Scadenza tasse 2018: Unico e 730 senza sostituto

Scadenza tasse 2018: quali sono le scadenze dei pagamenti del modello Unico 2018 e del 730 2018 senza sostituto? Per chi ha presentato la dichiarazione dei redditi dell’anno 2018 ed è dovuto a pagare delle tasse per l’anno 2018, è il momento di sapere perché sto pagando e quali sono le scadenze dei versamenti per l’anno 2018.

Scadenza tasse 2018: perché devo pagare?

Se hai inviato il modello 730 2018 o il modello dei Redditi Persone fisiche (ex modello Unico) ed il tuo Caf o commercialista ti ha detto che purtroppo quest’anno devi pagare, tu cosa puoi fare? Prima di tutto, ti consigliamo, di controllare la dichiarazione dei redditi dell’anno 2018 e verificare che tutti i dati sono stati inseriti correttamente.

In un secondo momento, chiedi al consulente o al Caf, il motivo del pagamento delle imposte irpef e come è stata fatta la rateizzazione del tuo debito. Infatti, per chi ha presentato il modello 730 2018 o il modello Unico 2018, può pagare le imposte irpef in diversi modi e in numero massimo di sei rate. Nella maggior parte dei casi, un lavoratore, un pensionato o un percettore di reddito, paga delle maggiori imposte, rispetto a quelle indicate nella certificazione unica 2018, per i seguenti motivi:

  • ha ricevuto più cud nell’anno 2018, per aver avuto più rapporti nell’anno 2017;
  • nell’anno 2017, ha percepito  diverse pensioni, da enti diversi, o pensioni estere;
  • ha stipulato un contratto di locazione nell’anno 2017 o percepisce un canone di locazione annualmente;
  • per chi percepisce un canone di locazione con la clausola nel contratto di locazione: cedolare secca;
  • deve restituire il bonus Renzi per non avere superato i limiti di reddito 2017;
  • ha erroneamente indicato sul modello CU 2018, alcuni familiari fiscalmente a carico, che hanno superato nell’anno 2017 l’importo di euro 2840,51.

Rateizzazione redditi 2018: come posso rateizzare le imposte 2018?

Il contribuente ha due modi per pagare le tasse del 2017. Se sei un lavoratore dipendente puoi pagare direttamente in 5 rate:

  • sulla busta paga da luglio 2018 sino al cedolino di novembre 2018, se ha indicato sul modello 730, come sostituto d’imposta, il datore di lavoro e riportato il numero delle rate nel quadro F. Oppure potresti pagare in due sole rate, con una trattenuta nel cedolino paga di Luglio 2018 ed una a Novembre 2018;

Al contrario, se sei un pensionato pagherai le imposte 2018:

  • sul cedolino di pensione da agosto/settembre 2018, sino a novembre 2018;

Scadenza tasse 2018 con 730 2018 senza sostituto d’imposta

In entrambi i casi precedenti, il lavoratore o pensionato, potrebbe anche scegliere di pagare le imposte direttamente alla banca o alla posta con il modello F24. In questo caso è necessario inviare all’Agenzia delle Entrate, un modello 730 2018 senza sostituto (ossia senza un datore di lavoro che possa trattenere le tue imposte)  o una dichiarazione Unico 2018 persone fisiche. Il caf o il commercialista ti consegnerà o un modello F24 ordinario (composto da tre fogli per ogni singolo modello) o un modello F24 semplificato e quindi un unico foglio per ogni singolo pagamento. Se presenti il modello 730 2018 senza sostituto potresti, rateizzare, al massimo in questo modo:

  • entro il 02 luglio 2018 senza maggiorazione:
  • entro il 31 luglio 2018, per il pagamento della seconda rata:
  • pagare la terza rata entro il 31 Agosto 2018;
  • la quarta rata entro il 01 ottobre 2018;
  • entro il 31 Ottobre 2018 la quinta rata;
  • la sesta rata entro il 30 novembre 2018.

Scadenza tasse unico 2018 persone fisiche

Se hai inviato all’Agenzia delle Entrate il  modello Redditi Persone fisiche (Ex Unico 2018), potrai effettuare i versamenti delle tasse 2018 come per il modello 730 senza sostituto, a partire dal 2 Luglio 2018. Se non riesci a provvedere immediatamente al pagamento, potresti posticipare le date con una maggiorazione dello 0.40% e versare 5 rate:

  • entro il 20 Agosto 2018;
  • non oltre il 31 agosto 2018;
  • entro il 01 ottobre 2018;
  • la quarta rata entro il 31 ottobre 2018;
  • la quinta rata entro il 30 novembre 2018.

Versamenti Irpef 2018: cosa sto pagando?

Molti contribuenti si chiedono quali tasse sto pagando con i modelli F24? Abbiamo visto insieme i diversi motivi per i quali il lavoratore, pensionato o percettore di un reddito, è obbligato a pagare le tasse 2018. Dobbiamo però sapere che molti pagamenti sono acconti d’imposta richiesti dall’Agenzia delle Entrate, anticipatamente. Vediamolo insieme. Il codice tributo 4001 è il codice del pagamento dell’irpef delle tasse da pagare derivanti dalla dichiarazione dei redditi. In questo esempio l’importo è diviso in 5 rate (01 una di 5). Mentre è importantissimo conservare ed riportare nella dichiarazione dei redditi 2019, gli importi pagati con codice tributo 4033. Questo è il primo acconto d’imposta dovuto obbligatoriamente, che sarà recuperato il prossimo anno.

Scadenza tasse 2018

Scadenza tasse 2018

Nella seconda parte del modello F24, c’è il pagamento dell’addizionale regionale della Regione Puglia (codice 14) e l’addizionale comunale del Comune di Putignano (H096) e l’acconto d’imposta dell’addizionale comunale irpef da recuperare il prossimo anno, identificato con codice tributo 3843.

Scadenza tasse 2018

Scadenza tasse 2018

Infine nell’ultimo pagamento, evidenziamo il codice tributo 4034, perché questo è il secondo acconto d’imposta da recuperare il prossimo anno nella dichiarazione dei redditi 730 2019 o Unico persone fisiche 2019. Il codice tributo 1668, invece, identifica gli importi degli interessi per il pagamento rateizzato delle imposte.

Scadenza tasse 2018

Scadenza tasse 2018

Consulenza online di insindacabili.it

Se hai dubbi o vuoi chiarimenti sui pagamento del modello Unico 2018 o del modello 730 2018 senza sostituto d’imposta, clicca la nostra area dedicata di consulenza online.

Hai trovato utile il nostro articolo? Hai chiarito qualche dubbio in merito ad un argomento? Effettua una Donazione ed aiutarai il nostro Team ad aggiornarti sempre con le ultime Novità 😉


Posted by Nicola Di Masi

Nicola Di Masi, ideatore e creatore di contenuti per il sito insindacabili.it. Abilitato Consulente del Lavoro e responsabile Caf da Maggio 2008 a tutt'oggi. Ha lavorato come Consulente del Lavoro, come operatore di Patronato e ha coordinato le attività formative di un Organismo Formativo Accreditato.

Invia il tuo Commento