cliccare nella sezione Sostituto d’imposta, su compila ed invia 730 su infoprecompilata e selezionare nessun sostituto.

730 senza sostituto di imposta
730 senza sostituto di imposta

Ogni anno bisogna controllare la scadenza del modello 730 e verificare da quando è possibile inviare la dichiarazione 730, tramite la piattaforma infoprecompilata dell’Agenzia delle Entrate, tramite il CAF o il commercialista.

Inoltre, in determinati periodo di emergenza, quando la situazione lavorativa è incerta (come nell’anno 2020), il governo può deliberare che è possibile inviare il modello 730 senza sostituto, anche con un datore di lavoro o un sostituto di imposta nei mesi di Giugno e Luglio.

La dichiarazione 730 senza sostituto può anche essere utilizzata per pagare le imposte irpef in 6 rate, con il modello F24 semplificato.

Quando arriva il rimborso?

La dichiarazione dei redditi si invia ogni anno entro il 23 Luglio, anche se, in periodi di emergenza, le scadenze sono prorogate sino al 30 Settembre. In tutti i casi, inviare tempestivamente la dichiarazione, ha diversi vantaggi. Prima di tutto l’Agenzia delle Entrate acquisisce correttamente la dichiarazione nei tempi previsti ed il datore di lavoro o l’INPS, riceve telematicamente, nel periodo giusto, il modello 730/4 per la liquidazione del rimborso.

Ovviamente tutti i dati, devono essere corretti e veritieri ed a ogni spesa deve essere documentata con una ricevuta o una fattura.

Dopo aver inviato il modello 730 senza sostituto, il rimborso si riceverà a partire dal mese di Dicembre, dell’anno di invio della dichiarazione dei redditi, attraverso:

  • un mandato di pagamento postale, da ricevere all’indirizzo di residenza del contribuente e da riscuotere all’ufficio postale di residenza; in caso di smarrimento o di errore, bisogna recarsi presso l’ufficio di competenza dell’Agenzia delle Entrate per richiederne un duplicato;
  • sul conto corrente bancario o postale, comunicato alla sede locale dell’Agenzia delle Entrate, attraverso il modulo cartaceo o tramite la piattaforma di fisconline.

Come verificare il pagamento?

Per controllare la convalida ed il pagamento del rimborso 730 senza sostituto, bisogna accedere ai servizi di fisconline con le credenziali dell’Agenzia delle Entrate.

Area riservata fisconline
Area riservata fisconline

Dopo essere entrato nella scrivania fiscale, bisogna cliccare su Consultazioni ed in seguito in Cassetto fiscale – Cassetto fiscale personale

Consultazione rimborso irpef
Consultazione rimborso irpef

E’ necessario cliccare su Rimborsi – Rimborsi II.DD. e controllare la situazione nella voce del rimborso. Nell’esempio il rimborso di 194 euro è stato accredito sul conto corrente del beneficiario. Se risulta: erogazione in corso no, significa che bisogna attendere il rimborso del 730.

Prima avviene la convalida del 730 ed entro 90 giorni, l’erogazione del rimborso.

Rimborso 730 Cassetta Fiscale
Rimborso 730 Cassetta Fiscale

Per conoscere l’importo del rimborso fiscale 730, è necessario consultare la dichiarazione dei redditi 730 all’interno del riquadro 730-3 rigo 164.

Importo che sarà rimborsato dall'Agenzia delle Entrate
Importo che sarà rimborsato dall’Agenzia delle Entrate

Nel caso in cui non si ricevere il rimborso entro 90 giorni dalla convalida ed entro 18 mesi dall’invio del modello dei Redditi persone fisiche, è necessario inviare una pec di sollecito, alla sede di competenza dell’Agenzia delle Entrate.

Consulenza Online del team di insindacabili.it
Vuoi ricevere una Consulenza online Professionale dal nostro Team di Esperti fiscali di insindacabili.it, visita la nostra area dedicata.

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui