Scadenza pagamento Imu 2019: quando si paga?

Scadenza Imu 2019 seconda rata in arrivo, nel mese di Dicembre 2019. A breve i CAF ed i consulenti fiscali contatteranno i proprietari di case, per pagare il saldo dell’imposta sugli immobili, entro il 16 Dicembre 2019 insieme alla Tasi, con eventuali aumenti.

Scadenza Imu e Tasi 2019: quando si paga?

L’Imu e la Tasi 2019 si pagano entro lo stesso giorno con il modello F24, elaborato dal CAF o commercialista, in un’unica rata o in due rate diverse. I versamenti 2019, si possono effettuare direttamente in banca o alla posta entro due scadenze previste:

  • entro il 17 Giugno 2019  (per il primo acconto o per la rata unica dell’interno anno)
  • entro il 16 Dicembre 2019 (per il pagamento del secondo acconto e per il conguaglio dell’intero anno d’imposta 2019).

Il pagamento della prima rata è avvenuta per il 50% dell’imposta sia dell’Imu e sia della Tasi. Mentre entro Dicembre 2019, si effettuerà il calcolo totale dell’intero anno, sottraendo quello già pagato a Giugno 2019.

Chi deve pagare l’Imu e la tasi?

L’Imu è un’imposta sugli immobili ed è dovuta per tutti coloro in possesso di:

  1. di prima casa di abitazione di lusso, con categoria catastale A/1, A/8, A/9,
  2. di seconde case di proprietà, con diritto di usufrutto, uso, abitazione, superficie, enfiteusi o per l’ex coniuge assegnatario dell’immobile,
  3. per le aree fabbricabili,
  4. in particolari casi, per i terreni;
  5. per gli immobili concessi in comodato gratuito (in questo caso la base imponibile è ridotta al 50%),
  6. sugli immobili con categoria commerciale.

Non si paga l’IMU per i seguenti immobili:

  • per le abitazioni principali e per le pertinenze annesse alla prima casa, dove il contribuente ha la residenza anagrafica e la dimora abituale, registrata presso l’anagrafe del Comune;
  • per i fabbricati rurali strumentali;
  • sugli immobili destinati ad abitazione principale al coniuge separato o divorziato;
  • nei Comuni Montani solo per i terreni;
  • per gli alloggi sociali;
  • per l’unico immobile posseduto dal personale delle Forze armate o delle forze dell’Ordine.

In tutti i casi, è importante leggere i regolamenti comunali approvati annualmente dal Consiglio Comunale, in quanto possono prevedere delle esenzioni e delle agevolazioni maggiori rispetto alla legge nazionale.

L’inquilino di una casa in affitto non deve pagare l’imposta Imu sull’immobile, però devo controllare se deve versare una parte della TASI.

Calcolo Imu e Tasi 2019: come si calcola l’IMU?

Il pagamento della Tasi e dell’Imu si riferisce all’anno in corso, ossia all’anno 2019. Quindi entro il 16 Dicembre 2019, si pagherà il saldo dell’anno 2019, degli immobili in possesso dal 1° Gennaio 2019 al 31 dicembre 2019. Ci potrebbero essere state delle variazioni dell’anno, ad esempio acquisizione di un’eredità o vendita di un immobile. In questo caso è opportuno ricalcolare l’imu dovuta, in base ai mesi di possesso.

Per pagare l’Imu, dobbiamo prima di tutto rivolgerci ad un geometra o ingegnere, per elaborare le visure catastali degli immobili di proprietà. In seguito dobbiamo prendere i dati indicati sulla visura:

  • rendita catastale dell’immobile o del valore dell’area fabbricabile del terreno;
  • la quota dei proprietari dei diversi immobili,
  • il Comune dove sono situati i fabbricati o i terreni.

Il secondo passaggio è quello di controllare l’aliquota IMU e TASI del nostro Comune consultando il sito del Mef.

Dopo aver raccolto tutti questi dati, bisogna rivalutare la rendita catastale della seconda casa di abitazione per il 5% (ossia rendita catastale + 5%) e moltiplicata per:

  • il coefficiente catastale relativo alla natura dell’immobile (160 per abitazioni);
  • l’aliquota Imu stabilita dal Comune dove è ubicato l’immobile.

Scadenza IMU 2019 saldo: come compilare il modello F24?

I valori ricavati, bisogna indicarli sul modello F24 semplificato. Ad esempio il modello F24 seguente è di una persona fisica con tre immobili. Il contribuente deve pagare 162 euro di IMU a saldo (codice tributo 3918 pagamento IMU) e 17 euro di Tasi, a saldo per l’intero anno 2019 (codice tributo 3961 pagamento TASI).

Scadenza IMU e Tasi giorno 16 Dicembre 2019
Scadenza IMU e Tasi giorno 16 Dicembre 2019

Nel caso di decesso di un genitore, è importante calcolare immediatamente l’imu e la tasi da versare e non aspettare la dichiarazione di successione dal Notaio o dal Consulente.

Riferimenti normativi: Circolare Mef n. 3/DF del 18/05/2002, Aliquote Imu e Tasi 2018, Software per il calcolo dell’Imu e della Tasi.

Valuta l'articolo
[Totali: 1 Media: 5]

Se vi sono altri commenti, ti consigliamo di leggerli. La tua risposta potrebbe essere già qui

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui